BURKINA FASO
01.10.18 - 06:000

Quella faccia del Fairtrade che non ti aspetti: 8 ore a spaccare noci

Se il marchio ecosolidale spesso è sinonimo di equo compenso per chi coltiva e produce non sempre è vero per chi lavora il prodotto, ma c'è chi ci prova

BOBO-DIOULASSO - È il 2018 ma sembra di essere nel 1750: una tavolata di metri e metri di operai armati di martello che spaccano, aprono, e sbucciano gli anacardi. Questo per otto ore al giorno.  Succede nell'azienda svizzera Fairtrade Gebana che coltiva e lavora gli anacardi in loco retribuendo la popolazione locale.

Un'ingiustizia? Forse no, considerando che l'alternativa utilizzata da marchi non "Fair" è quella di inviare il raccolto in Asia, più precisamente in Vietnam, dove il lavoro viene svolto con l'ausilio di macchinari. In questo modo si riescono ad abbattere il prezzi, che è una cosa fondamentale per i grossisti europei.

La scelta di Gebana è quindi oculata: investire in Africa per evitare migliaia di chilometri di spostamenti prima che i loro prodotti finiscano... nella bocca del consumatore. In questo modo, inoltre, si creano posti di lavoro sul territorio. Agli operai africani solitamente viene corrisposto il salario medio minimo, ma questo - in realtà - non sempre è possibile.

Anche il marchio-principe per il Fairtrade, Max Havelaar, non sempre è in grado di garantire un'equa retribuzione: questa viene corrisposta agli agricoltori e ai coltivatori ma non sempre a chi si occupa di lavorazioni ulteriori del prodotto. «Purtroppo è impossibile garantire un giusto compenso su tutta la filiera, se dovessimo farlo i prodotti sarebbero estremamente più costosi», spiega il portavoce di Max Havelaar Patricio Frei.

Questo articolo, originariamente apparso su 20 Minuten, è stato realizzato durante un viaggio in Burkina Faso organizzato da Gebana.

Commenti
 
Laura Bernasconi 6 mesi fa su fb
Che gia sono piu cari degli altri !!!!
Ctg 6 mesi fa su tio
Ci mancava anche di dover leggere le considerazioni di questa scienziata! Ma vai tu a lavorare!
sedelin 6 mesi fa su tio
signora isabel strassheim, qui si lavora più di 8 ore al giorno (42h settimanali); meglio mantenere la situazione com'è, almeno si dà lavoro e dignità a questa gente PIUTTOSTO CHE LA FAME LI SPINGA A FUGGIRE IN EUROPA!
Meiroslnaschebiancarlengua 6 mesi fa su tio
Otto ore al giorno sono una giornata lavorativa standard. Quando lavoravo alla fattoria di mio padre, a dagli 11 ai 19 anni lavoravo 11-12 ore al giorno tutta l'estate e i miei genitori 11-12 ore al giorno 6 giorni alla settomana tutto l'anno. E non era il 1750. Dalla foto, non sembra che sia poi il lavoro più faticoso del mondo. In conclusione, se non avete niente di intelligente da scrivere, non scrivete.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report