Keystone
IRLANDA / ITALIA
28.09.18 - 09:000

«Ryanair crede che i sindacati debbano fare quello che vuole lei»

Giornata di scioperi, anche nella vicina Italia. Chi è al tavolo: «Almeno sta trattando, solo fino a ieri non l'avrebbe fatto»

SWORDS / ROMA - Ryanair ha annunciato per oggi la cancellazione di 190 voli in Europa (i sindacati tedeschi dicono 250) a causa di scioperi del suo personale in Spagna, Belgio, Olanda, Portogallo, Italia e Germania. 

Nel farlo, ha enfatizzato i «notevoli progressi» che avrebbe ottenuto nelle trattative con i sindacati italiani e tedeschi. Ha però accusato i dipendenti di alcune compagnie concorrenti come TAP, KLM ed Eurowings di aizzare i dipendenti di Ryanair allo sciopero e ha deprecato l'atteggiamento ostile di un «sindacato minore» italiano (la UIL Trasporti) mentre altri tre sindacati definiti «principali» (FIT Cisl, Anpac e Anpav) hanno già «firmato un accordo».

Uno dei sindacati al tavolo: «Accordo? Non c'è nessun accordo» - «Non abbiamo raggiunto alcun accordo», precisa Salvatore Pellecchia, segretario generale aggiunto di uno dei sindacati italiani «principali» citati da Ryanair, la FIT Cisl. «L’unica cosa che abbiamo firmato è un memorandum of understanding», aggiunge. Le trattative, insomma, sono tutt’altro che finite. Pellecchia assicura però di aver ricevuto da Ryanair la «disponibilità» ad applicare la legislazione italiana ai dipendenti assunti in Italia e a riconoscere le stesse condizioni per i dipendenti assunti direttamente e quelli reclutati da agenzie esterne.

«Ora almeno Ryanair sta trattando: è positivo» - C’è ancora da fare, tuttavia, per quanto riguarda le retribuzioni: «L’obiettivo è avvicinare i lavoratori di Ryanair ai lavoratori con base in Italia delle altre compagnie aeree», fa sapere Pellecchia. Altro tasto ancora dolente, poi, sono le aspettative non retribuite cui i dipendenti sono costretti nei periodi in cui c’è poco lavoro: «Sono aspetti che vogliamo sanare». Il segretario di FIT Cisl, tuttavia, apprezza le aperture della low cost: «Fino all’altroieri Ryanair non incontrava nemmeno i sindacati mentre, ora, si siede a trattare: è positivo», sottolinea. «Cosa porteremo a casa dipenderà dalla trattativa: noi ci fermeremo un attimo prima che la corda si spezzi», assicura.

I passi avanti secondo chi è al tavolo delle trattative:

  1. «Disponibilità» di Ryanair ad applicare la legislazione italiana ai dipendenti assunti in Italia;
  2. Riconoscimento delle stesse condizioni per i dipendenti assunti direttamente e quelli reclutati da agenzie esterne.

E quello che c'è ancora da fare:

  1. Retribuzioni: bisogna avvicinare i lavoratori di Ryanair ai lavoratori con base in Italia delle altre compagnie aeree;
  2. Le aspettative non retribuite devono sparire.

La UIL contro - Per UIL Trasporti, che si trova dall’altra parte delle barricate, la questione è innanzitutto di principio: «È inaccettabile che Ryanair non riconosca il diritto di libera adesione sindacale», denuncia il coordinatore nazionale personale navigante, Ivan Viglietti. Il sindacato definito «minore» dalla compagnia, infatti, non è riconosciuto come interlocutore dalla compagnia, pur rappresentando «300 assistenti di volo e un centinaio di piloti di Ryanair». 

«È una farsa» - Per Viglietti, il contratto firmato per esempio da Anpac per i piloti rimane poi «di diritto irlandese fino al 2022» e rappresenta una «farsa», «un’operazione di pura cosmesi più utile all’azienda che ai lavoratori».

«Anche la commissaria europea per il lavoro, Marianne Thyssen, ha sottolineato l’importanza di conformarsi alle leggi locali», ricorda il coordinatore della UIL. La parte economica, poi, rimane «ampiamente insufficiente» e penalizza addirittura i dipendenti a livello contributivo. «Mancano inoltre tutti i diritti previdenziali e sanitari tipici della legge italiana» e rimangono invece le aspettative non retribuite. Non c’è traccia, infine, di regole per la progressione di carriera all’interno dell’azienda.

Quello che non va secondo i contrari:

  1. Ryanair «non riconosce il diritto di libera adesione sindacale»;
  2. Non si conforma alle leggi locali nonostante le sollecitazioni dell'UE;
  3. La parte economica rimane «ampiamente insufficiente»;
  4. «Mancano tutti i diritti previdenziali e sanitari tipici della legge italiana»;
  5. Rimangono le aspettative non retribuite;
  6. Non c’è traccia di regole per la progressione di carriera all’interno dell’azienda.

I concorrenti aizzano i sindacalisti? «È assurdo» - Sull’accusa, poi, che le compagnie concorrenti mandino avanti dei sindacalisti per mettere in difficoltà Ryanair, Viglietti è categorico: «È un’assurdità: in ogni sindacato ci sono rappresentanti dei lavoratori che sono attivi in aziende diverse, ma perseguono gli interessi dei lavoratori che rappresentano non dell’azienda per cui lavorano», sottolinea. «Il sindacato non appartiene al datore di lavoro, ma ai lavoratori: Ryanair non lo capisce perché parte dal presupposto che il sindacato debba fare quello che vuole lei», conclude.

Commenti
 
Zulmira Conceição 10 mesi fa su fb
ho deciso di non volare più con Ryanair, sembra che hanno prezzi buoni ma a conti fatti, quando devi pagare tutti gli extra,non bastavano gli snack, bibite, posti vicini adesso anche il bagaglio a mano, spesso si risparmia guardando altre compagnie e anche con qualcosa in più almeno non pago sfruttatori che si arricchiscono.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
45 min

Fermato in auto col cadavere della moglie in valigia

A bordo anche i figli di 6 e 8 anni

INDIA
4 ore

La moglie scappa con l'amante: lui condannato a pagare con 71 pecore

Lo ha deciso il consiglio del villaggio di un paesino rurale in India ma il padre del "Romeo" non ci sta: «È un furto di bestiame illegale»

VIDEO E AGGIORNAMENTI
ITALIA
5 ore

Open Arms: in 5 si gettano in mare, Spagna e Francia: «Li accogliamo noi»

I 107 hanno passato la 16esima notte a bordo in attesa dei risultati delle indagini della Procura: «A bordo situazione insostenibile»

FRANCIA
8 ore

Il cameriere era troppo lento e lui allora lo ha ammazzato

È successo alle porte di Parigi, visto che il suo panino non arrivava più un cliente di un bistrot ha estratto la pistola e ha aperto il fuoco

FOTO
CINA
10 ore

In una piovosa Hong Kong in migliaia pronti a manifestare ancora

La folla oceanica oggi presidierà Victoria Park, dovrebbe essere una giornata di proteste pacifiche

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile