Keystone
UNIONE EUROPEA
20.12.17 - 10:010
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:05

«Uber è un servizio di trasporto, così va regolamentato»

Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell'Ue. La sentenza «non comporterà cambiamenti»

BRUXELLES - Uber è un servizio di trasporto, e spetta quindi agli stati membri regolamentarlo come tale. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell'Ue.

Di conseguenza il servizio di messa in contatto con conducenti non professionisti fornito dalla piattaforma online deve essere escluso dall'applicazione della libera prestazione dei servizi nonché delle direttive Ue sui servizi e sul commercio elettronico.

Secondo i giudici di Lussemburgo, un servizio d'intermediazione come quello di Uber, che mette in contatto via app e dietro retribuzione conducenti non professionisti utilizzatori della propria auto con persone che desiderano effettuare uno spostamento, «deve essere considerato indissolubilmente legato a un servizio di trasporto e rientrante, pertanto, nella qualificazione di 'servizio nel settore dei trasporti'».

Non si possono quindi applicare le norme che valgono per la libera prestazione dei servizi né per il commercio. E' quindi «compito degli stati membri disciplinare le condizioni di prestazione di siffatti servizi nel rispetto delle norme Ue».

La Corte dichiara, innanzitutto, che «il servizio fornito da Uber non è soltanto un servizio d'intermediazione in quanto il fornitore crea al contempo un'offerta di servizi di trasporto urbano».

L'app di Uber, infatti, «è indispensabile sia per i conducenti sia per le persone che intendono effettuare uno spostamento», oltre al fatto che Uber esercita «un'influenza determinante sulle condizioni della prestazione dei conducenti».

Lussemburgo conclude quindi che il servizio fornito da Uber «deve essere considerato parte integrante di un servizio complessivo in cui l'elemento principale è un servizio di trasporto» e non un servizio digitale. Di conseguenza non si applica in questo caso la direttiva Ue sul commercio elettronico e nemmeno la direttiva servizi nel mercato interno.

Per lo stesso motivo Uber non rientra neppure nella libera prestazione dei servizi in generale, ma nella politica comune dei trasporti. E finora, ricorda la Corte, i servizi di trasporto non collettivi in area urbana così come i servizi collegati quali Uber «non hanno portato all'adozione di norme comuni Ue sul fondamento di tale politica».

La sentenza «non comporterà cambiamenti» - «Questa sentenza non comporterà cambiamenti nella maggior parte dei paesi dell'Ue dove già siamo presenti e in cui operiamo in base alla legge sui trasporti». Così un portavoce di Uber ha commentato la sentenza della Corte di giustizia Ue.

«Tuttavia, milioni di cittadini europei ancora non possono utilizzare app come la nostra. È arrivato il momento di regolamentare servizi come Uber, come anche il nostro Ceo afferma, ed è per questo che continueremo il dialogo con le città di tutta Europa, con l'obiettivo di garantire a tutti un servizio affidabile a portata di clic».

La risposta dei sindacati europei - Alla luce della sentenza odierna «Uber deve riconoscere e rispettare le norme che regolamentano i servizi nazionali di trasporto», ha sottolineato il segretario confederale della Ces Thiebaut Weber. «Questo significa anche rispettare i diritti dei lavoratori e per questo invitiamo l'azienda a sedersi intorno a un tavolo per stabilire anche, per i conducenti, compensi equi ed adeguate condizioni di lavoro».

TOP NEWS Dal Mondo
COREA DEL SUD
1 ora
Droni per contrastare il coronavirus
Li ha impiegati la Corea del Sud per disinfettare una cinquantina di scuole
STATI UNITI
3 ore
Trump perdona quattro condannati
Gli uomini, coinvolti in casi di truffa e corruzione, possono tornare in libertà
CINA
4 ore
Fabbrica pronta in 6 giorni: produrrà 250mila mascherine al giorno
Nuovo exploit a Pechino per contenere il contagio da coronavirus. I lavori saranno conclusi entro sabato
REGNO UNITO
5 ore
Gigatagli in casa Hsbc: verranno licenziati 35'000 dipendenti
Il maxipiano verrà attuato in due anni e interesserà soprattutto filiali in Usa e Ue. L'esperto: «Colpa dei manager troppo ottimisti»
STATI UNITI
6 ore
Stava pulendo una pistola, parte un colpo e uccide il suo migliore amico
L'incidente è avvenuto domenica scorsa nell'Oklahoma. La vittima aveva 21 anni
IRLANDA
11 ore
Nave alla deriva da 17 mesi attraversa l'Atlantico e si incaglia sulle coste irlandesi
L'ultima volta era stata avvistata nel settembre del 2019
STATI UNITI
14 ore
Abusi negli scout: Boy Scouts of America dichiara fallimento per pagare i risarcimenti
L'organizzazione deve far fronte a centinaia di denunce: «Vogliamo continuare a portare avanti la nostra missione»
CINA
14 ore
I turisti cinesi spendevano 277 miliardi di dollari: e ora?
Dagli alberghi ai negozi di lusso: il calo delle presenze e del giro d'affari legati al coronavirus sta già colpendo determinati settori
STATI UNITI
15 ore
Il coronavirus peserà sui ricavi di Apple nel primo trimestre
Soffre inoltre il mercato interno cinese a causa della chiusura di molti rivenditori
STATI UNITI
17 ore
«Devo prelevare 25mila dollari», il taxista la salva dalla truffa
Una 92enne stava per cascare nella trappola di un falso impiegato dell’Internal Revenue Service
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile