Immobili
Veicoli
Keystone
REGNO UNITO
06.12.21 - 20:430

«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»

Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari

LONDRA - Con la sua negligenza, Facebook avrebbe contribuito al genocidio dei musulmani Rohingya in Myanmar e in altri Paesi.

È quello che sostiene una doppia class action, depositata nel Regno Unito e negli Stati Uniti e che - riporta il Guardian - chiede all'azienda di Zuckerberg 150 miliardi di dollari in danni.

Stando ai querelanti, il social non avrebbe fatto nulla per placare il discorso d'odio e - anzi - i suoi algoritmi hanno in qualche modo premiato i post che ne incitavano l'uccisione, rendendoli più visibili all'utenza.

«Facebook ha scambiato le vite dei Rohingya per il suo profitto e per una maggiore diffusione nel mercato in una piccola nazione del Sud-est asiatico», riporta il testo, «anche di fronte all'evidenza dei fatti, il social network ha comunque continuato a fare quello che stava facendo».

Facebook, arrivato nel Paese nel 2011 si è rapidamente diffuso in maniera capillare nella società. Già nel 2018 l'azienda aveva pubblicamente confermato di non aver fatto abbastanza per prevenire le incitazioni alla violenza e all'odio contro i Rohingya.

Stando a quanto confermato da un'indagine indipendente svolta per conto del social network, diversi post possono essere collegati ad aggressioni e violenze nel mondo reale.

Una problematica, quella delle campagne d'odio in aree del mondo più discoste volutamente ignorate da Facebook, di cui aveva parlato anche la whistleblower Frances Haugen.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
NUOVA ZELANDA
38 min
Tonga, forse c'è stata una «nuova grande eruzione»
Lo confermereberro n sismografi, intanto dalla Nuova Zelanda il primo aereo per tentare di attestare i danni
COREA DEL SUD
2 ore
Uomini che odiano il femminismo
Il caso della Corea del Sud dove i gruppi maschilisti contro la «discriminazione di genere» sono sulla cresta dell'onda
REGNO UNITO
13 ore
«A Downing Street si beveva ogni venerdì sera»
Il "Partygate" continua far discutere: mentre Johnson pensa a licenziamenti e divieti, molti chiedono la sua rimozione
STATI UNITI
16 ore
«Questo virus rimarrà con noi, probabilmente per sempre»
Parola di Robert Wachter, una delle voci più ascoltate sulla pandemia negli Usa
STATI UNITI
22 ore
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
1 gior
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
TONGA
1 gior
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
LIVE CORONAVIRUS
1 gior
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
TONGA
1 gior
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
2 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile