keystone-sda.ch
TAIWAN
28.10.21 - 09:490

«Quando un regime autoritario mostra mire espansionistiche, i Paesi democratici dovrebbero fare fronte comune»

Le parole della presidente Tsai Ing-wen a fronte di una tensione sempre altissima con Pechino e l'alleanza con gli Usa

TAIPEI - A soli 200 chilometri dalla costa cinese, con i suoi 23 milioni di abitanti e una storia di rivalsa e indipendenza, è una vista intollerabile per Pechino. Per questo motivo nelle scorse settimane ha alzato ulteriormente la pressione con una serie di manovre aeree non apertamente aggressive ma che restano una dichiarazione d'intenti, anche nei confronti degli avversari della Cina e soprattutto degli Stati Uniti.

Taiwan, al momento, si trova fra due fuochi: «Ogni giorno ci impegniamo duramente per proteggere tutti quanti sull'isola così come i valori della democrazia e della libertà», spiega in un'intervista esclusiva ai microfoni della Cnn la presidente Tsai Ing-wen, «non possiamo fallire, altrimenti sarebbe come se questi valori fondamentali non contassero più nulla».

L'inasprimento dei rapporti fra Taipei e Pechino è figlio di un rinnovato interesse per la politica occidentale che ruota attorno agli Stati Uniti per quella che risulta essere una pedina fondamentale nello scacchiere strategico globale. 

«Sì, ci sono soldati americani su Taiwan e ci stanno aiutando ad addestrare le nostre truppe a scopo difensivo», ha confermato per la prima volta Ing-wen, «non sono tanti, o almeno non così tanti come la gente crede». Gli ultimi dispiegamenti americani sull'isola erano stati ufficialmente ritirati nel 1979, un ritorno delle truppe Usa era stato vociferato ma mai confermato.

Una cooperazione, quella con gli States di Joe Biden, che continua a fronte della rinnovata spinta d'espansione cinese. Da cui l'appello della presidente ad altri Paesi nell'area - fra i quali Australia e Corea del Sud, con i quali gli Stati Uniti sono in buoni rapporti - a riunirsi: «Quando un regime autoritario mostra tendenze espansionistiche, i Paesi democratici dovrebbero fare fronte comune. Se Taiwan cade, la democrazia globale è a rischio».

Malgrado Pechino abbia ufficialmente dichiarato di non riconoscere il governo di Taiwan e non abbia intenzione di averci a che fare, per Ing-wen la diplomazia resta ancora una possibilità, per quanto remota: «Se potessimo sederci a un tavolo e discutere, visto la differenza dei nostri sistemi di governo, potremmo appianare le nostre divergenze e trovare un punto d'incontro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
LIVE
Omicron ha una variante “occulta” che la rende difficile da tracciare
In Austria ospedali allo stremo, in Spagna si vaccinano i bambini e l'Oms ragiona sull'obbligo vaccinale
GERMANIA
9 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
11 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
13 ore
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
16 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
18 ore
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
1 gior
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile