Immobili
Veicoli
Deposit
Spagna
03.11.21 - 08:050
Aggiornamento : 08:27

In 13 anni sono morte 379 persone nel tentativo di farsi un selfie

La metà di loro è precipitata nel vuoto perché si era sporta troppo

Solo nei primi sette mesi del 2021 sono decedute 30 persone e la paura dei ricercatori è che il bilancio si aggravi ulteriormente, diventando il più nefasto di sempre

MADRID - Tra scatti e autoscatti può scappare il morto. A volte nella corsa al selfie perfetto è necessario fermarsi e chiedersi se valga davvero la pena sporgersi così tanto dalla montagna. Dal 2008 a oggi sono stati recensiti 379 decessi legati al tentativo d'immortalare l'attimo. Ad essere maggiormente coinvolti sono i giovani adulti, tra i 18 e i 24 anni.

Precipitano, vengono investiti o annegano. Sono tutte storie iniziate con un sorriso in camera e finite in tragedia. A volte anche davanti ai propri figli di 5 e 6 anni, come era successo a due genitori polacchi in vacanza in Portogallo che erano caduti da una falesia. O ancora il caso svizzero del maggio 2019, in cui un 35enne del vallesano che si trovava al Creux-du-Van nel canton Neuchâtel, facendosi un selfie, è precipitato nella corona rocciosa per 160 metri.

Le statistiche raggruppate da sette ricercatori della Fundación iO, un'organizzazione scientifica spagnola specializzata nello studio delle malattie tropicali e legate ai viaggi, mostrano che il 52% delle morti per selfie sono causate da delle cadute, il 26% dai trasporti, come barche, moto o aerei, il 15% dai treni e il 14% dagli annegamenti. Rientrano nelle cause anche armi, elettricità, cascate, animali e suicidi. Sul caso dell'elettricità, proprio quest'anno un fulmine ha ucciso 16 persone che si stavano facendo un selfie in cima a una torre di guardia del Forte Amber, in India.

Ed è l'India, inoltre, il Paese in cui è accaduto più volte che qualcuno trovasse la morte nella ricerca di un selfie. Con 100 morti dal 2008 è la meta più tragica, seguita da Stati Uniti (39), Russia (33) e Pakistan (21). È inoltre possibile vedere anche la nazionalità delle persone decedute fino a oggi: sono 93 indiani, 30 russi, 26 statunitensi e 21 pakistani. Perché su 379 decessi, 250 riguardano persone che risiedono nel paese dove è avvenuto l'incidente e 129 sono turisti.

Quest'anno rischia di essere il più nefasto, con già 30 morti nei primi sette mesi, 8 di questi turisti. Da gennaio a luglio è deceduta, in media, una persona ogni 13 giorni mentre si faceva un selfie. Dal 2008 a oggi il picco più alto di morti in un anno è stato il 2019 con 68 morti. Tra i residenti nei paesi dove sono avvenuti gli incidenti, sono stati registrati più morti in persone di 15, 18, 21 e 24 anni di età. I turisti più toccati avevano rispettivamente 19, 24 e 58 anni.

I ricercatori hanno inoltre stilato una lista anche in base ai luoghi dove sono avvenuti più incidenti mortali di questo tipo. Tra questi figurano le Cascate del Niagara, il Glen Canyon, la catena montuosa degli Urali e il Taj Mahal.

Come spiega Cristina Juesas, una co-autrice dello studio, a BfmTv, «è un numero che tende ad aumentare ogni anno, con unica eccezione il 2020, perché a causa del Covid il turismo di massa era molto diminuito». La ricercatrice ha inoltre sottolineato che i professionisti della salute dovrebbero cominciare a mettere in guardia i viaggiatori per «una questione di prudenza ed educazione. Bisogna che le persone siano capaci di riconoscere quando si trovano in un luogo rischioso, come nei pressi di una falesia, dove la probabilità di cadere è piuttosto alta».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
4 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
7 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
12 ore
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
19 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
1 gior
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
1 gior
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
1 gior
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile