Keystone
Da una protesta in Turchia per la liberazione degli Uiguri, novembre 2018
Cina
19.10.21 - 23:390
Aggiornamento : 20.10.21 - 07:46

Come la Cina controlla gli uiguri: gli sconosciuti che danno caramelle ai bambini

Un nuovo rapporto rivela le strategie di Pechino «per eliminare il dissenso»

XINJIANG - Chiusi in campi rieducativi per anni. Allontanati dalle proprie famiglie. Dei testimoni parlano anche di genocidio. Della questione uiguri si parla da anni, ma il rapporto di un think tank oggi rivela la strategia di oppressione da parte di Pechino sullo Xianjiang.

Repressione, controllo e rieducazione. Sono i tre principi fondamentali della campagna di Pechino nella regione autonoma dello Xinjiang. Ma che così autonoma in realtà non è. Nel 2017 è arrivata la prima denuncia di una campagna che va avanti dal 2014. Gli uiguri, una popolazione a maggioranza musulmana, viene perseguitata dal governo cinese. Ma non solo. Questo è entrato nella vita quotidiana della popolazione per esercitare una pressione sulle emozioni, i valori e l'educazione al fine di creare quello che il partito-stato cinese chiama «stabilità globale».

Un rapporto del think tank, ovvero un organismo indipendente dalle forze politiche, Australian Strategic Policy Institute (Aspi) rivela come il governo cinese stia utilizzando, tra le altre cose, la polizia predittiva, ovvero un sistema matematico e analitico utilizzato per identificare delle potenziali attività criminali.

Oltre alla tecnologia, vengono utilizzate delle persone, riunite in comitati che secondo i ricercatori rispecchiano «i comitati rivoluzionari di quartiere dell'era Mao» che fanno riunioni quotidiane e delegano visite a domicilio, nonché indagini e valutano se qualcuno ha bisogno della rieducazione. Questa consiste nell'essere deportato in un campo di lavoro forzato che agisce sulle persone in modo da cambiarle, che la Cina afferma essere invece un luogo di formazione. Si parla di più di un milione di persone.

Diverse inchieste hanno rivelato che in questi campi vengono prodotte delle merci che entrano poi nel mercato globale, anche di marche conosciute come Nike, Zara e H&M. Recentemente sono state accusate di aver preso parte nello sfruttamento degli uiguri anche Hugo Boss, Aldi, Lidl e C&A.

L'Aspi inoltre, insieme al rapporto, pubblica diversi manuali d'istruzione che i comitati e la polizia devono seguire nella gestione dello Xinjinag. Per esempio mostrano che quello della città di Kashgar consiglia di «mostrare calore agli uiguri e dare caramelle ai bambini» mentre li osservano. Il rapporto, come riporta il Guardian, afferma che «i meccanismi di controllo basati sulla comunità dello Xinjiang fanno parte di una spinta nazionale per migliorare la governance di base, che cerca di mobilitare le masse per aiutare a eliminare il dissenso e l'instabilità e per aumentare il dominio del partito negli strati più bassi della società».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
LIVE
Omicron ha una variante “occulta” che la rende difficile da tracciare
In Austria ospedali allo stremo, in Spagna si vaccinano i bambini e l'Oms ragiona sull'obbligo vaccinale
GERMANIA
10 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
11 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
13 ore
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
16 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
18 ore
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
1 gior
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile