Immobili
Veicoli
Keystone
Da una protesta in Turchia per la liberazione degli Uiguri, novembre 2018
Cina
19.10.21 - 23:390
Aggiornamento : 20.10.21 - 07:46

Come la Cina controlla gli uiguri: gli sconosciuti che danno caramelle ai bambini

Un nuovo rapporto rivela le strategie di Pechino «per eliminare il dissenso»

XINJIANG - Chiusi in campi rieducativi per anni. Allontanati dalle proprie famiglie. Dei testimoni parlano anche di genocidio. Della questione uiguri si parla da anni, ma il rapporto di un think tank oggi rivela la strategia di oppressione da parte di Pechino sullo Xianjiang.

Repressione, controllo e rieducazione. Sono i tre principi fondamentali della campagna di Pechino nella regione autonoma dello Xinjiang. Ma che così autonoma in realtà non è. Nel 2017 è arrivata la prima denuncia di una campagna che va avanti dal 2014. Gli uiguri, una popolazione a maggioranza musulmana, viene perseguitata dal governo cinese. Ma non solo. Questo è entrato nella vita quotidiana della popolazione per esercitare una pressione sulle emozioni, i valori e l'educazione al fine di creare quello che il partito-stato cinese chiama «stabilità globale».

Un rapporto del think tank, ovvero un organismo indipendente dalle forze politiche, Australian Strategic Policy Institute (Aspi) rivela come il governo cinese stia utilizzando, tra le altre cose, la polizia predittiva, ovvero un sistema matematico e analitico utilizzato per identificare delle potenziali attività criminali.

Oltre alla tecnologia, vengono utilizzate delle persone, riunite in comitati che secondo i ricercatori rispecchiano «i comitati rivoluzionari di quartiere dell'era Mao» che fanno riunioni quotidiane e delegano visite a domicilio, nonché indagini e valutano se qualcuno ha bisogno della rieducazione. Questa consiste nell'essere deportato in un campo di lavoro forzato che agisce sulle persone in modo da cambiarle, che la Cina afferma essere invece un luogo di formazione. Si parla di più di un milione di persone.

Diverse inchieste hanno rivelato che in questi campi vengono prodotte delle merci che entrano poi nel mercato globale, anche di marche conosciute come Nike, Zara e H&M. Recentemente sono state accusate di aver preso parte nello sfruttamento degli uiguri anche Hugo Boss, Aldi, Lidl e C&A.

L'Aspi inoltre, insieme al rapporto, pubblica diversi manuali d'istruzione che i comitati e la polizia devono seguire nella gestione dello Xinjinag. Per esempio mostrano che quello della città di Kashgar consiglia di «mostrare calore agli uiguri e dare caramelle ai bambini» mentre li osservano. Il rapporto, come riporta il Guardian, afferma che «i meccanismi di controllo basati sulla comunità dello Xinjiang fanno parte di una spinta nazionale per migliorare la governance di base, che cerca di mobilitare le masse per aiutare a eliminare il dissenso e l'instabilità e per aumentare il dominio del partito negli strati più bassi della società».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La sorella di Omicron sarebbe anche in Lombardia
Sul portale internazionale di dati genomici sono stati segnalati dieci casi di BA.2 nella vicina Penisola
ITALIA
10 ore
Il giallo di Camilla Canepa, i dottori sapevano che era vaccinata
La 18enne e la sua famiglia avevano avvisato i medici, nonostante questo non sono state seguite le linee guida dell'Isth
BRASILE
13 ore
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
21 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
23 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
1 gior
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
1 gior
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
1 gior
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
VIDEO
ITALIA
1 gior
Quirinale, i "bookmaker" oggi dicono Casini
L'ex presidente della Camera parte in pole. Il centrodestra compatto su Sabino Cassese? Alle 11 via al quarto scrutinio
TAGIKISTAN
1 gior
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile