Keystone
Germania
19.10.21 - 16:310

Molestie sessuali e favoritismi: così è stato licenziato il direttore di uno dei più importanti quotidiani tedeschi

Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»

BERLINO - Il licenziamento in tronco di Julian Reichelt è iniziato con una carriera in ascesa. Per anni il giornalista ha abusato della sua autorità nei confronti di stagiste e dipendenti e per anni, nonostante le denunce, il presidente del gruppo editoriale Mathias Döpfner lo ha difeso e promosso a direttore della Bild, uno dei maggior media europei.

La questione Reichelt inizia nel 2016, quando aveva 36 anni. A quel tempo aveva una relazione segreta con una tirocinante di 25 anni. Come riportato in una testimonianza depositata agli investigatori di uno studio legale assunto dalla Bild per chiarire il comportamento del giornalista all’interno della redazione, l'uomo sapeva di non poter avere una relazione con la giovane dipendente. Aveva infatti detto: «se lo scoprono, mi licenziano».

Eppure le cose sono andate diversamente. Perché la relazione andò avanti e sempre in quel mese di novembre una donna che lavorava alla Bild denunciava di essere stata molestata da Reichelt. Allontanato, tornò qualche tempo dopo, promosso al primo posto della redazione.

Il New York Times ha raccolto la storia di una donna che nel 2018 era praticante alla Bild e che era stata portata da Reichelt in un albergo non lontano dal posto di lavoro dove avevano fatto sesso. L'allora praticante lo aveva raccontato in un'inchiesta interna avvenuta a marzo, ma il risultato fu che il direttore venne sospeso per 12 giorni, dopo i quali reintegrò l'azienda senza nessun cambiamento, se non che fu affiancato da una condirettrice, Alexandra Würzbach. La donna aveva inoltre spiegato che aveva guadagnato un posto migliore per quella relazione e che un editore le aveva detto: «Sono stanco di dover assumere donne con cui il signor Reichelt ha avuto rapporti».

È inoltre saltato fuori nell'inchiesta il fatto che il presidente di Axel Springer cercava di coprire il direttore della Bild. Questo perché, come rivelano dei messaggi mandati a un amico il primo marzo, aveva scritto: «Dobbiamo stare particolarmente attenti nelle indagini perché il signor Reichelt è l'unico e ultimo giornalista in Germania che ha ancora il coraggio di ribellarsi al nuovo stato autoritario della DDR», o Germania dell'Est comunista. Questo in riferimento alle chiusure imposte da Angela Merkel durante la pandemia.

Tutto ciò era rimasto interno all'azienda finché le testimonianze dell'indagine interna non sono arrivate nella redazione del New York Times, che le ha pubblicate. Tra le dichiarazioni più d'impatto da parte di impiegati, giornalisti ed editori c'è la seguente: «Chi va a letto con il capo, ottiene un lavoro migliore». La redazione newyorkese ha spiegato che le carte consultate hanno rivelato «una cultura del lavoro che mescolava sesso, giornalismo e denaro aziendale».

Lo scandalo esploso, Julian Reichelt è stato licenziato in tronco dopo la pubblicazione. Lo ha comunicato lo stesso presidente e amministratore delegato di Axel Springer in una nota, con l'accusa al giornalista di aver abusato della sua posizione per anni per molestare le dipendenti e di non aver saputo separare la sfera privata da quella professionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
LIVE
Omicron ha una variante “occulta” che la rende difficile da tracciare
In Austria ospedali allo stremo, in Spagna si vaccinano i bambini e l'Oms ragiona sull'obbligo vaccinale
GERMANIA
10 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
11 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
13 ore
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
16 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
18 ore
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
1 gior
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile