AFP
La zia di Eitan, Aya Biran, alla Corte di Giustizia israeliana per la battaglia legale sulla custodia del piccolo.
ITALIA/ISRAELE
15.10.21 - 22:100

Caso Eitan, ancora tira e molla tra i famigliari

Aya Biran Nirko accusata di «uso illegale» dei cellulari dei genitori di Eitan e di furto.

«Denuncia infondata. Quando una persona è sconvolta non bisogna giudicarla», così gli avvocati della zia.

TEL AVIV - C'è un nuovo fronte nella battaglia legale della famiglia del piccolo Eitan, il bimbo unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone. Secondo quanto riferito dai media israeliani, la nonna materna, Etty Peleg Cohen, ha denunciato alla polizia di Tel Aviv Aya Biran Nirko, zia paterna e sua affidataria, per «uso illegale» dei cellulari ritrovati nella casa dei genitori di Eitan, e dei contenuti del computer nella causa in corso davanti al Tribunale della Famiglia, oltre che di «furto di gioielli, Ipad e macchine fotografiche».

Nella denuncia - secondo la tv N12- si afferma inoltre che «la famiglia Biran Nirko ha attivato una raccolta di fondi in rete destinati presumibilmente al benessere e al trattamento psicologico di Eitan, ma che sarebbero stati utilizzati per le spese legali». L'emittente ha ripreso una dichiarazione della donna all'uscita dal posto di polizia di Tel Aviv.

«Sono la nonna di Eitan», dice la donna nel servizio, «e faccio di tutto per proteggerlo. Spero che riusciremo a tenerlo qui in Israele e che il bambino viva nella sua patria e con il suo popolo». Gli avvocati di Aya Biran Nirko hanno replicato alla stessa rete televisiva che la «denuncia è infondata. Quando una persona è sconvolta non bisogna giudicarla».

Si affilano dunque le armi in attesa della decisione del Tribunale della famiglia di Tel Aviv sulla causa intentata da Aya Biran contro Shmuel Peleg, nonno materno che oltre un mese fa ha portato Eitan in Israele senza consenso e che a Pavia è indagato per sequestro di persona.

La giudice Iris Itolovich Segal, che è chiamata a decidere se il bambino debba tornare in Italia in base alla Convezione dell'Aja sulla sottrazione dei minori, ha ancora una decina di giorni a sua disposizione, ma il verdetto potrebbe essere imminente, non si esclude già nel weekend. Tuttavia, anche se la sentenza fosse favorevole alla zia Aya, non è detto che Eitan possa tornare in Italia «immediatamente», come richiesto dalla donna. In primo luogo perché la decisione può essere appellata da entrambe le parti. Inoltre, dopo la denuncia di nonna Peleg, non è escluso che Aya debba restare in Israele.

Nella udienza preliminare del 23 settembre c'era stata una «intesa temporanea» fra le due famiglie, favorita dalla stessa giudice. Una sorta di tregua armata, che, alla luce della denuncia della nonna, sembra ora essere stata infranta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
Minorenni reclutate per Epstein? Ghislaine Maxwell a processo
La 59enne ex compagna di Epstein si è dichiarata non colpevole di tutti i capi d'accusa
FRANCIA
15 ore
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
19 ore
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
LIVE
MONDO
LIVE
L'OMS: «Si lascino aperte le frontiere»
La responsabile dell'Oms invita a non imporre bandi per contrastare Omicron: «Intaccano la solidarietà globale»
ITALIA
1 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
2 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
2 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile