Immobili
Veicoli
AFP
+3
LIBANO
14.10.21 - 15:000
Aggiornamento : 16:50

Scoppia la guerriglia in città a Beirut, diversi morti e feriti

La manifestazione contro il giudice a capo delle indagini sull'esplosione dell'estate 2020 è sfociata nel sangue

I gruppi sciiti accusano di aver subito «un'aggressione violenta e premeditata»

BEIRUT - Tra mitragliatrici e lanciarazzi, a Beirut ha avuto luogo nelle scorse ore una vera e propria guerriglia urbana, il cui bilancio attuale - di 6 morti e 30 feriti - potrebbe peggiorare ulteriormente.

Come riporta la CNN, si tratta della peggiore esplosione di violenze nel Paese da almeno un decennio.

Il tutto è degenerato questa mattina, con i primi colpi esplosi durante una manifestazione davanti al Palazzo di giustizia a Beirut. Le proteste riguardavano la potente deflagrazione avvenuta al porto della città, nell'agosto 2020, che ha provocato più di duecento morti. I manifestanti chiedevano a gran voce la rimozione del giudice Tarek Bitar, che sta conducendo l'indagine perseguendo funzionari di alto livello, tra i quali anche politici alleati di Hezbollah. 

La folla era infatti principalmente costituita da sostenitori di Hezbollah (gruppo militante e politico libanese, sostenuto dall'Iran) e di Amal (gruppo sciita legato al premier Nabih Berry). Secondo loro, Bitar non è «politicamente neutrale».

«Cecchini sui palazzi»
Non è chiaro chi abbia sparato per primo, ma secondo i due gruppi alcuni cecchini del Partito cristiano-maronita «appostati sui palazzi di fronte» avrebbero aperto il fuoco contro i manifestanti, «mirando alla testa».

L'esercito libanese è ben presto intervenuto avvertendo che «sparerà a qualsiasi persona armata nelle zone dove sono scoppiati gli scontri». In una dichiarazione su Twitter, l'esercito ha anche invitato la gente a lasciare le strade vicino agli scontri nel quartiere Tayouneh. Tuttavia, gli scontri sono proseguiti.

Poco dopo, un portavoce di Hezbollah ha dichiarato alla CNN che «non risponderanno al fuoco» dell'esercito libanese, «che vuole trascinarci in un conflitto civile, e noi ci rifiutiamo». «È chiaro che coloro che hanno sparato contro i manifestanti erano gruppi armati organizzati, e che l'aggressione nei nostri confronti era pianificata», ha aggiunto il funzionario.

«Sembra una zona di guerra»
A quanto riporta un'inviata dell'emittente Al Jazeera, «questo è il più serio e intenso scontro a fuoco nelle strade di Beirut da anni. L'intera area sembra una zona di guerra, l'esercito è schierato e in forze ma ancora incapace di contenere la situazione, incapace di fermare i continui spari».

Gli scontri tra fazioni rivali sono durati almeno quattro ore, finché l'esercito non ha cordonato del tutto la zona, schierandosi agli ingressi del quartiere e inviando delle pattuglie armate alla ricerca dei tiratori.

Pian piano, poi, il rumore dei colpi di arma da fuoco è calato fino a sparire: «Sembra che sia stata entrata in vigore una tregua, dopo quattro ore di scontri».

AFP
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
2 ore
Vaiolo delle scimmie: «Contenerlo è possibile»
L'Oms vuole bloccare la trasmissione da uomo a uomo. E capire se il virus abbia subito una mutazione
SLOVACCHIA
3 ore
Il fiume s'è fatto arancione: «I pesci stanno morendo»
Il chirurgo locale Tibor Varga: «Ho assistito alla lenta morte della fauna selvatica» a causa di ferro e zinco
MONDO
6 ore
Turkmenistan, l'ultimo "zero" della pandemia
Incredibile ma soprattutto improbabile. Il Paese asiatico è l'unico a non aver mai confermato un solo caso di Covid-19
ITALIA
8 ore
Tragedia del Mottarone, «ci hanno abbandonati»
A un anno dallo schianto di una cabina della funivia con 15 persone a bordo, la commemorazione e la prima udienza
TAIWAN
11 ore
«Difenderemo Taiwan, in caso di invasione cinese»
Lo ha dichiarato il Presidente statunitense Joe Biden durante la sua visita in Giappone
MONDO
14 ore
Siamo «a un singolo incidente dalla apocalisse»
L'Ucraina è il terreno sul quale si sta consumando la «sfida finale» tra Mosca e Washington
ITALIA
15 ore
La strage di Capaci, trent'anni di buchi neri
Il 23 maggio 1992 moriva Giovanni Falcone, ucciso con la moglie e gli agenti della scorta in un attentato da Cosa nostra
CINA
1 gior
Ripartono i trasporti pubblici a Shanghai
Molti viaggiatori si sono equipaggiati con mascherine, camici e guanti
FOTO E VIDEO
BANGLADESH
1 gior
Le alluvioni devastano il Bangladesh
Almeno una sessantina le vittime. Danneggiati anche i campi destinati all'agricoltura
MONDO
1 gior
Vaiolo delle scimmie: i casi sono una novantina in 14 nazioni
L'insolita diffusione del virus, noto da tempo, ha allertato le autorità e l'Oms che monitora la situazione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile