Immobili
Veicoli
Deposit
Regno Unito
08.10.21 - 06:000
Aggiornamento : 08:17

Donne condannate per adulterio, droga o per essersi ribellate al marito violento

Secondo un rapporto di Amnesty international la discriminazione femminile passa anche per la pena capitale

LONDRA - Processi ingiusti e senza considerazione delle attenuanti. È quanto succede a molte donne condannate a morte. Una nuova inchiesta di Amnesty International rivela come il sessismo faccia anche parte del sistema giudiziario di diversi Paesi, dove alle donne può essere inflitta la pena capitale anche se hanno ucciso il marito per legittima difesa.

La condanna a morte è legale in 58 Paesi. Tra questi figurano gli Stati Uniti, l'Egitto, l'Iran, l'Arabia Saudita e la Cina, anche se su quest'ultima non esistono dati certi. Le motivazioni che portano la giustizia a decidere della pena capitale per un imputato sono diverse, ma nel rapporto di Amnesty delle condanne eseguite sulle donne, tre la fanno da padrone: sono l'omicidio, l'adulterio e i reati legati alla droga.

In Kurdistan, ad esempio, Zeinab Sekaanvand è stata arrestata nel 2018, quando aveva 17 anni, per l'omicidio del coniuge. Come spiega Amnesty in un comunicato, era «minorenne al momento del suo matrimonio e ha subito anni di violenza sessuale per mano del marito e del cognato. È stata giudicata colpevole dopo un processo ingiusto». Nel rapporto pubblicato dall'organizzazione, si evince che casi come questo avvengono molto spesso, di donne maltrattate per anni e senza alcuna protezione. Nel 2017 già Amnesty scriveva che «altri fattori possono essere di dipendenza economica, paura di perdere la custodia dei propri figli e la difficoltà nell'ottenere il divorzio».

Pena capitale anche per droga - Le esecuzioni per crimini legati agli stupefacenti sono ancora praticate in 30 stati e anche se sono diminuite significativamente, come si legge nel rapporto, «da almeno 272 nel 2017 ad almeno 30 lo scorso anno, rappresentano ancora il 6% di tutte le condanne registrate a livello mondiale nel 2020».

Ma ciò che desta allarme nell'organizzazione, è quante persone sono state condannate a morte nel 2020, ovvero 179. Amnesty scrive che «in Malesia, la grande maggioranza delle donne condannate a morte, soprattutto le donne straniere, sono condannate a morte per traffico di droga, un reato che comporta automaticamente la pena capitale». 

Come dichiara Rajat Khosla, direttrice senior del settore Ricerca, advocacy e politiche di Amnesty international, spesso la giustizia non considera «le circostanze attenuanti, come gli abusi, le violenze e gli abusi sessuali subiti da queste donne per molti anni». In tutto nel 2020 sono state giustiziate 16 donne, ovvero il 3% delle esecuzioni totali: otto in Iran, quattro in Egitto, due in Arabia Saudita e una in Oman. Ma l'organizzazione tiene a precisare che è difficile ottenere questi dati e avere in mano le sentenze delle condanne a morte. Infatti potrebbero essere di più, considerando soprattutto che è noto che in Cina venga praticata la pena capitale, ma non si sa chi, come e perché.

Khosla afferma inoltre che «fino a quando tutti i paesi non avranno abolito questa sanzione noi continueremo a fare campagna per ottenere questo risultato. Insieme possiamo contribuire a far sì che questa punizione crudele sia consegnata ai libri di storia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
2 ore
Omicron si è presa l'Europa
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
ITALIA
5 ore
In Italia sospesi quasi 2'000 medici non vaccinati
Gli inadempienti sono in totale oltre 33mila. In questa cifra sono però inclusi anche quelli che non possono vaccinarsi
SVIZZERA
6 ore
«Un dialogo ragionevole è necessario perché si calmi la tensione»
I ministri degli esteri di Usa e Russia soddisfatti dopo il meeting a Ginevra sull'Ucraina, ma l'allerta resta alta
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Anche l'Irlanda smantella (quasi tutte) le restrizioni
Il primo ministro Micheal Martin ha annunciato questa sera al Paese un quasi ritorno alla normalità
STATI UNITI
11 ore
L'alta trasmissibilità di Omicron non è causata da una maggiore carica virale
La variante sarebbe più contagiosa perché riesce a sfuggire meglio agli anticorpi, sottolineano due studi
STATI UNITI
13 ore
Quel piano per sostituire 16 grandi elettori di Biden con altrettanti pro Trump
Una manovra disperata portata avanti dal team del presidente e da Rudi Giuliani, scrive la Cnn
STATI UNITI
14 ore
Si rifiuta di tenere la mascherina, l'aereo è costretto a fare dietrofront
Poco meno di due ore in aria per il volo Miami-Londra, tornato sulla pista a causa di una passeggera molto combattiva
UNIONE EUROPEA
15 ore
App di tracciamento dei contatti: costate oltre 100 milioni, ma fallimentari
Solo il 5% dei casi è stato confermato dai vari strumenti in uso nell'Unione europea
BRASILE
1 gior
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
1 gior
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile