Deposit
FRANCIA
05.10.21 - 11:100
Aggiornamento : 12:07

Dal 1950 a oggi almeno 216mila persone sono state vittime di pedofilia nella chiesa francese

«Queste cifre sono agghiaccianti e non possono in nessun caso rimanere senza conseguenze»

PARIGI - Sono state 216'000 le vittime di pedofilia nella chiesa francese dal 1950 a oggi, secondo il rapporto della Ciase (Commissione sugli abusi sessuali nella Chiesa) voluto dai vescovi francesi. Secondo le cifre anticipate domenica scorsa, i preti pedofili sono stati in questi 70 anni fra i 2900 e i 3200.

Secondo il rapporto della Commissione diretta da Jean-Marc Sauvé - alto dirigente francese, già membro del Consiglio di Stato e della Corte di Giustizia Ue - sono state 216'000 le vittime di violenze o aggressioni quando erano minorenni da parte di preti o religiosi cattolici in Francia fra il 1950 e il 2020. Il numero delle vittime sale a «330'000 se vi si aggiungono gli aggressori laici che lavorano nelle istituzioni della chiesa cattolica», come sagrestani, insegnanti nelle scuole cattoliche, responsabili di movimenti giovanili), ha aggiunto Sauvé illustrando ai giornalisti le conclusioni della commissione da lui presieduta. Tuttavia i dati non includono le vittime che sono nel frattempo decedute.

«Queste cifre - ha commentato - sono ben più che preoccupanti, sono agghiaccianti e non possono in nessun caso rimanere senza conseguenze». Le cifre citate sono il risultato di una stima statistica comprendente un margine di circa 50'000 persone, ha precisato Sauvé.

La commissione propone di «riconoscere la responsabilità della Chiesa», secondo le conclusioni rese note oggi. «Il primo principio raccomandato dalla commissione - ha detto Sauvé - consiste nel riconoscere la responsabilità della Chiesa in ciò che è successo dalle sue origini».

Alla ricerca hanno collaborato 22 persone, incluso Sauvé, tutte giudici, professori o esperti di psicologia infantile. Hanno intervistato 6'500 vittime o familiari. Molti dei casi a giugno 2019, data d'inizio del lavoro, erano già caduti in prescrizione, fissata a 30 anni di stanza dalla maggiore età delle vittime, perciò fino ai loro 48 anni. In molti casi è stato fatto anche ricorso a degli archivi.

Ciò che ha destabilizzato maggiormente gli addetti ai lavori era la tecnica utilizzata dai preti per ottenere il silenzio. Come spiega Jean-Pierre Rosenczveig, magistrato onorario ed ex presidente del tribunale giovanile di Bobigny ha spiegato a Franceinfo che «un aggressore poteva dire 'È la mano di Dio che ha deciso che devi farmi questo o quello'».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
PERÙ
33 min
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
LIVE
MONDO
LIVE
«Omicron dà sintomi lievi»
La presidente dell'Associazione dei medici del Sudafrica dà una speranza sulla nuova variante del virus.
ITALIA
1 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
1 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
1 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
1 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
MONDO
1 gior
Omicron, vaccino possibile entro 3 mesi
Ma potrebbero esserne necessari nove prima della sua eventuale approvazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile