Immobili
Veicoli
Reuters
Spagna
09.09.21 - 15:520

Riaperto il caso sulla scomparsa di un bambino nel 2007, ci sarebbero nuove prove

Il principale indagato avrebbe ammesso l'assassinio del bambino in cella

MADRID - Sono passati quattordici anni dalla sua scomparsa. Yéremi Vargas aveva sette anni quando nel 2007 si sono perse le sue traccie da Vecindario, Gran Canaria. Nel 2017 il caso era stato archiviato, ma oggi le indagini si riaprono per nuove possibili prove contro il primo e unico indagato della vicenda, Antonio Ojeda, alias "El Rubio".

La famiglia del bambino ha presentato negli scorsi giorni una lettera al Tribunale d'Istruzione numero di San Bartolomé de Tirajana. La richiesta, riaprire il caso con nuove prove e nuove linee d'indagine. Ma non solo. Tra le righe si legge inoltre che la parte richiede la ricusazione del magistrato Juan Manuel Hermo Costoya, che aveva guidato l'istruttoria nella fase finale e dichiarato l'archiviazione del caso.

Secondo l'avvocato della famiglia, il magistrato andrebbe sostituito in quanto non aveva seguito le linee d'indagine necessarie a mettere in manette Antonio Ojeda, il presunto assassino, secondo l'accusa, del piccolo Yéremi. L'uomo non era nuovo a situazioni di questo tipo, ma era stato scagionato per mancanza di prove solide. Si legge nella lettera che aveva "motivo, occasione e beneficio" per porre fine alla vita del minore guidato dagli stessi desideri sessuali che anni dopo lo portarono ad aggredire sessualmente un altro bambino, per cui ricevette una condanna a cinque anni di reclusione.

Tra le nuove prove, una conversazione di "El Rubio" con i compagni di cella, in cui ammetteva l'assassinio di Yéremi. Avrebbe detto che il bambino fosse morto. "Il bambino era blu. Doveva scomparire». E per farlo scomparire lo avrebbe bruciato. L'agenzia di stampa Efe spiega che il giudice responsabile del caso ha chiesto al pubblico ministero di pronunciarsi sulla decisione di riaprirlo.

Solo una settimana fa il padre del bambino Juan Francisco Vargas, è stato arrestato due volte per accuse di molestie sessuali. Ad accusarlo, una delle sue sette figlie e la figlia di una sua ex compagna, entrambe minorenni. È stato rilasciato in libertà provvisoria. In dichiarazioni rese note sui suoi social, la madre di Yéremi ha sostenuto che gli arresti dell'uomo, suo ex compagno, non hanno «nulla a che vedere» con la scomparsa del bambino.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
1 ora
Omicron si è presa l'Europa
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
ITALIA
4 ore
In Italia sospesi quasi 2'000 medici non vaccinati
Gli inadempienti sono in totale oltre 33mila. In questa cifra sono però inclusi anche quelli che non possono vaccinarsi
SVIZZERA
6 ore
«Un dialogo ragionevole è necessario perché si calmi la tensione»
I ministri degli esteri di Usa e Russia soddisfatti dopo il meeting a Ginevra sull'Ucraina, ma l'allerta resta alta
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Anche l'Irlanda smantella (quasi tutte) le restrizioni
Il primo ministro Micheal Martin ha annunciato questa sera al Paese un quasi ritorno alla normalità
STATI UNITI
10 ore
L'alta trasmissibilità di Omicron non è causata da una maggiore carica virale
La variante sarebbe più contagiosa perché riesce a sfuggire meglio agli anticorpi, sottolineano due studi
STATI UNITI
12 ore
Quel piano per sostituire 16 grandi elettori di Biden con altrettanti pro Trump
Una manovra disperata portata avanti dal team del presidente e da Rudi Giuliani, scrive la Cnn
STATI UNITI
13 ore
Si rifiuta di tenere la mascherina, l'aereo è costretto a fare dietrofront
Poco meno di due ore in aria per il volo Miami-Londra, tornato sulla pista a causa di una passeggera molto combattiva
UNIONE EUROPEA
14 ore
App di tracciamento dei contatti: costate oltre 100 milioni, ma fallimentari
Solo il 5% dei casi è stato confermato dai vari strumenti in uso nell'Unione europea
BRASILE
1 gior
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
1 gior
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile