Immobili
Veicoli
AFP
+3
FRANCIA
08.09.21 - 06:000
Aggiornamento : 09:30

Bataclan, al via il processo alla notte più nera di Parigi

La strage del 13 novembre 2015 approda oggi nell'aula bunker de l'Ile-de-la-Cité. Tutti gli occhi sono puntati

PARIGI - Una notte che nessuno ha dimenticato. In Francia e non solo. A sei anni di distanza il terrore e la scia di sangue di quella maledetta sera del 13 novembre 2015 tornerà a rivivere nel processo che proverà a far luce su quell’attentato che ha colpito nel cuore l’Europa e tutto il mondo occidentale.

In quell'attacco senza precedenti, telecomandato dall'Isis, furono uccise 130 persone e 350 rimasero ferite. Ma le ripercussioni, non fisiche, sono rimaste ancora livide nei sopravvissuti e nei familiari delle vittime che oggi, come ieri, chiedono giustizia.

Gli attacchi armati si sono concentrati nel I, X e XI arrondissement di Parigi e allo Stade de France, a Saint-Denis, nella regione dell'Île-de-France, compiuti da almeno dieci persone fra uomini e donne, responsabili di tre esplosioni nei pressi dello stadio e di sei sparatorie in diversi luoghi pubblici della capitale francese, tra cui la più sanguinosa è avvenuta al teatro Bataclan, dove sono rimaste uccise 90 persone. Si è trattato della più cruenta aggressione in territorio francese dalla seconda guerra mondiale e del secondo più grave atto terroristico nei confini dell'Unione europea dopo gli attentati dell'11 marzo 2004 a Madrid.

Stragi in sequenza
Tutto in poche ore. L'escalation iniziò alle 21.20 con una prima esplosione davanti al ristorante "Events" nei pressi dell'ingresso D dello Stade de France, dove si stava giocando l’amichevole Francia-Germania, con 80.000 tifosi sugli spalti, tra cui l’allora presidente francese François Hollande. L'esplosione causò il primo morto di una lunga serie, Manuel Dias, più l'attentatore, Ukashah Al-Iraqi. Le immagini in diretta tv, con l’audio del boato, Evrà che si ferma palla al piede, la gara che viene sospesa e il pubblico che impaurito si riversa in campo, fanno in breve tempo il giro del mondo.

Anche perchè, a pochi minuti di distanza, quattro terroristi, a bordo di una Seat León nera cominciano a sparare nei pressi di due ristoranti della capitale: "Le Carillon" su Rue Alibert, e "Le Petit Cambodge" su Rue Bichat. I terroristi, armati con AK-47, inneggiano alla Siria e all'Iraq e urlano in lingua araba: "Allahu Akbar!". L'attacco causa in tutto 13 morti e 10 feriti gravi. Seguono un’esplosione davanti a un fast food della catena "Quick" sempre nei pressi dello Stade de France; una seconda sparatoria vicino al Café Bonne Bière e alla pizzeria Casa Nostra, in Rue de la Fontaine au Roi (5 morti e 2 feriti). Una terza sparatoria al ristorante "La Belle Équipe", (21 morti e 9 feriti).

Il massacro del Bataclan
Ma il peggio deve ancora venire. Alle 21:40, 3 terroristi vestiti di nero (Ismaël Omar Mostefaï, Samy Amimour e Foued Mohamed-Aggad), armati fino ai denti e con cinture esplosive, fanno irruzione al Bataclan dove è in corso un concerto del gruppo rock statunitense Eagles of Death Metal, davanti 1.500 spettatori circa. I terroristi sparano prima all’ingresso, poi una volta entrati in teatro scaricano i caricatori sulla folla. Tanti muoiono sul colpo, altri restano feriti. Gli uomini armati si aggirano tra la folla e i corpi giacenti a terra per finire chi è rimasto ferito, cercando i sopravvissuti che intanto scappano, chi in bagno, chi dalle porte di sicurezza, chi dalle finestre. Sangue e terrore che durano fino a mezzanotte circa quando le teste di cuoio francesi operano il raid che libera il teatro. I terroristi vengono uccisi, i sopravvissuti liberati. È la fine di incubo che è al tempo stesso una triste, macabra realtà che nessun processo riuscirà a risarcire.

Occhi puntati su Salah Abdeslam
Un solo indiziato, uno solo alla sbarra. Lui è Salah Abdeslam, l’unico sopravvissuto tra gli attentatori della terribile notte di Parigi del Bataclan. Nato nel 1989 a Bruxelles da genitori francesi, ha un passato come impiegato presso uno dei depositi dei tram di Bruxelles fra il 2009 e il 2011, prima di essere licenziato. Un precedente in carcere per furto, in Belgio, nel 2012. E poi il culto dell’Isis e della guerra santa, i viaggi in Siria. È stato identificato dagli inquirenti come colui che noleggiò la macchina utilizzata dai terroristi nell'attacco al Bataclan. Sfuggì clamorosamente ad un controllo alla frontiera franco-belga la mattina dopo la strage. Dopo diversi spostamenti in giro per l’Europa centrale, anche in Italia, a Bari, dopo gli attentati del 13 novembre, è stato ferito ad una gamba e catturato nel marzo del 2016 in un appartamento a Molenbeek, un quartiere di Bruxelles, dove aveva trovato rifugio da alcuni mesi.

Reuters
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
TONGA
2 ore
«Sull'isola di Mango non è rimasta neanche una casa»
Onde alte fino a «quindici metri» non hanno risparmiato neanche una casa dell'Isola di Mango, a Tonga
MONDO
5 ore
I "dimenticati" del vaccino. Lì dove la dose è un miraggio
Nei paesi poveri solo il 9,5% delle persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid.
MONDO
5 ore
«Fate copia incolla», "nuova" regola e vecchia bufala
L'aggiornamento delle normative di Facebook ha riportato in vita il post. Ne parliamo con l'esperto Alessandro Trivilini
MONDO
14 ore
La massa di plastica ora è più pesante di tutti i mammiferi viventi
Una delle ricercatrici che ha contribuito a un nuovo studio ha dichiarato che «siamo nei guai, ma si può intervenire»
INDONESIA
16 ore
Giacarta sprofonda? L'Indonesia costruisce la sua nuova capitale
I funzionari del governo si trasferiranno in una città che al momento non esiste ancora
STATI UNITI
18 ore
Vaccini, effetto placebo in due eventi avversi su tre
Sono i risultati emersi da uno studio pubblicato sulla rivista Jama Network Open
ITALIA
21 ore
Ma quanto ci vuole a eleggere il presidente della Repubblica?
Da meno di tre ore a oltre due settimane. Le ultime elezioni però si sono sempre concluse in un paio di giorni.
FOTO
NORVEGIA
1 gior
Oggi Breivik ha chiesto la libertà condizionale
Gli osservatori norvegesi si aspettano che la richiesta venga respinta
CINA
1 gior
Luci accese sui diritti umani, soprattutto durante le Olimpiadi
La richiesta di Amnesty International in vista dei Giochi di Pechino
FOTO
NUOVA ZELANDA
1 gior
Cenere, acqua e distruzione: le prime immagini da Tonga
Le hanno scattate gli aerei di soccorso neozelandesi e i satelliti. Al momento però atterrare è impossibile
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile