Afp
STATI UNITI
26.08.21 - 21:410
Aggiornamento : 22:41

«Sapevamo che prima o poi sarebbe successo e nei prossimi giorni non migliorerà»

La conferenza stampa del Pentagono sulla strage di oggi all'aeroporto della capitale, il bilancio è di almeno 60 morti.

A sventare altri assalti, la collaborazione con i talebani: «Abbiamo condiviso con loro delle informazioni», spiega il generale Kenneth McKenzie.

WASHINGTON D.C. - Ci sarebbe l'Isis dietro all'attentato con due autobombe di oggi nei pressi dell'aeroporto di Kabul, che ha causato almeno 60 morti e più di un centinaio di feriti. Lo ha confermato questa sera il generale dell'esercito americano Kenneth F. McKenzie durante una conferenza stampa del Pentagono, la conferma è poi arrivata anche via Telegram dallo stesso Stato Islamico.

La falange responsabile è quella afghano-pakistan-iraniana dello Stato Islamico della Provincia di Khorasan (ISKP o ISIS-K), storicamente ostile ai talebani. Secondo McKenzie è poco probabile che l'offensiva dei terroristi si plachi nei prossimi giorni, anzi, potrebbe addirittura peggiorare. Malgrado ciò «il nostro obiettivo di evacuare quanta più gente possibile e continueremo, finché non termineremo entro la fine del mese».

Stando al generale, a contribuire a evitare altri morti nella giornata di oggi è stata la collaborazione attiva con i talebani: «Fra di noi c'è stato uno scambio d'informazioni che pensiamo li abbiano aiutati a sventare altri attacchi che si sarebbero potuti verificare nelle ore successive, gli abbiamo dato una parte delle informazioni ma non tutte quelle in nostro possesso. Con loro abbiamo anche rivisto la strategia di difesa del perimetro dell'aeroporto».

«Sapevamo che prima o poi sarebbe successo», ha continuato McKenzie confermando ancora una volta una eco diffusa nelle forze armate e che aveva portato Joe Biden a ribadire davanti al G7 l'intenzione di terminare le operazioni di sgombero entro il 31 agosto.

È stato confermato, inoltre, che 12 marines hanno perso la vita e almeno 15 sono rimasti feriti dallo scoppio. La stragrande maggioranza delle vittime è però di civili, fra i quali anche diversi bambini, con almeno 60 morti e circa 150 feriti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
EUROPA
3 ore
Omicron avanza, l'Europa trema
In Olanda 85 casi su due voli, scoperti contagi anche in Italia e Germania. Tornano le quarantene cautelative
LIVE
MONDO
LIVE
Omicron: in Svizzera scatta la quarantena all'ingresso
Le persone in arrivo da Regno Unito, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Egitto e Malawi devono isolarsi per dieci giorni
ITALIA
8 ore
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
11 ore
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
12 ore
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
13 ore
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
15 ore
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
16 ore
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
1 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
MONDO
1 gior
Omicron, vaccino possibile entro 3 mesi
Ma potrebbero esserne necessari nove prima della sua eventuale approvazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile