keystone-sda.ch / STF (Rahmat Gul)
AFGHANISTAN
19.08.21 - 18:220

I talebani avrebbero delle liste di coloro che hanno collaborato con le forze statunitensi e della Nato

Le milizie assicurano di stare «mantenendo la parola», permettendo ad afghani e stranieri di andarsene

KABUL - I talebani «stanno mantenendo la parola», permettendo e anzi sostenendo le operazioni di evacuazione degli stranieri dall'aeroporto di Kabul. Lo ha detto un portavoce delle milizie all'agenzia stampa Reuters.

Lo stanno facendo davvero? - «Stiamo facilitando l'uscita sicura non solo per gli stranieri ma anche per gli afghani. Stiamo impedendo qualsiasi forma di violento scontro verbale all'aeroporto tra afghani, stranieri e membri talebani», ha spiegato il funzionario. Dichiarazioni che sono state almeno parzialmente contraddette da alcune testimonianze raccolte dai media internazionali, che parlano di cittadini ai quali non è stato permesso di raggiungere lo scalo nonostante fossero in possesso di documenti validi per l'espatrio.

Inoltre non si tiene conto delle almeno 12 persone che sono morte da domenica a oggi all'aeroporto della capitale afghana. Una cifra che è stata confermata dagli stessi talebani. Gli Stati Uniti, dal 14 agosto a oggi, hanno fatto partire 7000 persone e 2000 nelle ultime 24 ore. Lo ha confermato la Casa Bianca. Le operazioni sono sorvegliate in cielo da jet americani, che si limitano a un ruolo di controllo.

La transizione pacifica è incrinata da nuovi morti durante le proteste di giovedì, avvenute in concomitanza con la celebrazione del 102esimo anniversario dell'indipendenza dell'Afghanistan.Gli scontri più sanguinosi avrebbero avuto luogo ad Asadabad: è stato segnalato un numero imprecisato di morti. Mercoledì varie persone sono state uccise mentre dimostravano contro i talebani a Jalalabad.

La caccia ai collaborazionisti - Non solo: la Bbc afferma di aver visionato un documento riservato delle Nazioni Unite, che indica che i talebani sarebbero a caccia di coloro che hanno collaborato con le forze Usa e Nato negli ultimi 20 anni. Il documento sarebbe stato prodotto dal Norwegian Centre for Global Analyses, che si occupa di fornire informazioni d'intelligence all'Onu.

«I talebani stanno arrestano e/o minacciando di arrestare o imprigionare i famigliari degli obiettivi, a meno che costoro non si costituiscano». A essere maggiormente a rischio sono i funzionari militari e di polizia. Le liste sarebbero state create ben prima della conquista delle maggiori città dell'Afghanistan.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
7 ore
Violenza sessuale sul treno e in stazione: due arresti
Si tratta di due giovani, un italiano e un nordafricano
FOTO
FRANCIA
8 ore
«La riconquista è ormai cominciata»
Tensione al primo comizio di Eric Zemmour da candidato all'Eliseo: manifestanti antirazzisti hanno fatto irruzione
FOTO
STATI UNITI
11 ore
1 milione di cauzione per i genitori del ragazzo autore della strage nel liceo di Oxford
I due, che si erano dati alla macchia, sono accusati di omicidio involontario plurimo. I nuovi dettagli dell'inchiesta
STATI UNITI
16 ore
Come l'ombra di Jeffrey Epstein potrebbe salvare Ghislaine Maxwell
Conclusa la prima settimana di processo facciamo un riassunto e tentiamo di capire come potrebbero andare le prossime
INDONESIA
18 ore
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
1 gior
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
1 gior
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
1 gior
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
2 gior
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
2 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile