keystone-sda.ch / STR (Matias Delacroix)
La first lady durante il funerale del presidente Jovenel Moïse.
HAITI
03.08.21 - 09:030

«Qualcuno ha dato l'ordine al telefono»

La notte dell'omicidio del presidente Jovenel Moïse, ucciso il 7 luglio scorso, raccontata dalla moglie.

La first lady: «Sono entrati in camera per cercare qualcosa». E dopo aver trovato ciò che cercavano «gli hanno sparato mentre era sul pavimento».

PORT-AU-PRINCE - L'ordine di uccidere il presidente di Haiti Jovenel Moïse, il 7 luglio scorso, è arrivato via telefono quando una dozzina di uomini armati erano già nella camera da letto della residenza presidenziale ed il leader e sua moglie Martine - dopo aver sentito spari in giardino - si erano nascosti dietro il letto, temendo per le loro vite: lo ha raccontato la stessa first lady in un'intervista rilasciata alla CNN domenica e pubblicata oggi.

«Qualcuno ha dato l'ordine e qualcuno ha pagato i soldi. Quelle sono le persone che stiamo cercando. Voglio l'aiuto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per trovare quelle persone», ha detto la vedova del presidente, ed unica testimone oculare dell'assassinio del marito.

Martine Moïse ha affermato di aver sentito i primi colpi di armi automatiche in giardino verso l'una di notte (ora locale). Solo dopo aver capito che il gruppo era entrato in casa la coppia ha cercato di nascondersi dietro il letto: «In quel momento non ho neanche pensato che potessero essere in grado di entrare nella stanza in cui eravamo perché avevamo 30 o 50 agenti della sicurezza» a casa, ha commentato.

«Sono entrati in camera per cercare qualcosa perché li ho sentiti dire 'No es eso, no es eso. Eso es' (in spagnolo, 'Non è questo, non è questo. È questo'). Il che significa che avevano trovato ciò che stavano cercando», ha rivelato Martine Moïse.

Solo allora, ha aggiunto, hanno rivolto l'attenzione verso il presidente ed hanno fatto una telefonata. Quelli furono gli ultimi attimi di vita di Jovenel Moïse: «Era ancora vivo. Hanno detto (al telefono) che era alto, magro e nero, e forse la persona al telefono ha confermato a chi ha sparato che era lui. Poi gli hanno sparato (quando il presidente si trovava) sul pavimento».

Moïse è stato raggiunto da 12 proiettili, mentre la moglie è rimasta ferita a un braccio. Ventotto mercenari stranieri, presunti esecutori dell'omicidio, sono stati arrestati, oltre a Christian Emmanuel Sanon, un medico haitiano di 63 anni da 20 residente a Miami. Secondo gli inquirenti Sanon è stata la mente dell'operazione e potrebbe portare ai mandanti dell'assassinio del presidente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Italia
1 ora
La zanzara giapponese è arrivata ed è più pericolosa della tigre
È stata rilevata a settentrione della penisola e la regione Veneto raccomanda il vaccino contro l'encefalite giapponese
STATI UNITI
2 ore
Facebook replica: Instagram non è tossico per le ragazzine
La ricerca citata dal Wall Street Journal è «sfumata e complessa», sostiene il vicepresidente Pratiti Raychoudhury
Italia
5 ore
Cannabis legale, «Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia»
Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali
FOTO
GRECIA
9 ore
Forte terremoto a Creta, un morto e alcuni feriti
L'epicentro della scossa è stato localizzato a una ventina di chilometri a sud di Candia
GERMANIA
11 ore
L'Spd s'impone al fotofinish
I socialdemocratici avanti con il 25,7% dei voti, crollo dei conservatori. Quale coalizione per governare?
MONDO
12 ore
Le giovani generazioni «vivranno una vita senza precedenti»
Ci saranno più inondazioni, più siccità, più ondate di calore. È l'avvertimento di uno studio internazionale
GERMANIA
1 gior
Il dopo-Merkel da cardiopalma, per gli exit poll Spd e Cdu sono a pari merito
Stando ai sondaggi i due partiti di maggioranza sarebbero o fermi a quota 25% o comunque molto vicino
Regno Unito
1 gior
Sabina Nessa, arrestato il presunto assassino
La 28enne è stata accoltellata a morte lo scorso 17 settembre poco lontano dalla sua abitazione
FOTO
SAN MARINO
1 gior
San Marino alle urne per depenalizzare l'aborto
È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni
GERMANIA
1 gior
Oggi in Germania si decide il volto del dopo-Merkel
Che si prospetta instabile, con un testa a testa fra Laschet e Scholz che non avranno i numeri per governare da soli
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile