Reuters
+2
GIAPPONE
02.08.21 - 10:340
Aggiornamento : 13:25

La velocista bielorussa che è scappata dal suo team e ha cercato asilo politico

La 24enne aveva criticato sui social lo staff (parlando anche di doping) e stava per essere rimpatriata in via coatta.

La Polonia le ha concesso un visto per motivi umanitari.

TOKYO - Avrebbe dovuto imbarcarsi all'aeroporto Haneda di Tokyo per ritornare in patria ma, all'ultimo momento, Krystsina Tsimanouskaya è riuscita a sottrarsi dall'entourage della rappresentativa bielorussa, chiedendo aiuto agli agenti della polizia giapponese e - in seguito - asilo politico.

La 24enne, riferisce il Guardian, avrebbe dovuto partecipare alla gara dei 200 metri proprio oggi ma domenica era stata rimossa dal team dopo un diverbio con i suoi allenatori, e alcune critiche a loro riguardo postate sui social: «Mi hanno vietato di correre perché li ho definiti negligenti su Instagram», ha affermato l'atleta, «ora vogliono farmi tornare in Bielorussia, contro la mia volontà». 

Dopo la presa in consegna da parte delle autorità giapponesi Tsimanouskaya è ora sotto la protezione della Commissione dei Diritti Umani dell'Onu. La giovane vorrebbe ottenere asilo in Germania o Austria, stando al Guardian paesi come Polonia e Repubblica Ceca si sarebbero già fatti avanti per accoglierla. Proprio Varsavia le ha rilasciato un visto per motivi umanitari.

«L'abbiamo sentita ieri sera e questa mattina e si sente al sicuro», ha confermato il portavoce del Comitato olimpico Mark Adams in conferenza stampa, «la nostra priorità e il nostro dovere è assicurarci che stia bene». Alla domanda se si possa parlare o meno di rapimento, Adams ha replicato: «Se ci sono gli estremi per un reato penale, questo starà alle autorità giapponesi stabilirlo».

Alla base delle critiche postate sui social il fatto che la velocista era stata inclusa nei 4x400 metri a staffetta di questo giovedì, senza essere stata avvisata: «Lo hanno fatto senza dirmi niente, diverse delle nostre ragazze non hanno potuto arrivare alle Olimpiadi perché non avevano effettuato abbastanza test antidoping», ha spiegato l'atleta via Telegram all'agenzia Reuters, «dopo il post, lo staff è venuto da me dicendomi che sono arrivati ordini dall'alto per rimuovermi dal team». La motivazione ufficiale data dalla squadra bielorussia adduce invece al suo stato «psicologico ed emozionale».

Il governo di Lukashenko, è importante ricordarlo, ha sempre e comunque mostrato un pugno particolarmente duro con gli atleti dissidenti con incarcerazioni, licenziamenti e rimozioni.

Reuters
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
1 ora
A caccia di streghe
Non siamo più nel medioevo ma il sospetto e la superstizione uccidono e mutilano ancora, migliaia di persone ogni anno
FOTO
ISRAELE
2 ore
Eitan per ora resterà in Israele
Lo hanno deciso in tribunale questa mattina le due famiglie che si contendono il piccolo, il processo al via a ottobre
REGNO UNITO
4 ore
«È l'ultima chance per l'umanità»
I Paesi devono assumersi la responsabilità «per la distruzione che affliggono, non solo al pianeta ma anche a sé stessi»
MONDO
7 ore
Aria inquinata? Più pericolosa del previsto
L'Organizzazione mondiale della sanità ha ridotto i livelli massimi di sicurezza di varie sostanze
BRASILE
14 ore
Un suo ministro è positivo: Bolsonaro in isolamento
All'Onu stanno cercando di tracciare i contatti di Marcelo Queiroga. Ci sarebbe anche Boris Johnson
STATI UNITI
18 ore
Perché il caso di Gabby Petito ha lasciato tutta l'America con il fiato sospeso
Fra teorie e ipotesi su TikTok e Instagram, la storia della 22enne scomparsa ha catalizzato la curiosità di una nazione
Italia
20 ore
Le mafie stanno sfruttando l'emergenza Covid per arricchirsi
L'Antimafia lancia un appello ai governi: «Bisogna far fronte comune e trattare questa emergenza come quella sanitaria»
GERMANIA
23 ore
Se non sei vaccinato e finisci in quarantena, il datore non deve pagarti
In Germania sarà così dal 1 novembre, conferma il Governo. Il motivo è che «esiste un vaccino che funziona»
AFGHANISTAN
23 ore
I talebani: «Fateci parlare alle Nazioni Unite»
Suhail Shaheen avrà il ruolo di esporre il punto di vista talebano nello scenario internazionale
LE FOTO
AUSTRALIA
1 gior
A Melbourne trema la terra, e anche la società
Giornata calda a Melbourne: prima, una scossa di terremoto di magnitudo 5.8, poi, le proteste in piazza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile