Depositphotos (luismolinero)
Immagine di archivio.
MONDO
20.07.21 - 12:350

Caso Pegasus, la Francia apre un'inchiesta

In Ungheria l'opposizione si lancia all'attacco del governo

PARIGI - Un'inchiesta è stata aperta in Francia nel quadro del caso Pegasus sullo spionaggio dei giornalisti: è quanto riferisce la procura di Parigi. In Ungheria invece un totale di circa 300 persone - tra giornalisti investigativi, editori, sindaci di opposizione e noti avvocati - sarebbero stati nel mirino del presunto spionaggio statale condotto attraverso il software.

L'inchiesta della procura parigina è stata aperta dopo le rivelazioni sul caso Pegasus fatte domenica scorsa da un consorzio di media internazionali, tra cui il quotidiano Le Monde.

Nella lista di dieci infrazioni, "oltraggio alla vita privata", "intercettazione di corrispondenza", "accesso fraudolento" a un sistema informatico ed "associazione criminale". A sporgere denuncia, in Francia, è stato il sito Mediapart, la celebre piattaforma d'investigazione di cui due giornalisti, Edwy Plenel e Lénaig Bredoux, sarebbero stati spiati dai servizi segreti del Marocco. A questo dovrebbe seguire una denuncia simile da parte del settimanale Le Canard Enchaîné, in difesa dell'ex collaboratrice Dominique Simmonnot.

L'inchiesta riguarda, tra l'altro, infrazioni legate all'oltraggio di un sistema informatico, tra cui la potenziale introduzione, estrazione e trasmissione fraudolenta dei dati. L'inchiesta è stata affidata all'Ufficio centrale di lotta alla criminalità legata alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (OCLCTIC).

Ungheria - Ieri il ministro degli Esteri, Peter Szijjarto, ha smentito le rivelazioni dei media sull'utilizzo di questo software da parte di Budapest, ma non si placano oggi gli attacchi dell'opposizione contro il governo.

«Questo scandalo è una vergogna per il nostro Paese», ha detto Gergely Karacsony, sindaco verde di Budapest e uno degli sfidanti del premier Victor Orban alle prossime elezioni. Lo rivelano i media nazionali.

Secondo il presidente della commissione di sicurezza nazionale del Parlamento, Janos Stummer (Jobbik), si tratta del "Watergate ungherese". Stummer voleva convocare la commissione parlamentare per interrogare il governo e i dirigenti dei servizi segreti sulla vicenda, ma il Partito di maggioranza (Fidesz) l'ha impedito sostenendo che si tratta «solo di false informazioni di stampa». «Questo rifiuto vale di un'ammissione», ha replicato Stummer che comunque intende sporgere denuncia.

Intanto, la Federazione dei giornalisti ungheresi (Muosz) si dice «costernata» e, in un comunicato, chiede informazioni chiare dal governo. In Ungheria è in vigore una legge che autorizza i servizi a intercettare e sorvegliare chiunque senza il controllo della magistratura.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
7 ore
Violenza sessuale sul treno e in stazione: due arresti
Si tratta di due giovani, un italiano e un nordafricano
FOTO
FRANCIA
8 ore
«La riconquista è ormai cominciata»
Tensione al primo comizio di Eric Zemmour da candidato all'Eliseo: manifestanti antirazzisti hanno fatto irruzione
FOTO
STATI UNITI
12 ore
1 milione di cauzione per i genitori del ragazzo autore della strage nel liceo di Oxford
I due, che si erano dati alla macchia, sono accusati di omicidio involontario plurimo. I nuovi dettagli dell'inchiesta
STATI UNITI
16 ore
Come l'ombra di Jeffrey Epstein potrebbe salvare Ghislaine Maxwell
Conclusa la prima settimana di processo facciamo un riassunto e tentiamo di capire come potrebbero andare le prossime
INDONESIA
19 ore
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
1 gior
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
1 gior
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
1 gior
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
2 gior
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
2 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile