keystone-sda.ch / STF (SASCHA STEINBACH)
Angela Merkel si è recata nell'Eifel.
+3
GERMANIA
18.07.21 - 15:050

Merkel in visita alle zone devastate dall'alluvione: «È tutto spaventoso»

La ministra della Difesa Kramp-Karrenbauer ha incontrato il personale dell'esercito attivo nelle operazioni di soccorso

ERFTSTADT - La cancelliera tedesca Angela Merkel si è recata in visita nelle zone colpite dalle alluvioni dei giorni scorsi. Intorno a mezzogiorno ha incontrato la popolazione dell'altopiano dell'Eifel in Renania-Palatinato. Merkel ha parlato con i membri dei servizi d'emergenza e con i cittadini, chiedendo loro se dormono abbastanza, come funziona la rete idrica e quali sono i principali problemi da risolvere immediatamente. La cancelliera ha poi incontrato la premier del Land Malu Dreyer.

«È tutto spaventoso, la lingua tedesca conosce a malapena le parole per questa situazione» che non ha esitato a definire «surreale» e «spettrale». Il bilancio delle vittime continua a crescere e ora ha superato le 160 unità. «Vi sosterremo da subito» promette la cancelliera. Nelle stesse ore la ministra della Difesa Annegret Kramp-Karrenbauer ha incontrato i soldati che sono stati impiegati nelle operazioni di soccorso nella Renania Settentrionale-Vestfalia. Sono almeno 800 tra uomini e donne, con oltre 100 veicoli.

Il bilancio dei morti ha superato i 150 e sono ancora molte le persone disperse, specialmente nella cittadina di Erftstadt che risulta tra le più colpite dalla sciagura. Il ministero dell'Interno della Renania Settentrionale-Vestfalia ha dichiarato che solo nel Land sono 46 le persone che hanno perso la vita. Un portavoce delle autorità ha spiegato che l'interruzione della linea telefonica impedisce a molti di mettersi in contatto con i propri parenti e di sincerarsi delle loro condizioni di salute. Un incubo, come ammesso dalla stessa Merkel: «Non sappiamo nemmeno il numero delle persone scomparse». Gli aiuti non tarderanno: «Grazie a Dio il nostro paese può far fronte finanziariamente a quello che è accaduto, e noi provvederemo a stretto giro».

Nel solo distretto di Rhein-Erft sono stati recuperati 70 veicoli che sono stati parzialmente o completamente sommersi dall'acqua. In nessuno di essi sono state rinvenute delle vittime. Restano da recuperare altri 25 veicoli, spiega Die Welt.

Ora è la Baviera a essere preoccupata. Il livello dell'Isar è in risalita a Monaco e dintorni, mentre in alcune zone alpine è stato necessario far evacuare svariati residenti.

keystone-sda.ch / STF (SASCHA STEINBACH)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE
MONDO
LIVE
«Omicron dà sintomi lievi»
La presidente dell'Associazione dei medici del Sudafrica dà una speranza sulla nuova variante del virus.
ITALIA
23 ore
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
1 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
1 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
1 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
MONDO
1 gior
Omicron, vaccino possibile entro 3 mesi
Ma potrebbero esserne necessari nove prima della sua eventuale approvazione.
FOTO
Regno Unito
1 gior
«Crescita infinita=Pianeta finito». Extinction Rebellion contro Amazon
Un portavoce della grande A: «Porteremo le nostre emissioni a zero entro il 2040, sostenendo anche le piccole imprese»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile