keystone-sda.ch (ORLANDO BARRIA)
Jovenel Moise con la moglie Martine Marie Etienne.
HAITI
07.07.21 - 15:450
Aggiornamento : 08.07.21 - 07:37

Un presidente assassinato e una "successione" caotica

Jovenel Moise è stato ucciso la scorsa notte nella sua abitazione da un commando armato.

In carica ufficialmente dal 2017, il presidente governava il Paese per decreto da oltre un anno.

PORT-AU-PRINCE - «Atroce, disumano e barbaro». Sono gli aggettivi con cui il primo ministro di Haiti, Claude Joseph, ha incorniciato a caldo l'assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise, ucciso nella sua abitazione la scorsa notte, da un commando di mercenari armati. Ed è una morte improvvisa che lascia un vuoto istituzionale nel complesso quadro politico del povero stato dell'America centrale.

Andando con ordine, Moise è stato eletto alla presidenza nelle elezioni del 2016, entrando poi in carica l'anno successivo e rimanendovi fino al momento della sua morte. Da oltre un anno però, il presidente haitiano ha di fatto governato per decreto. Il sipario sulla 50esima legislatura è calato nel gennaio del 2020, lasciando Haiti orfana di un Parlamento - che non era stato in grado di approvare una legge per le nuove elezioni - e di un Governo legittimo.

In quel particolare momento Moise parlò di «occasione storica» per trasformare il Paese, mentre nell'opposizione e nella società civile prendevano corpo i timori di una possibile deriva dittatoriale. Il quadro politico - complicato dalle difficili condizioni economiche del Paese - si è fatto con il passare dei mesi sempre più instabile. La voce del dissenso contro il presidente ha raggiunto un picco nei primi mesi del 2021. Agli inizi di febbraio, le autorità haitiane hanno annunciato l'arresto di 23 persone collegate a un «tentativo di colpo di Stato» mirato a rovesciare Moise.

E ora, con la morte di Jovenel Moise, il quadro politico di Haiti si è fatto ancora più nebuloso. Chi prenderà le redini del Paese? La risposta non è così scontata. Stando al presidente dell'associazione nazionale dei giudici di Haiti, interpellato dalla CNN, la linea di potere prevede che a sostituire il presidente sia l'attuale presidente della Corte Suprema. Che però è recentemente morto dopo aver contratto il Covid-19. Ci sarebbe poi la carta rappresentata dall'attuale primo ministro ad interim Joseph, che però necessita dell'approvazione da parte del Parlamento. Che, lo ricordiamo, non c'è.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
3 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
4 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
6 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
15 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
17 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
20 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
22 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
23 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
23 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile