Depositphotos (njnightsky)
STATI UNITI
23.06.21 - 17:470

Gli insulti social di una cheerleader arrivano alla Corte Suprema

Il caso della sfuriata su Snapchat di una 14enne giudicato oggi a Washington. E un motivo c'è

WASHINGTON D.C. - Dopo non essere stata presa fra le titolari della squadra delle cheerleader del suo liceo, una 14enne della Pennsylvania aveva postato su Snapchat una sequela d'insulti - al team e alla scuola - mentre se ne andava furibonda.

La scuola lo aveva visto e l'aveva sospesa dalle attività sportive. Fra le motivazioni legate alla punizione, anche il fatto che il video era stato girato all'interno dell'istituto.

Era successo nel 2017 e la faccenda, riporta la CNN, era poi finita in tribunale arrivando fino alla Corte Suprema degli Stati Uniti che oggi ha deciso in suo favore, adducendo alla libertà di espressione, indipendentemente dal contesto.

Per quanto possa sembrare una cosa abbastanza frivola, in realtà il procedimento è ritenuto molto importante per gli Stati Uniti perché pone un precedente legale su come le stesse scuole possano far valere i loro diritti nei confronti degli allievi che postano sui social insulti o minacce a loro rivolti.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
2 ore
Altre bocche, altre eruzioni: chiuso l'aeroporto di La Palma
A preoccupare, nell'immediato, è la quantità di cenere che ha ricoperto l'isola
Regno Unito
14 ore
Uccisa a coltellate mentre raggiungeva un'amica al bar
I londinesi hanno organizzato ieri sera una veglia in suo onore
PIANETA
16 ore
Chi è libero, su internet? Gli islandesi alla grande, i cinesi, invece...
Maglia nera alla Cina, in particolare per l'ampia censura
Afghanistan
18 ore
I talebani espongono sette impiccati
Non è chiaro in quali circostanze siano stati giustiziati gli uomini, se prima o dopo il loro arresto
Croazia
19 ore
Tre bambini morti strangolati, il principale sospettato è il padre
Quello che doveva essere un tranquillo weekend con i figli, è diventato un fatto di sangue
CANADA/CINA
1 gior
Lady Huawei è tornata a casa
La direttrice finanziaria del colosso cinese era stata arrestata nel 2018 in Canada. È stata estradata
NUOVA ZELANDA
1 gior
Vai al fast food e ricevi il vaccino
È quanto sta pensando di attuare il governo della Nuova Zelanda, in trattative con KFC
NORVEGIA
1 gior
L'abbraccio liberatorio: «Torniamo alla vita normale»
Niente più distanziamento sociale, basta limiti agli eventi. Una decisione possibile «grazie alla campagna vaccinale»
GERMANIA
1 gior
«Nessuno sta facendo abbastanza per la crisi climatica»
La giovane attivista si è rivolta ai manifestanti dal palco, esortandoli ad andare a votare
AFGHANISTAN
1 gior
Parla uno dei leader talebani: «Tornano esecuzioni ed amputazioni»
Il Ministro responsabile delle carceri ha giustificato le due misure: «Necessarie per la sicurezza»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile