Keystone
STATI UNITI
22.06.21 - 12:120
Aggiornamento : 19:07

Le cure “miracolose” di Trump al coronavirus, un anno dopo

Una pericolosa e l'altra (pare) inefficace, perché ancora si parla di candeggina e idrossiclorochina contro il Covid

NEW YORK - Inizialmente tremendamente scettico sul coronavirus - celebre la sua dichiarazione, reiterata diverse volte: «Sta sparendo, è già quasi sparito» - poi estremamente critico, se non ostracista, alle richieste e alle posizioni delle autorità sanitarie americane. Infine, dopo averlo preso pure lui e dopo essere stato curato con un cocktail di farmaci sperimentale e all'avanguardia, pure lui vaccinato e sostenitore dello sforzo vaccinale.

L'approccio di Trump alla questione Covid, è impossibile negarlo, è stata decisamente anticonvenzionale e spesso sopra le righe. Fra le posizioni prese, e quelle non prese, quelle che rimangono impresse ancora oggi - un anno dopo - sono le presunte cure, molto controverse proposte dall'ex-presidente e che i media, ora che le acque si sono un po' calmate, stanno iniziando a sondare.

La prima è l'idrossiclorochina - che Trump aveva spinto molto, portando il DFA ad approvarla come possibile cura in casi d'emergenza, per poi però tornare sui suoi passi. Secondo molti scettici e supporter dell'ex-presidente si tratterebbe ancora oggi un metodo valido che conferma come il magnate sul Covid ci avesse visto lungo, compresa la tesi del "virus cinese" uscito da un laboratorio.

Di idrossiclorochina, infatti, di recente si parla molto su Fox News - rete televisiva americana decisamente conservatrice - dove diversi opinionisti hanno citato uno studio recente che promuoverebbe il farmaco antimalarico come possibile cura per i sintomi del Covid. Si tratterebbe di uno dei pochi a confermarne l'efficacia, sono diversi gli istituti che in mancanza di studi affidabili ne sconsigliano l'utilizzo (e fra questi c'è anche Swissmedic) per il rischio di aritmie cardiache potenzialmente letali.

Per questo motivo il Washington Post ha voluto sfogliare questo studio, svolto nel New Jersey, su un campione di 255 pazienti di un centro medico.  La ricerca ha evidenziato un tasso di sopravvivenza al Covid di 2.9 volte superiore.

Come scrive il quotidiano c'è però un problema sostanziale: la percentuale è espressa in relazione non a dei pazienti di un gruppo placebo che non ha ricevuto l'idrossiclorochina ma a chi ne ha ricevuta di meno. E, essendo le dosi somministrate periodicamente, è probabile che chi ne ha ricevuto meno sia morto nel frattempo ed era quindi malato più gravemente. 

La seconda è la candeggina - questa era stata presentata dallo stesso Trump durante una conferenza stampa, in cui il presidente aveva parlato di usare «un disinfettante per curare la malattia», sostenendo anche la possibilità di iniezioni dello stesso.

Non è chiaro nemmeno se ne auspicasse l'ingestione, diluita, come suggerito da diverse fonti vicine all'amministrazione, oppure la disinfezione delle mani (comunque pericolosa).

Secondo Mark Grenon, capo di un culto che predicava l'uso della candeggina come il coronavirus e che attualmente si trova in carcere con i suoi figli proprio per questo motivo, Trump avrebbe ricevuto proprio da lui una bottiglia della soluzione miracolosa MMS (acqua e clorito di sodio) e l'avrebbe «finita tutta».

Attualmente detenuto in Colombia, e in attesa di estradizione negli States, Grenon ha più volte dichiarato di essere entrato in contatto con il presidente attraverso alcune persone a lui vicine, scrive il Guardian. 

Sulla pericolosità di assumere clorito di sodio l'opinione della scienza è pressoché unanime, così come la condanna di chi - come Grenon - diffonde, facendo leva sulla paura della gente, cure pseudoscientifiche con esito potenzialmente devastante.

Come Trump possa essere stato convinto, resta ancora una cosa da capire.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
23 min
«Ritardare la terza dose, almeno fino a settembre»
Tedros Adhanom Ghebreyesus ha chiesto che per ora non vengano effettuati richiami, in nome dell'equità
ITALIA
1 ora
I cyber-criminali attaccano e l’Italia trema
Il riscatto richiesto sarebbe di cinque milioni di euro, tutto non sarebbe partito dalla Germania ma dalla Russia
PAESI BASSI
4 ore
Ransomware, Paesi Bassi sull'orlo di una crisi di sicurezza nazionale
Le società informatiche non riescono a soddisfare tutte le richieste che ricevono
Italia
5 ore
Spiagge italiane sotto sequestro, ecco dove non andare
Dall’inizio della stagione estiva i Carabinieri hanno effettuato controlli in 886 strutture
UCRAINA
5 ore
Con una granata al Governo: «Siete sotto sequestro!»
Un video mostra l'uomo armato agitarsi e discutere con un funzionario
GIAPPONE
7 ore
Il Giappone gioca la carta della vergogna: diffusi i nomi di chi viola le regole
I tre uomini non avevano rispettato l'obbligo di quarantena di ritorno dall'estero
LIBANO
11 ore
Un anno dopo l’esplosione, Beirut continua a sanguinare
Il disastro del porto, avvenuto alle 18.08 del 4 agosto 2020, ha esasperato la situazione già critica del Paese.
GERMANIA
19 ore
Berlino verso lo stop ai test rapidi gratuiti entro metà ottobre
Lo suggerisce il Ministero della sanità. Rimarranno gratis per chi non può farsi vaccinare, donne incinte e minorenni.
STATI UNITI
22 ore
«Cuomo ha molestato diverse donne»
Lo ha annunciato oggi la procuratrice generale di New York Letitia James, chiudendo le indagini
FOTO
STATI UNITI
23 ore
Una maxi-causa per molestie nella mecca dei videogiochi
Activision Blizzard trema, perde pezzi (e un presidente) in seguito alle accuse di abusi sistematici alle dipendenti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile