ARCHIVIO KEYSTONE
I medici «hanno ucciso Diego» Armando Maradona, secondo il legale di una delle infermiere sotto inchiesta.
ARGENTINA
17.06.21 - 10:510

La difesa di un'infermiera indagata per la morte di Diego Armando Maradona: la colpa è dei medici

Nessuno di essi «ha fatto nulla per impedirlo», ha dichiarato l'avvocato di Dahiana Gisela Madrid

SAN ISIDRO - Il legale di un'infermiera, sotto inchiesta per la morte di Diego Armando Maradona avvenuta lo scorso mese di novembre, ha accusato di negligenza i medici che lo avevano in cura. «Loro hanno ucciso Diego» ha dichiarato ai media l'avvocato Rodolfo Baque durante una pausa dell'interrogatorio della sua assistita, Dahiana Gisela Madrid, durato più di otto ore.

La 36enne è una delle sette persone iscritte nel registro degli indagati della procura di San Isidro, alle porte di Buenos Aires. Gli investigatori, che indagano per omicidio, ipotizzano che il campionissimo non abbia ricevuto cure adeguate e che sia stato letteralmente abbandonato a se stesso nelle sue ultime ore di vita. Baque ha ribadito ai giornalisti che non è Madrid che va biasimata, ma i medici che lo avrebbero dovuto seguire dopo l'operazione al cervello a cui Maradona era stato sottoposto poche settimane prima del decesso.

L'impianto difensivo è molto simile a quello presentato dai legali di Ricardo Almiron, un altro degli infermieri indagati e che, nel corso dell'interrogatorio che ha avuto luogo lunedì, ha dichiarato che gli era stato ordinato di non svegliare Maradona. Madrid ha dichiarato agli inquirenti che la star del calcio era in cura per problemi cardiaci, ma che gli era stato somministrato uno psicofarmaco che gli aveva accelerato i battiti. Inoltre, Maradona sarebbe caduto mentre si trovava in ospedale e la donna avrebbe proposto di fargli una Tac. Un assistente del Pibe de Oro si sarebbe rifiutato, spiegando che sarebbe stato un disastro se la stampa ne fosse venuta a conoscenza.

«Alla fine, ci sono stati molti segnali di avvertimento che Maradona sarebbe morto, un giorno o l'altro. E nessuno dei medici ha fatto nulla per impedirlo» ha concluso Baque.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GRECIA
9 min
Otto feriti e venti case distrutte
Cinque villaggi evacuati nella regione di Patrasso, in Grecia. Le fiamme continuano ad avanzare
LE IMMAGINI
EUROPA
11 ore
Dove non piove, brucia: fiamme in Turchia, Grecia, Italia
L'Europa mediterranea nella stretta dei roghi: le alte temperature non danno tregua ai pompieri.
ITALIA
12 ore
Balzo dei contagi negli uomini under 40: «È l'effetto Europei»
È l'analisi contenuta nell'ultimo rapporto di aggiornamento Epidemia COVID-19 dell'Istituto superiore di sanità
ITALIA
15 ore
Botte a un passante perché pensavano fosse un ladro, denunciati tre svizzeri
Credevano avesse rubato loro uno zainetto, ma in realtà non c'entrava nulla
REGNO UNITO
16 ore
Rischio Delta, gli esperti consigliano il vaccino alle donne in gravidanza
Le future mamme ricoverate hanno maggiori probabilità di contrarre la polmonite
CINA
18 ore
Il virus torna a circolare in Cina
I contagi, dovuti alla variante Delta, si sono già diffusi in cinque province e almeno 13 città
TURCHIA
23 ore
Una famiglia sterminata dai vicini
Sette persone uccise in un attacco legato ai diritti di pascolo. Ma sullo sfondo tensioni razziali
SPAGNA
1 gior
Salva la bimba di 2 anni trovata vicino ai genitori morti
Sono stati gli abitanti della zona a chiamare la polizia, allertati dall'auto in fiamme.
ITALIA
1 gior
La Delta in Lombardia: «Zero decessi tra i vaccinati»
Il coordinatore della campagna vaccinale Bertolaso: «È il punto su cui bisogna insistere. Il vaccino è fondamentale»
GERMANIA
1 gior
Test negativo obbligatorio (da domenica) per entrare in Germania
L'entrata sarà consentita anche a chi può dimostrare di essere vaccinato completamente o di essere guarito dal Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile