keystone-sda.ch
L'ex agente Derek Chauvin preso in custodia dopo la lettura della sentenza, lo scorso 20 aprile.
STATI UNITI
03.06.21 - 13:400

Omicidio Floyd, chiesti 30 anni per l'ex agente Chauvin

Il suo avvocato non ci sta: «Corte e giuria influenzate dai media». E chiede un nuovo processo

L'ex agente è stato dichiarato colpevole per l'omicidio di George Floyd lo scorso 20 aprile. Il verdetto sulla condanna è atteso per il 25 giugno.

MINNEAPOLIS - Lo Stato del Minnesota ha chiesto una pena di 30 anni di carcere per l'ex agente di polizia Derek Chauvin, colpevole dell'omicidio di George Floyd.

Chauvin, lo ricordiamo, è stato giudicato colpevole lo scorso 20 aprile di tutti e tre i capi d'accusa per i quali era imputato: omicidio preterintenzionale di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio colposo di secondo grado. La richiesta di 30 anni si colloca «all'estremo superiore dell'intervallo di pena previsto» e si «giustificherebbe in virtù del profondo impatto che la condotta dell'imputato ha avuto sulla vittima, sulla sua famiglia e sulla comunità», si legge nelle motivazioni dello Stato.

«Un verdetto frutto di un sistema difettoso»
L'avvocato di Chauvin, Eric Nelson, però non ci sta e - riporta la CNN - chiede che il suo assistito possa beneficiare della libertà condizionata, che la sua pena venga considerata come già scontata o che, perlomeno, la condanna sia inferiore a quanto previsto dalle linee guida statali. «Il Signor Chauvin - ha comunicato il suo legale - chiede alla Corte di guardare oltre il suo verdetto», considerando «il suo background e l'assenza di precedenti reati».

Secondo Nelson, il caso del suo assistito è il «prodotto di un sistema difettoso» e il reato commesso da Chauvin è da considerare come «un errore commesso in buona fede, facendo affidamento sulla propria esperienza di agente di polizia e sulla base dell'addestramento ricevuto». In altre parole, conclude, non è stato un atto illegale «commesso intenzionalmente».

La difesa di Chauvin non ha poi omesso di nominare il peso dell'eco mediatica del caso tra le motivazioni che avrebbero, a suo dire, condizionato la giuria e la corte. «È stata come l'esplosione di una bomba», ha riferito nel memorandum Nelson, rinnovando la richiesta di un nuovo processo.

Il verdetto atteso per il 25 giugno
George Floyd, 46 anni, è morto la sera del 25 maggio dello scorso anno durante un arresto. L'ex agente Chauvin lo ha trattenuto al suolo ammanettato, con il suo ginocchio sul collo, per 9 minuti e 29 secondi, nonostante le ripetute richieste di allentare la pressione. «Non riesco a respirare», disse più volte prima di perdere i sensi.

La sentenza sulla condanna è prevista per il prossimo 25 giugno. Dopodiché l'ex agente e i suoi legali avranno 90 giorni di tempo per ricorrere in appello.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Trionfx 4 mesi fa su tio
Fatelo marcire in cella..
Peter Parker 4 mesi fa su tio
Esito scontato. Così BLM grazie alla sua ipocrisia e malafede ha servito su un piatto d’argento gli elementi per il ricorso!! Per non parlare dei politici democratici che non hanno fatto altro che alzare i toni sulla divisione razziale (e continuano a farlo).....così da creare un ambiente esplosivo attorno a questo processo. Si riempiono la bocca di slogan per la giustizia universale e poi non riescono neanche a garantire lo svolgimento di un processo equo.
Ro 4 mesi fa su tio
Colpevole è colpevole ma c’è un dato di fatto che da una decina di anni chi influenza indirettamente i verdetti sono i media e certi programmi che di garantismo non hanno proprio nulla a che vedere. L’ex procuratore Giudici Luciano nel suo interessante libro ne parla in modo esaustivo.
Peter Parker 4 mesi fa su tio
@Ro Esattamente.
seo56 4 mesi fa su tio
@Ro Condivido
seo56 4 mesi fa su tio
🤐🤐
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
4 ore
«Questo messaggio ti infastidisce?»
Tinder introduce due nuovi filtri. E le segnalazioni di molestie aumentano del 46 per cento
STATI UNITI
7 ore
Alec Baldwin è «scioccato» dalla tragedia sul set
Nuovi particolari sull'incidente in cui ha perso la vita la direttrice della fotografia Halyna Hutchins
SUD AFRICA
17 ore
Poliziotta fa strage di parenti per intascare i soldi dell'assicurazione
A processo l'agente che tra il 2012 e il 2017 ha ingaggiato dei sicari per uccidere sei suoi parenti.
STATI UNITI
19 ore
Quanti drammi sui set di Hollywood
La morte di Halyna Hutchins è solo l'ultima tragedia consumatasi durante le riprese di un film a stelle e strisce.
POLONIA
23 ore
Alla ricerca dell'aborto illegale o all'estero
Le associazioni hanno segnalato che in Polonia da gennaio più di 30'000 donne hanno chiesto aiuto
STATI UNITI
1 gior
Baldwin interrogato, il regista «era in condizioni critiche»
L'attore si è presentato alle autorità per rispondere agli inquirenti. Nell'incidente sul set è morta una persona
AUSTRALIA
1 gior
È finito il lockdown più lungo del mondo
Gli abitanti dello Stato di Victoria da oggi possono lasciare la propria abitazione. Levato anche il coprifuoco
STATI UNITI
1 gior
I resti umani sono quelli di Brian Laundrie
Il corpo trovato ieri in una riserva naturale della Florida è quello dell'ex-fidanzato, e assassino, di Gabby Petito
STATI UNITI
1 gior
Un morto e un ferito sul set, a sparare è stato Alec Baldwin
Il dramma sarebbe legato a una pistola usata sul set che avrebbe dovuto essere caricata a salve
Corea del Sud
1 gior
Per i sudcoreani Squid Game è tutti i giorni
La serie Netflix non si discosta poi tanto dalla realtà: i sudcoreani hanno un debito pro-capite pari a 44'000 dollari
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile