Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (STEPHANIE LECOCQ)
UNIONE EUROPEA
26.05.21 - 20:000

«AstraZeneca non ci ha nemmeno provato a rispettare i termini»

A Bruxelles è iniziato il processo per i ritardi di consegna, l'UE alza la pressione chiedendo una multa miliardaria

BRUXELLES - È uno dei motivi che ha costretto l'Unione Europea a ritardare la sua campagna vaccinale in molti Paesi membre e uno degli oggetti di tensione a ridosso della Manica. Stiamo parlando della fornitura di dosi di vaccino largamente al di sotto delle promesse da parte di AstraZeneca.

Una mancata consegna, di decine di milioni di dosi, che si sta prolungando anche in questi mesi particolarmente critici visto l'avvicinarsi dell'estate e degli spostamenti di massa. Bruxelles, però, ha oggi deciso che non chinerà più il capo se la compagnia non rispetterà gli accordi, entro l'inizio di luglio. La pena sarà una multa molto sostanziosa.

Nel primo trimestre AstraZeneca ha consegnato solo una frazione di quanto ordinato dall'UE, ovvero 30 milioni su 120 milioni promessi. All'inizio di maggio circa 50 milioni e, entro giugno, probabilmente 70 milioni sui 180 milioni promessi.

«AstraZeneca non ci ha nemmeno provato a rispettare gli accordi», ha commentato l'avvocato della commissione d'inchiesta dell'UE Rafaël Jafferali oggi in tribunale a Bruxelles per l'inizio del processo, «e non stiamo parlando di consegne di scarpe o magliette, ma di vaccini che salvano delle vite».

L'idea è quella di comminare una sanzione da 10 euro per ogni dose non consegnata al giorno più 10 milioni di euro, per ogni nodo contrattuale che verrà ritenuto insoddisfatto, se la compagnia non fornirà almeno 120 milioni di dosi (comunque molte meno degli accordi) entro il 2 luglio.

Contratto, che AstraZeneca invece sostiene non fosse vincolante, ma piuttosto una dichiarazione d'intenti fatta tenendo conto dei possibili limiti della situazione, assolutamente straordinaria. Una tesi, questa, che non convince gli avvocati dell'Unione che citano la fornitura al Regno Unito, sempre a pieno regime.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
36 min
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
2 ore
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
8 ore
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
ITALIA
11 ore
Da Amadeus, a Vasco e Siffredi: i non "quirinabili" votati
Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.
COREA DEL NORD
13 ore
La Corea del Nord testa nuovi missili
Il Sud avvisa: «Dobbiamo condurre un'analisi dettagliata»
UCRAINA/RUSSIA
20 ore
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
22 ore
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
1 gior
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
1 gior
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
1 gior
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile