Keystone
L'ambasciata americana a Cuba.
STATI UNITI
14.05.21 - 09:170

Le vittime della “sindrome dell'Avana” sarebbero almeno 130

Attacco con armi sperimentali a microonde oppure altro? La misteriosa “malattia” sarebbe più diffusa del previsto

NEW YORK - Fischi lancinanti nelle orecchie, brontolii profondi che si fanno sentire dal nulla e mal di testa persistente. Sono questi i sintomi della “sindrome dell'Avana” che ha colpito diversi diplomatici americani così come dipendenti del ministero della Difesa e agenti dell'Intelligence Usa.

Stando a uno studio dell'Università della Pennsylvania del 2018 - che ha analizzato le condizioni cliniche di diversi pazienti afflitti - non ha riscontrato lesioni particolari agli apparati uditivi di quelli interessati. C'erano però dei danni al cervello «simili a quelli riportati durante una commozione cerebrale» la cui entità «è estesa a tutta la massa cerebrale». Riguardo alle cause, però, non vi era certezza alcuna.

Di qualunque cosa si tratti, stando al New York Times, le vittime della “sindrome” sono ben più di quante si pensasse inizialmente. Sarebbero, infatti, circa 130 (e non una sessantina) le persone in qualche modo legate all'ambasciata cubana che avrebbero necessitato di cure o sarebbero, addirittura, finite all'ospedale. L'ultima solo due settimane fa.

Molte le speculazioni, riguardanti possibili attacchi deliberati utilizzando armi sperimentali a ultrasuoni oppure microonde. L'ultimo dei diversi studi, indipendenti ma anche governativi, pubblicato l'anno scorso dalla National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine suggeriva che i danni cerebrali fossero stati causati da «impulsi diretti in radiofrequenza». 

Malgrado la credibilità dell'ente che lo aveva pubblicato, lo studio non ha mancato di generare controversie, anche da parte di esperti americani. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
3 ore
Greenpass obbligatorio per i ristoranti: ora è corsa al vaccino
In Friuli Venezia Giulia le richieste di appuntamento sono aumentate del 6'000%.
UNIONE EUROPEA
10 ore
La variante Delta "domina" in Europa
Anche in Svizzera la quasi totalità dei nuovi casi è legata alla variante. Negli ultimi sette giorni la media è al 94.1%
MONDO
13 ore
Quando la miglior cura è essere se stessi
La condanna del Vaticano alle "terapie riparative", che si proponevano di far cambiare orientamento sessuale ai gay
REGNO UNITO
15 ore
Niente quarantena per i lavoratori del settore alimentare
Troppi dipendenti hanno ricevuto l'ordine di isolarsi, mettendo a rischio l'approvvigionamento dei negozi
STATI UNITI
19 ore
Trump: quella del 6 gennaio era una «folla amorevole»
L'ex presidente ha ribadito la sua convinzione che le elezioni del 2020 siano state truccate
SPAGNA
19 ore
«Così salviamo i "figli del vento" abbandonati dagli aguzzini»
L'associazione luganese "Forza Rescue Dog" racconta il proprio impegno a favore dei Galgos.
STATI UNITI
1 gior
Il vaccino J&J può causare un raro disturbo neurodegenerativo
Si tratta della sindrome di Guillain-Barré. Lo ha stabilito l'Ema esaminando 108 casi segnalati nel mondo.
ITALIA
1 gior
L'Italia ha deciso: Green pass obbligatorio per i ristoranti (ma al chiuso)
Servirà per consumare al tavolo ma non all'aperto e al bancone, ma anche per partecipare a concerti e spettacoli.
CINA
1 gior
La Cina rifiuta ulteriori indagini sui laboratori di Wuhan
Le autorità di Pechino accusano l'Oms di «arroganza nei confronti della scienza»
FOTO
ITALIA
1 gior
Bus precipita in una scarpata a Capri, un morto e 28 feriti
Il veicolo ha travolto le strutture di uno stabilimento balneare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile