Reuters
INDIA
21.04.21 - 09:150

«Questa seconda ondata è arrivata come una tempesta»

Le ultime 24 ore sono state le peggiori in India dall'inizio dell'emergenza

Nel paese asiatico sono stati registrati quasi 300mila nuovi casi e oltre 2'000 morti in un solo giorno.

NUOVA DELHI - I numeri della pandemia in India peggiorano di giorno in giorno. Il paese asiatico è letteralmente travolto dalla seconda ondata che dalla seconda metà di marzo è letteralmente salita in rampa di lancio, arrivando a toccare quota 294'290 contagi e 2'020 decessi. Le due cifre più alte dall'inizio dell'emergenza.

Da una decina di giorni, l'India è diventata il secondo paese più colpito dal Covid dopo gli Stati Uniti. Ha superato il Brasile - che ha appena scavalcato i 14 milioni di casi - e lo ha distanziato rapidamente. Il premier Narendra Modi, rivolgendosi alla popolazione, ha affermato che il paese sta combattendo «ancora una volta una grande battaglia». «Questa seconda ondata è arrivata come una tempesta».

«Non abbiamo più posto per lei»
Le strutture ospedaliere indiane sono già a un punto di non ritorno. I posti letti ormai scarseggiano così come le scorte di ossigeno per i pazienti nelle condizioni più gravi. Emblematico è il caso di Seema Gandotra, riportato da Al Jazeera, che ha trascorso dieci ore in un'ambulanza nelle strade della capitale alla ricerca di un letto d'ospedale. Per sei volte la risposta è stata: «No, purtroppo non ci sono più posti». E quando finalmente la 51enne è riuscita a farsi ricoverare era ormai troppo tardi. La sua vita si è spenta poche ore dopo.

Ritardi anche nei test
Ma la situazione potrebbe essere anche peggiore di quella dipinta dai numeri. A essere tremendamente sotto pressione è infatti anche tutta l'infrastruttura che si occupa di gestire i test Covid. Ritardi nei test, ritardi nei risultati. E così diventa impossibile isolare per tempo i nuovi casi positivi ed evitare l'effetto di una palla di neve che rotolando dal pendio innevato si trasforma in una valanga.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Da oggi «Facebook si chiama Meta»
Mark Zuckerberg ha ufficializzato la nuova identità dell'azienda durante l'atteso Connect
ITALIA
2 ore
Archiviate le accuse contro il paziente 1 italiano
Gli inquirenti volevano verificare se Mattia Maestri avesse mentito ai medici di Codogno
AUSTRIA/GERMANIA
5 ore
Arrivano in crociera... positivi al Covid
Il viaggio della nave è stato fermato: dei 178 passeggeri sulla crociera 80 sono risultati positivi al tampone
CINA
7 ore
Dal nuoto al curling: come Pechino passa dalle Olimpiadi estive a quelle invernali
È la prima volta che la stessa città ospita le due versioni dei giochi. E le sfide non mancano.
Francia
10 ore
I francesi sequestrano una barca ai pescatori inglesi
Stretta sui porti: si annunciano controlli doganali più severi e divieto di sbarco del pescato
TAIWAN
12 ore
«Se Taiwan cade, la democrazia globale è a rischio»
Le parole della presidente Tsai Ing-wen a fronte di una tensione sempre altissima con Pechino e l'alleanza con gli Usa
NUOVA ZELANDA
16 ore
Neozelandesi stremati tornano a casa via mare
C'è chi non ne può più delle lunghe liste d'attesa, e ha affrontato dieci giorni di navigazione
MONDO
16 ore
Se «Facebook non vuole più essere Facebook»
Il colosso social prepara la svolta. Ne parliamo con Eleonora Benecchi, docente di Culture digitali dell'USI.
NORDEST EUROPEO
1 gior
Rubinetti russi agli sgoccioli in una Moldavia sempre più europea
Tra le autorità moldave e la società russa fornitrice di gas Gazprom è scontro totale per un aumento dei prezzi
MONDO
1 gior
Niente più fame nel mondo? Basterebbe il 2% del patrimonio di Elon Musk
Il direttore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite invita i più ricchi del pianeta a «farsi avanti»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile