Reuters
INDIA
21.04.21 - 09:150

«Questa seconda ondata è arrivata come una tempesta»

Le ultime 24 ore sono state le peggiori in India dall'inizio dell'emergenza

Nel paese asiatico sono stati registrati quasi 300mila nuovi casi e oltre 2'000 morti in un solo giorno.

NUOVA DELHI - I numeri della pandemia in India peggiorano di giorno in giorno. Il paese asiatico è letteralmente travolto dalla seconda ondata che dalla seconda metà di marzo è letteralmente salita in rampa di lancio, arrivando a toccare quota 294'290 contagi e 2'020 decessi. Le due cifre più alte dall'inizio dell'emergenza.

Da una decina di giorni, l'India è diventata il secondo paese più colpito dal Covid dopo gli Stati Uniti. Ha superato il Brasile - che ha appena scavalcato i 14 milioni di casi - e lo ha distanziato rapidamente. Il premier Narendra Modi, rivolgendosi alla popolazione, ha affermato che il paese sta combattendo «ancora una volta una grande battaglia». «Questa seconda ondata è arrivata come una tempesta».

«Non abbiamo più posto per lei»
Le strutture ospedaliere indiane sono già a un punto di non ritorno. I posti letti ormai scarseggiano così come le scorte di ossigeno per i pazienti nelle condizioni più gravi. Emblematico è il caso di Seema Gandotra, riportato da Al Jazeera, che ha trascorso dieci ore in un'ambulanza nelle strade della capitale alla ricerca di un letto d'ospedale. Per sei volte la risposta è stata: «No, purtroppo non ci sono più posti». E quando finalmente la 51enne è riuscita a farsi ricoverare era ormai troppo tardi. La sua vita si è spenta poche ore dopo.

Ritardi anche nei test
Ma la situazione potrebbe essere anche peggiore di quella dipinta dai numeri. A essere tremendamente sotto pressione è infatti anche tutta l'infrastruttura che si occupa di gestire i test Covid. Ritardi nei test, ritardi nei risultati. E così diventa impossibile isolare per tempo i nuovi casi positivi ed evitare l'effetto di una palla di neve che rotolando dal pendio innevato si trasforma in una valanga.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
54 min
Vaccini e brevetti, si riapre una vecchia ferita
Gli Stati Uniti favorevoli alla sospensione sui sieri anti-Covid. Una posizione che ha deluso le case farmaceutiche.
FOTO
REGNO UNITO
2 ore
Pescherecci francesi bloccano Jersey, Johnson manda la Marina
Sale la tensione nella Manica dopo i cambiamenti sulla pesca legati all'entrata in vigore della Brexit
FOTO
ITALIA
4 ore
Omicidio Cerciello, ergastolo per i due studenti americani Elder e Natale
Il fatto di sangue, avvenuto a Roma nel 2019, si è concluso con una condanna pesante per i due giovani
MONDO
6 ore
La risposta dei Governi al Covid? Bene in Asia, male in Europa
È quanto sostengono i cittadini dei rispettivi paesi, interpellati a margine del Democracy Perception Index 2021
NEPAL
11 ore
Parecchi positivi al coronavirus al campo base dell'Everest
C'è grande preoccupazione nella comunità degli scalatori, situazione imbarazzante per il governo nepalese
SERBIA
12 ore
«25 euro a chi si è vaccinato entro fine maggio»
È la curiosa iniziativa lanciata dal Governo serbo per contrastare il rallentamento della campagna vaccinale.
STATI UNITI
12 ore
All'asta un vino spaziale
Ha trascorso 14 mesi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale
GIAPPONE
14 ore
Prove di Olimpiadi in tempo di Covid, tra critiche e protocolli
Sebastian Coe, a capo della World Athletics, è convinto che l'Olimpiade avrà luogo: «I protocolli sono rigidi e testati»
ITALIA
15 ore
Pfizer e Moderna, «raccomandati» 42 giorni tra una dose e l'altra
Lo indica una circolare del ministero della Sanità, per vaccinare più persone possibili con le fiale a disposizione
REGNO UNITO
15 ore
La pandemia è stata sottostimata, anche dagli esperti
Uno studio britannico dimostra che, nonostante tutto, vale la pena ascoltare chi ha competenze
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile