ARCHIVIO KEYSTONE
Emergono nuovi inquietanti dettagli dall'inchiesta sul crollo del Ponte Morandi a Genova.
ITALIA
16.04.21 - 11:090

Chi doveva controllare il Ponte Morandi non lo aveva mai visto

È quanto emerso dalle intercettazioni dell'indagine sul crollo del viadotto a Genova

GENOVA - L'uomo che aveva il compito di classificare il rischio del ponte Morandi a Genova non lo aveva mai visto dal vivo. E oltre a non avere ispezionato di persona l'infrastruttura - che dal 2013 nei documenti di Autostrade per l'Italia S.p.A. (Aspi) era indicata a rischio crollo per ritardate manutenzioni - quel funzionario a Genova non era mai stato. Lo riportano alcuni quotidiani ed è quanto emerge dalle intercettazioni.

Lo sfogo al telefono

«Io non ci ero mai andato a Genova a vedere questo ponte, mi han detto: 'Fai l'analisi dei rischi catastrofali'. E io: ok». È il 28 marzo del 2019 e R., membro operativo del comparto gestione dei rischi di Aspi, ne parla al telefono con il padre.

È sotto pressione, ha appena ricevuto la visita della Guardia di Finanza, che vuole capire con che criteri sia stato redatto il Catalogo dei rischi aziendali di Atlantia, la società attiva nel settore delle infrastrutture autostradali, aeroportuali e dei servizi legati alla mobilità. La spiegazione R. la dà in diretta al genitore, nel corso di un lungo sfogo: «Mi sono posto il problema e sono andato da quello che si occupa dei ponti. Gli ho chiesto: dov'è che potrebbe avvenire una catastrofe? Lui mi ha aperto il computer e mi ha fatto vedere: 'Ecco, qui'. Finito. È così che è nata». «Ecco, qui» è riferito al Morandi.

Il catalogo dei rischi è ritenuto dalla procura di Genova un documento cruciale perché il rischio, invece di aumentare nel tempo, diminuisce, senza che venga effettuato alcun intervento. Nel 2015 dalla dicitura scompare la causa, il riferimento alle "ritardate manutenzioni". Poi nel 2016 salta via anche il «rischio crollo», sostituito con una più rassicurante «perdita di funzionalità statica del viadotto Polcevera».

Rischio crollo «basso», grazie a sensori che non c'erano

C'è un ultimo dettaglio, che chiude il cerchio. Il rischio crollo ogni anno, era stato valutato «basso». In teoria la risposta veniva dai dati forniti da sensori montati sul Morandi. Apparecchi che, come hanno scoperto poi i finanzieri, non esistevano. Erano stati tranciati durante un cantiere da operai di Pavimental, società controllata da Aspi. E nessuno, da quel momento in poi, li aveva più riattivati.

«Io ero convinto che ci fossero - giura R. al padre -. Il sensore è come se tu la notte tremi e hai la mano appoggiata a me, io lo sento che tremi. Invece il maresciallo mi ha detto che non c'erano sensori. E mi ha chiesto se questo oggi cambierebbe la mia valutazione. E certo che la cambierebbe!».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
6 ore
Biden: «Cento dollari a tutti i nuovi vaccinati»
Una misura simile è stata già adottata dalla città di New York.
EGITTO
12 ore
Patrick Zaki dal carcere: «Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna»
L'attivista ha consegnato alla famiglia una lettera per la sua ragazza: «Non posso prometterti che uscirò presto».
ITALIA
14 ore
Aumentano casi, ricoveri e decessi: «Di fatto siamo nella quarta ondata»
Il monitoraggio della Fondazione Gimbe parla chiaro, ma i numeri non sono ancora allarmanti
COREA DEL NORD
17 ore
Pyongyang, quando la paura del Covid batte la propaganda
L'assenza della Corea del Nord ai Giochi di Tokyo era stata annunciata in primavera. Decisione sofferta ma necessaria?
BELGIO
20 ore
Vittime del maltempo, aperta un'inchiesta per omicidio colposo
Si cercano eventuali responsabili che hanno commesso errori di previsione o di mancata prudenza
KENYA
22 ore
Una ferrovia da miliardi, ma a discapito della fauna selvatica
La Standard Gauge Railway, che attraversa due parchi nazionali, ha «degradato» e rovinato diversi ecosistemi
STATI UNITI / SPAGNA
1 gior
Dieci milioni per la «negligenza» che uccise le quattro turiste spagnole
L'accusa ha attaccato la mancata «competenza» dell'autista del camion commerciale che ha provocato l'incidente
REGNO UNITO
1 gior
Il rischio di trombosi rare non aumenta con la seconda dose di AstraZeneca
Lo afferma uno studio pubblicato su Lancet, finanziato e condotto dalla stessa azienda anglo-svedese
COREA DEL SUD
1 gior
Tanto caldo, da rendere verde l'acqua
L'ondata di calore ha provocato anche una fioritura di alghe verdi, che hanno dato colore al lago Daecheong
ITALIA
1 gior
Green pass per lavorare? «Un'idea da tenere nel cassetto»
Il sottosegretario alla Salute italiano Pierpaolo Sileri non la scarta. Ma aggiunge: «Nessuno dovrà perdere il lavoro».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile