Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (YURI KOCHETKOV)
Alexei Navalny denuncia di aver perso otto chili da quando si trova in carcere.
RUSSIA
02.04.21 - 09:320
Aggiornamento : 13:36

Navalny «in carcere ha perso otto chili»

Questo prima dello sciopero della fame attualmente in corso

MOSCA - L'oppositore russo Alexei Navalny ha perso otto chili dal momento del suo arrivo nella colonia penale IK-2 di Pokrov ed «egli stesso collega tale perdita di peso in primo luogo al fatto che non lo fanno dormire e lo svegliano otto volte durante la notte». Lo riporta l'account Telegram del politico, ripreso dalla testata online Meduza.

La perdita di peso, stando al messaggio, sarebbe dunque cominciata prima dell'inizio dello sciopero della fame annunciato recentemente da Navalny, il quale chiede adeguate cure mediche per i forti dolori alla schiena e alle gambe che denuncia da tempo.

«Tutti i detenuti che dichiarano lo sciopero della fame devono essere pesati. Anche Navalny è stato pesato», riporta l'account Telegram di Navalny. «Secondo i documenti della colonia penale, quando è arrivato pesava 93 chili, ora 85, cioè ha perso otto chili prima dello sciopero della fame».

Nel messaggio si afferma che Navalny non ha ancora ricevuto la visita di un medico per i dolori alla schiena e alle gambe e «non vi è una diagnosi nel registro sanitario né un referto medico».

«Sembra lo stiano uccidendo lentamente»

«Sembra che lì lo stiano uccidendo lentamente»: lo scrivono circa trenta attivisti per la difesa dei diritti umani in un appello in cui chiedono che a Navalny siano fornite adeguate cure mediche per i forti dolori alla schiena e alle gambe che accusa da tempo e che si metta fine alla «sistematica interruzione del sonno» denunciata dal dissidente. Lo riporta la testata online Meduza.

«La mancanza di un'adeguata assistenza medica e la privazione di fatto del sonno sono certamente torture e un trattamento crudele e disumano che ovviamente contraddicono le norme del diritto internazionale e gli obblighi assunti dal nostro Paese», proseguono gli attivisti, chiedendo alla responsabile dei diritti umani Tatiana Moskalkova di visitare Navalny nella colonia penale IK-2 di Pokrov e fare tutto il necessario «affinché sia fornita una seria assistenza medica e sia interrotta questa sistematica interruzione del sonno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La vaccinazione in Austria diventa obbligatoria
La misura entrerà in vigore dal prossimo 4 febbraio. È il primo Paese europeo a introdurla
BRASILE
4 ore
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
8 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
9 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
10 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
12 ore
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
STATI UNITI
13 ore
«Un'invasione dell'Ucraina? Putin la pagherà a caro prezzo»
L'ipotesi di Joe Biden è che la Russia stia per entrare in Ucraina, ma «sarà una decisione che pagherà a caro prezzo»
FOTO
NUOVA ZELANDA
14 ore
Quel che resta di Tonga, nelle prime foto da terra
I soccorsi sono infine riusciti ad arrivare, altri arriveranno presto, mentre sull'isola l'acqua inizia a scarseggiare
SRI LANKA
15 ore
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
20 ore
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile