keystone-sda.ch / STR (STRINGER)
+3
MYANMAR / INDIA
18.03.21 - 06:000

Fuggiti dal golpe: «Se torniamo ci aspetta la condanna a morte»

Dopo il colpo di stato in Myanmar, decine di persone hanno attraversato il confine con l'India

AIZAWL - Lo stato indiano di Mizoram, incastonato tra il Bangladesh (a ovest) e il Myanmar (a est), è diventato una sorta di rifugio per i cittadini birmani che sono riusciti a lasciare il paese dopo il colpo di stato militare che, dal primo febbraio scorso, ha tramutato la capitale Yangon in un campo di battaglia.

Numeri ufficiali non ce ne sono, ma - stando a quanto riportato da Al Jazeera, che cita fonti del gruppo paramilitare indiano Assam Rifles - si parla di oltre 260 tra civili ed ex militari, che hanno attraverso il confine nord-est del paese per entrare in India dopo l'inizio delle violenze. Ma fonti parlamentari stimano che i rifugiati possano essere già più di 400.

«Non ho seguito gli ordini»
Per queste persone, il grande timore è ora quello delle possibili rappresaglie nel caso di un loro ritorno in Myanmar. D'altronde, il governo di Nuova Delhi non ha fatto segreto della propria contrarietà ad accogliere i cittadini birmani in fuga. Tra di essi c'è anche Kunga, un 24enne, ex membro di rango inferiore dell'esercito birmano, che ha raccontato al network arabo di aver disertato dopo aver ricevuto l'ordine di sorvegliare gli aderenti al movimento di disobbedienza civile.

Il giovane, che appartiene alla minoranza Chin, ha varcato il confine il 7 marzo scorso, dopo un viaggio di quattro giorni. «Non ho voluto seguire quegli ordini», ha spiegato. «Mi hanno ordinato di individuare i luoghi in cui si trovano i membri del movimento. Ma quelle persone sono la mia gente». Arrivato in India, Kunga ha saputo che il padre era stato arrestato in Myanmar. «Me lo ha detto un parente. Non so in quali condizioni si trovi ora», ha raccontato il giovane, che per paura non può neanche pensare di contattare i propri familiari. Se dovesse farlo, «la persona che chiamo al telefono finirebbe per essere arrestata».

«Se torniamo ci aspetta la morte»
La speranza del 24enne è che l'India faccia un passo indietro e conceda, a lui e ad altre decine di persone, lo status di rifugiati. «Se questo accadesse, chiamerei qui anche la mia famiglia», ma se «il governo indiano dovesse fermarmi e decidere di rispedirmi indietro, ad attendermi in Myanmar ci sarà una condanna a morte».

keystone-sda.ch / STR (STRINGER)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
8 ore
Gli agenti di polizia che non vogliono vaccinarsi per motivi religiosi
Accade a San Francisco, ma in tutti gli Usa le richieste in tal senso sono oltre 20mila
Italia
12 ore
La zanzara giapponese è arrivata ed è più pericolosa della tigre
È stata rilevata a settentrione della penisola e la regione Veneto raccomanda il vaccino contro l'encefalite giapponese
STATI UNITI
13 ore
Facebook replica: Instagram non è tossico per le ragazzine
La ricerca citata dal Wall Street Journal è «sfumata e complessa», sostiene il vicepresidente Pratiti Raychoudhury
Italia
17 ore
Cannabis legale, «Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia»
Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali
FOTO
GRECIA
20 ore
Forte terremoto a Creta, un morto e alcuni feriti
L'epicentro della scossa è stato localizzato a una ventina di chilometri a sud di Candia
GERMANIA
22 ore
L'Spd s'impone al fotofinish
I socialdemocratici avanti con il 25,7% dei voti, crollo dei conservatori. Quale coalizione per governare?
MONDO
23 ore
Le giovani generazioni «vivranno una vita senza precedenti»
Ci saranno più inondazioni, più siccità, più ondate di calore. È l'avvertimento di uno studio internazionale
GERMANIA
1 gior
Il dopo-Merkel da cardiopalma, per gli exit poll Spd e Cdu sono a pari merito
Stando ai sondaggi i due partiti di maggioranza sarebbero o fermi a quota 25% o comunque molto vicino
Regno Unito
1 gior
Sabina Nessa, arrestato il presunto assassino
La 28enne è stata accoltellata a morte lo scorso 17 settembre poco lontano dalla sua abitazione
FOTO
SAN MARINO
1 gior
San Marino alle urne per depenalizzare l'aborto
È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile