Keystone
BRASILE
05.03.21 - 19:000

Il Brasile supera la quota dei 260mila morti da Covid, Bolsonaro: «Piantatela di frignare»

Un nuovo contagiato ogni 3 è brasiliano. Ecco perché il negazionsimo del presidente riguarda anche per noi

SAN PAOLO - Campagne vaccinali, misure anti-contagio, mascherine, il Brasile non ha nulla di tutto questo.

E i risultati, purtroppo, si vedono con picchi di morti giornalieri da primato assoluto con poco meno di 2'000 morti ogni giorno che, stando agli esperti, potrebbero diventare anche 3'000 nelle prossime settimane.  

Grande responsabilità, in tutto questo, ce l'ha il presidente  Jair Bolsonaro che ha sempre minimizzato il problema, deridendo le mascherine e non riuscendo - per capacità diplomatica o volontà - a stringere accordi con i produttori dei vaccini.

Questo ha fatto del Brasile è anche l'epicentro mondiale dell'epidemia, con il 30% dei contagi mondiali (secondo i dati degli ultimi giorni dell'OMS), nonché un pericoloso «laboratorio a cielo aperto» per la nascita di varianti, visto che il «virus è lasciato libero di propagarsi e mutare».

A sostenerlo è un noto virologo brasiliano, intervistato dal Guardian, che ritiene il Brasile «una minaccia globale nei confronti degli sforzi fatti per combattere la pandemia»

Ben lungi dal prendere atto del disastro, Bolsonaro ha rincarato la dose durante un comizio questo giovedì davanti ai suoi supporter nello stato di Goiás: «Quanto ancora continuerete a lamentarvi del coronavirus, piantatela una buona volta di frignare», ha apostrofato non molte ore dopo che il paese aveva superato la quota dei 260'000 morti. 

Lo scorso 10 dicembre, lo stesso presidente, aveva affermato che il Brasile era ormai furi dall'emergenza pandemica e ne era uscita «meglio di tutte le altre nazioni». Da quel giorno a oggi 82'000 brasiliani hanno perso la vita.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA
8 ore
La Nato alla Russia: «Ritirate le truppe»
Il Cremlino, dal canto suo, ha accusato gli Stati Uniti e la NATO di trasformare l'Ucraina in una «polveriera»
FRANCIA
8 ore
La battaglia (vinta) con Facebook di un paese dal nome “sconcio”
Ovvero la cittadina francese di Bitche che si è vista bannare la sua pagina social per settimane, poi le scuse ufficiali
EGITTO
10 ore
Per la Ever Given, chiesto un risarcimento da un miliardo di dollari
E intanto la nave, che si trova ancora nel canale, è stata sequestrata. Dai proprietari giapponesi per ora è no comment
MONDO
11 ore
Trombosi con J&J: «Sono eventi estremamente rari»
Lo hanno dichiarato gli esperti dell'FDA e dei CDC in una conferenza stampa congiunta
GIAPPONE / CINA
13 ore
Fukushima, una decisione «che non riguarda solo il Giappone»
Le acque di raffreddamento saranno sversate in mare. Pechino non ci sta e auspica un passo indietro
FRANCIA
13 ore
Come procede l'inchiesta sulla sparatoria di Parigi
Continua la caccia alla persona che ha sparato. È sempre più probabile che sia stato un regolamento di conti
STATI UNITI
14 ore
Trombosi: gli USA mettono in pausa il vaccino Johnson & Johnson
La decisione arriva in seguito a sei casi di formazione di «coaguli di sangue», uno dei quali ha portato a un decesso
MONDO
15 ore
OMS: «Stop alla vendita di animali selvatici vivi»
«...Almeno fino a quando non siano regolati degli standard minimi di igiene e sorveglianza»
FOTO
REGNO UNITO
17 ore
La prima sera al pub dopo mesi: «È stato eccitante»
Locali affollati dopo lo stop di quasi 100 giorni a causa delle restrizioni Covid
FOTO
STATI UNITI
20 ore
La poliziotta voleva usare il Taser, ma ha preso la pistola
Le autorità del Minnesota hanno ricostruito la dinamica dell'intervento che è costato la vita a Daunte Wright.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile