Razzi sulla base aerea che ospita le truppe USA
keystone-sda.ch / STF (Nasser Nasser)
La base aerea di Al Asad.
IRAQ
03.03.21 - 10:330
Aggiornamento : 11:07

Razzi sulla base aerea che ospita le truppe USA

L'attacco arriva due giorni prima dell'attesa visita del Papa in Iraq

AL ANBAR - È stata oggi colpita dal lancio di almeno 10 razzi una base militare che ospita delle truppe statunitensi in Iraq.

Lo riferisce l'agenzia di stampa AP, riprendendo le dichiarazioni dell'esercito iracheno, che ha assicurato sul fatto che non ci siano state vittime.

Si tratta della base aerea di Ain Al-Asad, nella provincia di Anbar, che ospita truppe irachene e statunitensi. Più tardi, l'esercito locale ha dichiarato che le forze di sicurezza hanno trovato la piattaforma di lancio usata per i missili. 

Si tratta del primo attacco da quando gli Stati Uniti hanno colpito lungo il confine tra Iraq e Siria la scorsa settimana, e arriva a soli due giorni dall'attesa visita di Papa Francesco in Iraq.

«Dopodomani Dio volente mi recherò in Iraq per un pellegrinaggio di 3 giorni. Da tempo desidero incontrare quel popolo che ha tanto sofferto, incontrare quella Chiesa martire» ha dichiarato oggi il pontefice, come riporta l'agenzia stampa Keystone-ATS.

«Vi chiedo d'accompagnare con la preghiera questo viaggio perché possa svolgersi nel migliore dei modi, portare i frutti sperati. Il popolo iracheno ci aspetta. Aspettava S.Giovanni Paolo II quando è stato vietato di andare: non si può deludere un popolo per la seconda volta. Preghiamo perché questo viaggio si possa fare bene».

Le truppe statunitensi hanno diminuito significativamente la loro presenza in Iraq l'anno scorso sotto l'amministrazione Trump. Le forze si sono ritirate da diverse basi irachene in tutto il paese per consolidarsi principalmente ad Ain al-Asad e Baghad.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora
«Nessuno sta facendo abbastanza per la crisi climatica»
La giovane attivista si è rivolta ai manifestanti dal palco, esortandoli ad andare a votare
AFGHANISTAN
4 ore
Parla uno dei leader talebani: «Tornano esecuzioni ed amputazioni»
Il Ministro responsabile delle carceri ha giustificato le due misure: «Necessarie per la sicurezza»
STATI UNITI
6 ore
Caso Floyd, l'ex agente Chauvin contesta la condanna
L'ex ufficiale, lo ricordiamo, è stato condannato a 22 anni e sei mesi di prigione
STATI UNITI
9 ore
Entra al supermercato e apre il fuoco: un morto e 12 feriti
Per gestire la situazione sono intervenuti gli agenti speciali SWAT, il killer sarebbe morto
MONDO
11 ore
Oggi ripartono gli scioperi per il clima
Fridays for Future torna in piazza con lo slogan #Sradica il sistema
FOTO
SPAGNA
19 ore
La promessa di Felipe agli abitanti di La Palma
Prosegue l'eruzione del vulcano Cumbre Vieja
ITALIA
22 ore
Trattativa Stato-Mafia, ribaltata la sentenza di primo grado
Assolti gli alti ufficiali dei Carabinieri e anche Marcello Dell'Utri
REGNO UNITO
1 gior
L'immunità renderà il Covid simile a una comune sindrome influenzale?
«Il peggio dovrebbe essere passato», assicurano due esperti
SONDAGGIO
GERMANIA
1 gior
Niente stipendio ai No-vax in quarantena: «È corretto così»
La decisione tedesca è stata molto criticata ma il governo la difende: «Non deve pagare la società». Tu che ne pensi?
ITALIA
1 gior
Il Green pass passa, senza problemi, anche in Senato
Il decreto per l'introduzione dell'obbligo nelle scuole e sui mezzi di trasporto è stato approvato dal Senato
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile