keystone-sda.ch / STF (Alex Brandon)
Il portavoce del Pentagono, John Kirby in conferenza stampa.
SIRIA
26.02.21 - 07:220
Aggiornamento : 09:25

Il primo attacco missilistico dell'era Biden, è in Siria e ha causato almeno 17 morti

Si tratta di una rappresaglia e ha colpito una base di miliziani sostenuti dall'Iran

WASHINGTON - Una serie di attacchi aerei di chirurgica precisione ha colpito con violenza una serie di installazioni militari in Siria a ridosso del confine con l'Iran. È questa la prima operazione bellica dell'amministrazione Biden, che prende di mira miliziani finanziati dall'Iran e attivi nella regione.

Stando al Pentagono si tratta di una risposta a un recente attacco in una base alleata in Iraq, che era costata la vita a un contractor e aveva ferito un soldato americano e altri delle forze di coalizione.

In questo caso il bilancio è decisamente di altra entità. Le prime stime parlano di diversi morti «una manciata», citano le autorità Usa e importanti danni strutturali con diversi stabilimenti completamente distrutti. Stando all'Osservatorio siriano dei diritti umani (SOHR), citato dall'AFP, le vittime per ora sarebbero 17.

«Questa operazione, coordinata strategicamente con i nostri partner, manda un messaggio chiaro», ha dichiarato il portavoce del Pentagono John Kirby, «il presidente Biden agirà in maniera decisa per proteggere cittadini e soldati americani e della coalizione. Il nostro obiettivo, oggi, è quello di portare a un alleggerimento della tensione nell'area».

«Una violazione delle leggi internazionali»

Non mancano le voci critiche all'azione militare Usa, fra queste c'è anche la professoressa di diritto della Notre Dame Law School, Mary Ellen O’Connell: «Lo Statuto delle Nazioni Unite parla chiaro», ha spiegato al Guardian, «l'uso della forza militare sul territorio di uno stato sovrano straniero è legale solo in risposta a un attacco perpetrato dallo stesso. Non è questo il caso per i bombardamenti americani in Siria».

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA
7 ore
La Nato alla Russia: «Ritirate le truppe»
Il Cremlino, dal canto suo, ha accusato gli Stati Uniti e la NATO di trasformare l'Ucraina in una «polveriera»
FRANCIA
7 ore
La battaglia (vinta) con Facebook di un paese dal nome “sconcio”
Ovvero la cittadina francese di Bitche che si è vista bannare la sua pagina social per settimane, poi le scuse ufficiali
EGITTO
9 ore
Per la Ever Given, chiesto un risarcimento da un miliardo di dollari
E intanto la nave, che si trova ancora nel canale, è stata sequestrata. Dai proprietari giapponesi per ora è no comment
MONDO
10 ore
Trombosi con J&J: «Sono eventi estremamente rari»
Lo hanno dichiarato gli esperti dell'FDA e dei CDC in una conferenza stampa congiunta
GIAPPONE / CINA
12 ore
Fukushima, una decisione «che non riguarda solo il Giappone»
Le acque di raffreddamento saranno sversate in mare. Pechino non ci sta e auspica un passo indietro
FRANCIA
12 ore
Come procede l'inchiesta sulla sparatoria di Parigi
Continua la caccia alla persona che ha sparato. È sempre più probabile che sia stato un regolamento di conti
STATI UNITI
13 ore
Trombosi: gli USA mettono in pausa il vaccino Johnson & Johnson
La decisione arriva in seguito a sei casi di formazione di «coaguli di sangue», uno dei quali ha portato a un decesso
MONDO
14 ore
OMS: «Stop alla vendita di animali selvatici vivi»
«...Almeno fino a quando non siano regolati degli standard minimi di igiene e sorveglianza»
FOTO
REGNO UNITO
16 ore
La prima sera al pub dopo mesi: «È stato eccitante»
Locali affollati dopo lo stop di quasi 100 giorni a causa delle restrizioni Covid
FOTO
STATI UNITI
19 ore
La poliziotta voleva usare il Taser, ma ha preso la pistola
Le autorità del Minnesota hanno ricostruito la dinamica dell'intervento che è costato la vita a Daunte Wright.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile