keystone-sda.ch (KIRA YARMYSH)
Varie nazioni europee chiedono il rilascio di Alexei Navalny.
RUSSIA
18.01.21 - 08:290
Aggiornamento : 09:53

Vari appelli per la liberazione di Navalny

Quanto è accaduto ieri «è totalmente incomprensibile», ha dichiarato il ministro degli Esteri tedesco.

L'ambasciatore americano in Russia lo considera un atto «politicamente motivato».

MOSCA - La Germania chiede a Mosca «il rilascio immediato» di Alexei Navalny, l'oppositore russo arrestato ieri al suo rientro nel suo paese. L'arresto, ha detto il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, «è totalmente incomprensibile».

Non è l'unica voce che si leva dai palazzi del governo europei: la premier finlandese Sanna Marin chiede che Navalny «sia rilasciato senza indugio. Anche gli altri arrestati al suo arrivano dovrebbero essere liberati. La Russia» ribadisce Marin «dovrebbe investigare sull'avvelenamento di Navalny e proteggere i diritti dell'opposizione». Una circostanza, questa, «che appartiene a ogni democrazia».

Anche la Francia ha «appreso con forte preoccupazione» dell'arresto, «segue la situazione con la più grande attenzione e fa appello per la sua liberazione immediata». Anche il Canada considera «inaccettabile» il comportamento di Mosca e l'Italia, tramite il ministro per gli Affari europei Enzo Amendola, chiede «il rilascio immediato» di Navalny.

Ieri l'Unione europea e gli Stati Uniti avevano condannato l'arresto dell'oppositore russo. E oggi l'ambasciatore americano in Russia, John Sullivan, ha espresso preoccupazione, definendo l'arresto «politicamente motivato».

«L'arresto dell'oppositore Alexei Navalny immediatamente dopo il suo ritorno in Russia il 17 gennaio appare profondamente politicizzato», ha affermato l'ambasciatore in una dichiarazione pubblicata sul sito Internet dell'ambasciata. «La comunità internazionale osserverà attentamente il trattamento riservato a Navalny. Il governo russo è responsabile della sua salute e della sua sicurezza». Sullivan ha poi sottolineato che «gli Stati Uniti notano con grave preoccupazione che la detenzione di Navalny è l'ultimo di una serie di quelli che appaiono attacchi che prendono di mira figure dell'opposizione e voci indipendenti critiche nei confronti delle autorità russe in un tentativo che si intensifica di mettere a tacere la società civile».

«I leader politici sicuri di sé - ha proseguito l'ambasciatore americano - non temono le voci indipendenti, né vedono la necessità di usare in modo improprio l'autorità legale per commettere violenze o arrestare ingiustamente gli oppositori politici». «Il popolo russo, come le persone ovunque, - ha concluso Sullivan - merita un governo che sostenga uno scambio aperto di idee, una governance trasparente e responsabile, un trattamento equo e paritario nel rispetto della legge e la capacità di esercitare i propri diritti senza timore di ritorsioni».

Portato a Khimki - Dopo l'arresto Alexei Navalny è stato portato al secondo dipartimento del ministero dell'Interno nella città di Khimki, vicino Mosca: lo riferiscono i sostenitori dell'oppositore, ripresi dalla testata online Meduza.

Navalny avrebbe trascorso lì la notte e il suo avvocato non sarebbe stato fatto entrare dalla polizia. «Navalny si trova nel secondo dipartimento del ministero dell'Interno a Khimki. Indirizzo: Khimki, Prospekt Mira 23a. L'avvocato non è stato ammesso ma promettono di farlo passare stamattina», ha scritto su Telegram Leonid Volkov, uno dei più stretti alleati di Navalny, stando a Meduza.

Altre 68 persone fermate - L'ong Ovd-Info riferisce che altre 68 persone sono state fermate dalla polizia in occasione del ritorno in Russia di Alexei Navalny. La maggior parte dei fermi è avvenuta a Mosca, dove la polizia ha arrestato 62 persone, tra cui alcuni tra i più stretti collaboratori di Navalny, e decine di sostenitori del dissidente che manifestavano davanti all'aeroporto moscovita di Vnukovo, dove Navalny era atteso prima che le autorità decidessero all'ultimo momento di far atterrare il suo aereo in un altro scalo, quello di Sheremetyevo.

Secondo Ovd-Info, tra i fermati ci sono però anche sei giornalisti. Due dei fermati hanno avuto bisogno di cure in ospedale e uno si è sentito male in commissariato ed è stato portato via in ambulanza. Almeno quattro persone hanno passato la notte in una caserma di polizia, compreso lo stesso Navalny.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
GERMANIA
32 min
Lockdown sempre più vicino, a Berlino scontri con la polizia
In Parlamento è passato un disegno di legge per applicare un confinamento a livello nazionale
ITALIA
3 ore
Lombardia in giallo da lunedì ma per i ticinesi andarci è ancora complicato
Se le stime sui contagi parlano chiaro, è un po' meno immediato capire se (e come) si potrà varcare il confine
INDONESIA
5 ore
Bali, scomparso un sottomarino a bordo ci sono 53 persone
Il vascello della marina indonesiana stava compiendo un'esercitazione quando è sparito senza lasciare traccia
STATI UNITI
6 ore
Derek Chauvin era pronto a un verdetto di colpevolezza: lo conferma la scritta sulla sua mano
L'ex poliziotto si era segnato sul palmo il numero di telefono del suo avvocato, per chiamarlo dal carcere.
STATI UNITI
9 ore
George Floyd, festeggiamenti nelle strade per la condanna dell'agente
Cortei e abbracci. Ma anche tante lacrime dopo aver appreso della condanna di Chauvin
INDIA
9 ore
«Questa seconda ondata è arrivata come una tempesta»
Le ultime 24 ore sono state le peggiori in India dall'inizio dell'emergenza
BRASILE
12 ore
La strage degli innocenti
In Brasile sono morte oltre 370mila persone per via del Covid-19. Tra queste, 852 avevano meno di 9 anni
MONDO
19 ore
Nel mondo con il Covid non sta andando tutto bene
Malgrado vaccini e ottimismo, l'ultima settimana è stata da record assoluto per contagi.
STATI UNITI
19 ore
L'ex poliziotto accusato per la morte di George Floyd giudicato colpevole di omicidio
La giuria è arrivata a un verdetto dopo due giorni di consultazioni blindate.
ITALIA
22 ore
In Italia ritorna il colore giallo, e arriva un pass verde per spostarsi ovunque
Dal 26 aprile riaprono anche i ristoranti (solo all'aperto) e non solo. Tutto quello che dovete sapere
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile