Reuters
+8
CROAZIA
29.12.20 - 16:040
Aggiornamento : 21:33

«Abbiamo iniziato a saltare per casa e tutto è iniziato a cadere»

Il terremoto in Croazia ha provocato almeno cinque vittime. Una ventina di persone in ospedale. Ingenti i danni

Molte persone potrebbero ancora essere disperse sotto le macerie, il bilancio continua a peggiorare

PETRINJA - Non ci sono ancora bilanci ufficiali, ma il violento terremoto che ha colpito in tarda mattinata la Croazia ha provocato almeno cinque vittime - tra cui una ragazzina di 12 anni - e ingenti danni a Petrinja. Una scossa - di magnitudo 6,2 - ben più violenta di quella che colpì Zagabria la scorsa primavera.

Secondo quanto dichiarato al canale N1 dal sismologo Krešimir Kuk, la scossa di oggi è stata «quasi 30 volte più forte», in termini di energia rilasciata, rispetto a quella registrata nella capitale a marzo. L'epicentro, ha spiegato, è lo stesso del terremoto che ha colpito il paese ieri.

Gli edifici «nell'area in cui è collocato l'epicentro - ha spiegato Kuk - sono fragili e non in grado di reggere terremoti di questo tipo». «Chiunque sia in grado di farlo, deve spegnere anche il gas. Gli edifici nuovi sono sicuri. Ma quelli più vecchi e già danneggiati sono seriamente a rischio», ha aggiunto.

Una fortuna, in questo senso, può essere stata la scossa di ieri, in quanto ha reso inabitabili diversi edifici che sono poi crollati con il terremoto odierno. Gli sfollati, non ci fosse stato il terremoto di ieri, potrebbero essere stati oggi nelle loro abitazioni al momento del sisma.

«Un'esperienza terribile» - «Quando è partito il tremore e quel suono terribile siamo saltati in aria, abbiamo iniziato a saltare per casa e tutto è iniziato a cadere... per fortuna siamo riusciti a uscire in pochi secondi» ha raccontato una residente di Pokupsko, poco lontano da Petrinja, al quotidiano Slobodna Dalmacija. 

«Tuttavia, anche in cortile avevamo paura, ci sentivamo come dondolare, aspettavamo solo che la casa crollasse», ha continuato la donna, aggiungendo che «quando è finito tutto, eravamo sconvolti che la casa fosse tutta intera». 

Anche minuti, ore dopo il sisma «c'è la paura di entrare in casa» ha confermato la testimone. «Siamo entrati rapidamente per prendere i documenti, il pc e alcuni altri oggetti di valore e siamo subito usciti di nuovo, abbiamo paura a restare in casa a lungo».

Una ventina di persone in ospedale - Secondo quanto riporta il "Jutarnji list", ci sarebbero almeno una ventina di feriti ricoverati all'ospedale di Sisak. Due di loro sarebbero in condizioni molto gravi. 

Inoltre, diverse ambulanze stanno trasportando dei feriti anche agli ospedali della capitale, a Zagabria.

AFP
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
3 ore
Salva la bimba di 2 anni trovata vicino ai genitori morti
Sono stati gli abitanti della zona a chiamare la polizia, allertati dall'auto in fiamme.
ITALIA
7 ore
La Delta in Lombardia: «Zero decessi tra i vaccinati»
Il coordinatore della campagna vaccinale Bertolaso: «È il punto su cui bisogna insistere. Il vaccino è fondamentale»
GERMANIA
7 ore
Test negativo obbligatorio (da domenica) per entrare in Germania
L'entrata sarà consentita anche a chi può dimostrare di essere vaccinato completamente o di essere guarito dal Covid
MONDO
12 ore
Anche la migliore di sempre può crollare
Invincibile ma fragile. Il caso di Simone Biles ha riportato i riflettori sul problema della salute mentale nello sport
GRECIA
14 ore
Polizia nelle isole greche per aumentare i controlli
Non è esclusa l'applicazione, nuovamente, del coprifuoco in alcune isole
STATI UNITI
17 ore
L'allarme: «Variante Delta causa un'infezione più grave»
Lo rivela uno studio redatto dai CDC, la massima autorità sanitaria federale statunitense.
STATI UNITI
19 ore
Quelli che si vaccinano di nascosto da amici e parenti
Lo fanno per evitare la pressione e il biasimo, specialmente in quelle aree dove la campagna incontra forti resistenze
STATI UNITI
1 gior
Biden: «Cento dollari a tutti i nuovi vaccinati»
Una misura simile è stata già adottata dalla città di New York.
EGITTO
1 gior
Patrick Zaki dal carcere: «Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna»
L'attivista ha consegnato alla famiglia una lettera per la sua ragazza: «Non posso prometterti che uscirò presto».
ITALIA
1 gior
Aumentano casi, ricoveri e decessi: «Di fatto siamo nella quarta ondata»
Il monitoraggio della Fondazione Gimbe parla chiaro, ma i numeri non sono ancora allarmanti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile