Reuters
+8
CROAZIA
29.12.20 - 16:040
Aggiornamento : 21:33

«Abbiamo iniziato a saltare per casa e tutto è iniziato a cadere»

Il terremoto in Croazia ha provocato almeno cinque vittime. Una ventina di persone in ospedale. Ingenti i danni

Molte persone potrebbero ancora essere disperse sotto le macerie, il bilancio continua a peggiorare

PETRINJA - Non ci sono ancora bilanci ufficiali, ma il violento terremoto che ha colpito in tarda mattinata la Croazia ha provocato almeno cinque vittime - tra cui una ragazzina di 12 anni - e ingenti danni a Petrinja. Una scossa - di magnitudo 6,2 - ben più violenta di quella che colpì Zagabria la scorsa primavera.

Secondo quanto dichiarato al canale N1 dal sismologo Krešimir Kuk, la scossa di oggi è stata «quasi 30 volte più forte», in termini di energia rilasciata, rispetto a quella registrata nella capitale a marzo. L'epicentro, ha spiegato, è lo stesso del terremoto che ha colpito il paese ieri.

Gli edifici «nell'area in cui è collocato l'epicentro - ha spiegato Kuk - sono fragili e non in grado di reggere terremoti di questo tipo». «Chiunque sia in grado di farlo, deve spegnere anche il gas. Gli edifici nuovi sono sicuri. Ma quelli più vecchi e già danneggiati sono seriamente a rischio», ha aggiunto.

Una fortuna, in questo senso, può essere stata la scossa di ieri, in quanto ha reso inabitabili diversi edifici che sono poi crollati con il terremoto odierno. Gli sfollati, non ci fosse stato il terremoto di ieri, potrebbero essere stati oggi nelle loro abitazioni al momento del sisma.

«Un'esperienza terribile» - «Quando è partito il tremore e quel suono terribile siamo saltati in aria, abbiamo iniziato a saltare per casa e tutto è iniziato a cadere... per fortuna siamo riusciti a uscire in pochi secondi» ha raccontato una residente di Pokupsko, poco lontano da Petrinja, al quotidiano Slobodna Dalmacija. 

«Tuttavia, anche in cortile avevamo paura, ci sentivamo come dondolare, aspettavamo solo che la casa crollasse», ha continuato la donna, aggiungendo che «quando è finito tutto, eravamo sconvolti che la casa fosse tutta intera». 

Anche minuti, ore dopo il sisma «c'è la paura di entrare in casa» ha confermato la testimone. «Siamo entrati rapidamente per prendere i documenti, il pc e alcuni altri oggetti di valore e siamo subito usciti di nuovo, abbiamo paura a restare in casa a lungo».

Una ventina di persone in ospedale - Secondo quanto riporta il "Jutarnji list", ci sarebbero almeno una ventina di feriti ricoverati all'ospedale di Sisak. Due di loro sarebbero in condizioni molto gravi. 

Inoltre, diverse ambulanze stanno trasportando dei feriti anche agli ospedali della capitale, a Zagabria.

AFP
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
7 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
11 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
13 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
16 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
18 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
20 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
22 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
1 gior
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
1 gior
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
1 gior
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile