Immobili
Veicoli
ARCHIVIO KEYSTONE
L'inquinamento atmosferico è stato riconosciuto oggi per la prima volta dalla giustizia britannica come un fattore chiave nella morte di una bambina.
REGNO UNITO
16.12.20 - 14:070
Aggiornamento : 15:10

La giustizia britannica ha riconosciuto l'inquinamento atmosferico come causa della morte di una bambina

È una sentenza storica, quella pronunciata oggi nella capitale britannica

LONDRA - L'inquinamento atmosferico è stato riconosciuto oggi per la prima volta dalla giustizia britannica come un fattore chiave nella morte di una bambina: Ella Kissi-Debrah, uccisa nel 2013 a nove anni di età dall'asma a Londra, secondo quanto stabilito oggi da un coroner della corte londinese di Southwark.

Ella, nata da una famiglia di radici africane residente alla periferia sud-est della capitale del Regno, morì dopo essere stata ricoverata ben 27 volte in ospedale in tre anni. I genitori hanno dichiarato agli inquirenti di non esser mai stati messi a conoscenza di pericoli rappresentati dall'inquinamento per la salute della piccola.

La vicenda - Cresciuta in una casa di South Circular Road, nell'affollato sobborgo di Lewisham, Ella Kissi-Debra si arrese all'ultimo attacco di asma oltre sette anni fa, dopo un calvario ospedaliero di corse al pronto soccorso, ricoveri e dimissioni iniziato 2010. Un destino al quale - riconosce oggi il coroner in tribunale - l'inquinamento ambientale diede un tragico «contributo materiale» concreto.

La vicenda è stata al centro di una lunga causa giudiziaria, fino all'approdo di fronte alla Southwark Court. In base a una perizia del professor Stephen Holgate, medico legale, la vita di Ella rimase per mesi «sull'orlo del baratro» prima dell'attacco fatale.

Per il magistrato inquirente Philip Barlow, medico legale aggiunto della corte di Southwark, il verdetto è ormai chiaro. Dopo due settimane di udienze ad hoc - ha detto oggi Barlow - «sono giunto alla conclusione che Ella morì di asma» e per colpa di «un'esposizione eccessiva all'inquinamento dell'aria». Fra le cause del decesso, il coroner elenca quindi formalmente, numerandole, «uno scompenso respiratorio acuto; una forma severa di asma; l'esposizione all'inquinamento».

La madre della bambina, Rosamund, e due fratelli di Ella hanno assistito alla lettura del verdetto. Commentando la conclusione del procedimento, gli avvocati di Rosamund Kissi-Debrah hanno da parte loro sottolineato come l'inserimento nel certificato di morte dell'inquinamento ambientale come concausa del decesso sia senza precedenti nella storia della giustizia britannica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
«A Downing Street si beveva ogni venerdì sera»
Il "Partygate" continua far discutere: mentre Johnson pensa a licenziamenti e divieti, molti chiedono la sua rimozione
STATI UNITI
4 ore
«Questo virus rimarrà con noi, probabilmente per sempre»
Parola di Robert Wachter, una delle voci più ascoltate sulla pandemia negli Usa
STATI UNITI
11 ore
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
12 ore
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
TONGA
1 gior
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
LIVE CORONAVIRUS
1 gior
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
TONGA
1 gior
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
1 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
AUSTRALIA
1 gior
Nole espulso: «Maltrattato un intero Paese»
Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.
STATI UNITI
2 gior
Netflix vuole colonizzare l'Asia
Il successo di Squid Game potrebbe fungere da cavallo di Troia: «L'obiettivo è arrivare a mezzo miliardo di utenti».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile