Keystone
RUSSIA
14.12.20 - 17:120

Caso Navalny, un'inchiesta svela nuovi dettagli

«Il tentativo di assassinio è finalmente chiaro. E ora capite con certezza perché non può essere reso pubblico»

MOSCA - Una poderosa inchiesta del sito investigativo Bellingcat, condotta in collaborazione con il russo The Insider, la CNN e il Der Spiegel, ha svelato i segreti dell'operazione che avrebbe dovuto far fuori l'oppositore Alexey Navalny.

La testata, attraverso l'analisi di fonti aperte e banche dati di varia natura tra cui i metadati degli operatori telefonici e le registrazioni dei biglietti di viaggio delle compagnie aeree, ha dato un volto e un nome ai sicari dell'FSB (servizi segreti russi) che avrebbero avvelenato Navalny con il Novichok a Tomsk.

I dati rivelerebbero poi che l'operazione è stata condotta in coordinamento con i vertici del servizio di sicurezza erede del KGB, nella persona del generale Vladimir Bogdanov, che ha come suo diretto superiore solo il direttore dell'FSB, Alexander Bortnikov. Che a sua volta riferisce solo a Vladimir Putin.

La cellula che ha colpito Navalny opera sotto le spoglie dell'Istituto Criminale dell'FSB, noto anche come NII-2 o come Unità Militare 34435. Si tratta di un gruppo clandestino di personale altamente qualificato nella gestione di materiale chimico (Bellingcat ha individuato 15 persone, 8 delle quali «erano in stretto contatto in varie fasi delle operazioni di pedinamento di Navalny nei giorni e nelle ore precedenti il suo avvelenamento») tra cui scienziati ed ex medici.

Il gruppo avrebbe seguito Navalny in ogni suo viaggio nel 2017, l'anno in cui aveva annunciato che si sarebbe presentato alle presidenziali del 2018. Il controllo metro per metro sembra sia venuto meno nel 2018 e nel 2019 (anni in cui Navalny assicura di aver lasciato Mosca più raramente) ma l'esperienza accumulata avrebbe permesso al team di compire, quando richiesto, a Tomsk la scorsa estate.

Nei giorni in cui l'oppositore veniva avvelenato Bellingcat documenta un profluvio di telefonate e messaggi dai sicari dislocati sul campo e i loro dirigenti a Mosca, nonché tra i dirigenti stessi e i vertici dell'FSB.

Alexey Navalny, commentando sul suo blog l'inchiesta di Bellingcat, scrive: «Il tentativo di assassinio è finalmente chiaro. E ora capite con certezza perché non può essere reso pubblico: altrimenti metà dei dirigenti dell'FSB dovrebbero essere incarcerati. E anche Putin, che ha dato loro l'ordine».

«Vorrei dire qualche parola ai funzionari del FSB e alle forze dell'ordine in generale», continua Navalny. «Non vi vergognate di prendere parte nel mantenimento di questo sistema? Si vede infatti che vi siete trasformati in servitori di ladri e traditori. Per 20 anni Putin ha costantemente trasformato sia l'FSB che il Ministero degli Interni in strutture il cui compito principale è quello di aiutare lui e i suoi amici a rubare. E voi dovete proteggere tutto questo e anche uccidere chi è contrario. Non c'è bisogno di partecipare a questo tradimento nazionale. Chi sostiene Putin e il suo sistema non è un patriota, ma un traditore. Perché hanno tradito il popolo russo».

Tre giorni fa il presidente russo Vladimir Putin, durante una seduta del Consiglio presidenziale per la Società civile e i diritti umani, aveva affermato che non è possibile aprire un'inchiesta penale sull'avvelenamento dell'oppositore Alexiei Navalny «a causa della mancanza di materiale».
 
 

TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
7 min
150 euro per l'immunità: il mercato nero dei certificati vaccinali
«Ho richieste da ogni angolo del paese», annuncia in anonimo uno dei venditori
STATI UNITI
9 ore
Accordo raggiunto: 7200 dollari a ogni partecipante del Fyre Festival
La class action dei possessori dei ticket del «peggior festival di tutti i tempi» si chiude con due milioni di dollari
STATI UNITI
10 ore
Strage di Indianapolis: identificato il presunto autore
Secondo quanto riferito dai media americani si tratterebbe di un diciannovenne
UNIONE EUROPEA
11 ore
Merkel: «La terza ondata è molto seria»
In Germania la campagna di vaccinazione procede. E nel frattempo l'Europa potrebbe rinunciare ad AstraZeneca
FRANCIA
12 ore
La piccola Mia «potrebbe essere stata portata all'estero»
Lo ipotizzano gli inquirenti. Fermati quattro uomini, già attenzionati dalla Procura antiterrorismo
FOTO
ITALIA
12 ore
Al via i primi Frecciarossa “Covid free”
Si sale soltanto con la prova di un test negativo. I primi treni sono partiti oggi da Milano e Roma
ITALIA
14 ore
«Un Pass Covid per spostarsi tra Regioni»
Dal 26 aprile tornano le zone gialle: si riaprirà «con prudenza» e all'insegna delle attività all'aperto
CILE
15 ore
Un anticorpo degli alpaca efficace contro il nuovo coronavirus (e le sue varianti)
Ma al momento la ricerca va a rilento a causa della mancanza di risorse economiche
STATI UNITI
16 ore
Strage al deposito FedEx, 8 morti e un movente ancora nell'ombra
La polizia conferma il bilancio delle vittime all'indomani della sparatoria
STATI UNITI
19 ore
Il Ceo di Pfizer: «Probabilmente servirà una terza dose»
Secondo Albert Bourla, è plausibile che si dovrà effettuare un richiamo a cadenza annuale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile