keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
Quattro incriminazioni per l'esplosione al porto di Beirut.
LIBANO
10.12.20 - 16:420
Aggiornamento : 17:00

Esplosione del porto di Beirut, incriminati l'ex premier e tre ex ministri

Per tutti l'accusa è negligenza: non hanno fatto nulla per smaltire dal porto il pericoloso carico di nitrato di ammonio

BEIRUT - Ci sono quattro incriminazioni per la maxi-esplosione avvenuta lo scorso 4 agosto nel porto di Beirut, che distrusse una vasta area della capitale libanese e che costò la vita a centinaia di persone.

Si tratta, come riferito dall'agenzia stampa statale, dell'ex primo ministro Hassan Diab e di tre ex ministri: Ali Hassan Khalil (Finanze), Ghazi Zaiter (Lavori pubblici) e il suo successore Youssef Fenianos. Tutti sono accusati di negligenza, per aver permesso l'accumulo di una ingente quantità di nitrato di ammonio (circa 2750 tonnellate) in un deposito nei pressi del porto. Fu proprio a causa di questo composto chimico - usato in agricoltura ma anche nella fabbricazione di bombe - che si verificò la deflagrazione, come fu chiaro fin dalle prime indagini. I successivi studi hanno accertato che si è trattato di «una delle più forti esplosioni (non nucleari) di sempre».

Le autorità locali e i funzionari della sicurezza sapevano da anni dell'esistenza di quel nitrato di ammonio, arrivato su un cargo russo nel 2013, ma si erano sempre disinteressate del suo smaltimento. Diab - che sta proseguendo come premier ad interim, in attesa della formazione di un nuovo governo - si era dimesso pochi giorni dopo la tragedia, insieme a tutto il suo governo. I responsabili dell'inchiesta per accertare le responsabilità dell'incidente del porto di Beirut sono stati accusati, prima di oggi, di eccessiva lentezza e di non aver voluto perseguire gli alti livelli della politica e dell'amministrazione libanese. Nei giorni immediatamente successivi all'esplosione furono arrestate 16 persone, tra le quali il direttore generale del porto di Beirut.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA / CITTÀ DEL VATICANO
11 min
Legge contro l'omofobia: il Vaticano si mette ufficialmente di traverso
Fatto senza precedenti, la Santa Sede ha attivato i proprio canali diplomatici perché il DDL Zan sia modificato.
CINA
3 ore
«Ormai è una questione di giorni»
Il tabloid di Hong Kong è finito nella morsa della legge sulla sicurezza cinese
ITALIA
9 ore
L'Italia senza mascherine (forse) dal 28 giugno
Il comitato tecnico-scientifico sembra orientato verso un allentamento anticipato
SUDAFRICA
15 ore
Non sono diamanti, ma cristalli di quarzo
Il valore delle "pietre misteriose" scoperte in Sudafrica crolla quindi drasticamente
GIAPPONE
18 ore
Vaccini a rilento, in Giappone si punta ora sulle aziende
L'iniziativa ha preso il via oggi. Toyota vaccinerà 80'000 persone. Rakuten 60'000.
FOTO
INDIA
21 ore
Arrivano i monsoni. E centinaia di corpi potrebbero finire nel Gange
Il numero di sepolture sulle sponde del fiume sacro è esploso a causa della pandemia
GERMANIA
1 gior
Euro 2020: Allianz Arena illuminata di arcobaleno contro Orbán e le sue leggi «omofobe»?
Lo chiede il Consiglio comunale di Monaco in occasione di Germania-Ungheria. Troppo politico?
STATI UNITI
1 gior
Maxi-incidente in autostrada, morti 9 minorenni e un 29enne
Tragico il bilancio di un tamponamento di massa avvenuto in Alabama
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Un'oasi verde sul fiume Hudson: ecco Little Island
La nuova attrazione "fluttuante" è costata 260 milioni di dollari e ospita decine di specie di piante
PORTOGALLO
1 gior
A Lisbona il 60% dei casi di Covid è di variante Delta
L'impennata dei contagi è legata all'apertura ai turisti (britannici) ma il vaccino sembra stia limitando i danni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile