Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
Quattro incriminazioni per l'esplosione al porto di Beirut.
LIBANO
10.12.20 - 16:420
Aggiornamento : 17:00

Esplosione del porto di Beirut, incriminati l'ex premier e tre ex ministri

Per tutti l'accusa è negligenza: non hanno fatto nulla per smaltire dal porto il pericoloso carico di nitrato di ammonio

BEIRUT - Ci sono quattro incriminazioni per la maxi-esplosione avvenuta lo scorso 4 agosto nel porto di Beirut, che distrusse una vasta area della capitale libanese e che costò la vita a centinaia di persone.

Si tratta, come riferito dall'agenzia stampa statale, dell'ex primo ministro Hassan Diab e di tre ex ministri: Ali Hassan Khalil (Finanze), Ghazi Zaiter (Lavori pubblici) e il suo successore Youssef Fenianos. Tutti sono accusati di negligenza, per aver permesso l'accumulo di una ingente quantità di nitrato di ammonio (circa 2750 tonnellate) in un deposito nei pressi del porto. Fu proprio a causa di questo composto chimico - usato in agricoltura ma anche nella fabbricazione di bombe - che si verificò la deflagrazione, come fu chiaro fin dalle prime indagini. I successivi studi hanno accertato che si è trattato di «una delle più forti esplosioni (non nucleari) di sempre».

Le autorità locali e i funzionari della sicurezza sapevano da anni dell'esistenza di quel nitrato di ammonio, arrivato su un cargo russo nel 2013, ma si erano sempre disinteressate del suo smaltimento. Diab - che sta proseguendo come premier ad interim, in attesa della formazione di un nuovo governo - si era dimesso pochi giorni dopo la tragedia, insieme a tutto il suo governo. I responsabili dell'inchiesta per accertare le responsabilità dell'incidente del porto di Beirut sono stati accusati, prima di oggi, di eccessiva lentezza e di non aver voluto perseguire gli alti livelli della politica e dell'amministrazione libanese. Nei giorni immediatamente successivi all'esplosione furono arrestate 16 persone, tra le quali il direttore generale del porto di Beirut.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
50 min
Nel mondo ci sono 38 milioni di sfollati interni
Fuggono da guerre, violenze e dai cataclismi naturali, compresi quelli provocati dai cambiamenti climatici
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
«Mosca usa armi laser? Segno che l'invasione è un fallimento»
Il presidente Zelensky annuncia inoltre: «Riprenderemo il controllo di Mariupol e le altre città occupate»
QATAR
4 ore
«La FIFA risarcisca i lavoratori per almeno 440 milioni»
Amnesty International chiede alla FIFA di risarcire chi ha subito violazioni dei diritti umani, e anche garanzie future
REGNO UNITO
10 ore
Il vaccino dopo il virus, per scongiurare il Long Covid
Secondo un ampio studio una dose in seguito all'infezione riduce del 13% il rischio di sintomi di lunga durata
ITALIA
11 ore
L'auto piomba nel cortile dell'asilo, morto un bimbo
Altri sei piccoli sono rimasti feriti nell'incidente e sono ricoverati in ospedale, di cui uno in prognosi riservata
SPAGNA
13 ore
Rilevati 20 casi di vaiolo delle scimmie, «basse probabilità di diffusione»
I tre focolai riguardano soprattutto uomini che si identificano come gay, bisessuali o uomini hanno rapporti con uomini
REGNO UNITO
16 ore
Inflazione alle stelle in Regno Unito, un inglese su quattro salta i pasti
Con un'inflazione superiore al 9% molte le famiglie, e le aziende, alla canna del gas. Londra però indugia
MOLDAVIA
19 ore
«Qualcuno vuole trascinarci in una guerra indesiderata»
La premier moldava Natalia Gavrilita su neutralità, le bombe in Transnistria e le tensioni nel Paese
INDIA
23 ore
«Sorvegliati a ogni passo, anche a far la spesa»
Kashmir: gli occhi del Governo hanno raggiunto tutte le attività commerciali, a spese dei negozianti
REGNO UNITO
1 gior
Sui pescherecci britannici che diventano prigioni
L'industria del pesce si avvale di un visto che non permette ai lavoratori migranti di licenziarsi o di scendere a terra
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile