keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
Quattro incriminazioni per l'esplosione al porto di Beirut.
LIBANO
10.12.20 - 16:420
Aggiornamento : 17:00

Esplosione del porto di Beirut, incriminati l'ex premier e tre ex ministri

Per tutti l'accusa è negligenza: non hanno fatto nulla per smaltire dal porto il pericoloso carico di nitrato di ammonio

BEIRUT - Ci sono quattro incriminazioni per la maxi-esplosione avvenuta lo scorso 4 agosto nel porto di Beirut, che distrusse una vasta area della capitale libanese e che costò la vita a centinaia di persone.

Si tratta, come riferito dall'agenzia stampa statale, dell'ex primo ministro Hassan Diab e di tre ex ministri: Ali Hassan Khalil (Finanze), Ghazi Zaiter (Lavori pubblici) e il suo successore Youssef Fenianos. Tutti sono accusati di negligenza, per aver permesso l'accumulo di una ingente quantità di nitrato di ammonio (circa 2750 tonnellate) in un deposito nei pressi del porto. Fu proprio a causa di questo composto chimico - usato in agricoltura ma anche nella fabbricazione di bombe - che si verificò la deflagrazione, come fu chiaro fin dalle prime indagini. I successivi studi hanno accertato che si è trattato di «una delle più forti esplosioni (non nucleari) di sempre».

Le autorità locali e i funzionari della sicurezza sapevano da anni dell'esistenza di quel nitrato di ammonio, arrivato su un cargo russo nel 2013, ma si erano sempre disinteressate del suo smaltimento. Diab - che sta proseguendo come premier ad interim, in attesa della formazione di un nuovo governo - si era dimesso pochi giorni dopo la tragedia, insieme a tutto il suo governo. I responsabili dell'inchiesta per accertare le responsabilità dell'incidente del porto di Beirut sono stati accusati, prima di oggi, di eccessiva lentezza e di non aver voluto perseguire gli alti livelli della politica e dell'amministrazione libanese. Nei giorni immediatamente successivi all'esplosione furono arrestate 16 persone, tra le quali il direttore generale del porto di Beirut.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
6 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
9 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
12 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
14 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
15 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
17 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
1 gior
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
1 gior
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
1 gior
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile