keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
Quattro incriminazioni per l'esplosione al porto di Beirut.
LIBANO
10.12.20 - 16:420
Aggiornamento : 17:00

Esplosione del porto di Beirut, incriminati l'ex premier e tre ex ministri

Per tutti l'accusa è negligenza: non hanno fatto nulla per smaltire dal porto il pericoloso carico di nitrato di ammonio

BEIRUT - Ci sono quattro incriminazioni per la maxi-esplosione avvenuta lo scorso 4 agosto nel porto di Beirut, che distrusse una vasta area della capitale libanese e che costò la vita a centinaia di persone.

Si tratta, come riferito dall'agenzia stampa statale, dell'ex primo ministro Hassan Diab e di tre ex ministri: Ali Hassan Khalil (Finanze), Ghazi Zaiter (Lavori pubblici) e il suo successore Youssef Fenianos. Tutti sono accusati di negligenza, per aver permesso l'accumulo di una ingente quantità di nitrato di ammonio (circa 2750 tonnellate) in un deposito nei pressi del porto. Fu proprio a causa di questo composto chimico - usato in agricoltura ma anche nella fabbricazione di bombe - che si verificò la deflagrazione, come fu chiaro fin dalle prime indagini. I successivi studi hanno accertato che si è trattato di «una delle più forti esplosioni (non nucleari) di sempre».

Le autorità locali e i funzionari della sicurezza sapevano da anni dell'esistenza di quel nitrato di ammonio, arrivato su un cargo russo nel 2013, ma si erano sempre disinteressate del suo smaltimento. Diab - che sta proseguendo come premier ad interim, in attesa della formazione di un nuovo governo - si era dimesso pochi giorni dopo la tragedia, insieme a tutto il suo governo. I responsabili dell'inchiesta per accertare le responsabilità dell'incidente del porto di Beirut sono stati accusati, prima di oggi, di eccessiva lentezza e di non aver voluto perseguire gli alti livelli della politica e dell'amministrazione libanese. Nei giorni immediatamente successivi all'esplosione furono arrestate 16 persone, tra le quali il direttore generale del porto di Beirut.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
1 ora
Aria inquinata? Più pericolosa del previsto
L'Organizzazione mondiale della sanità ha ridotto i livelli massimi di sicurezza di varie sostanze
BRASILE
8 ore
Un suo ministro è positivo: Bolsonaro in isolamento
All'Onu stanno cercando di tracciare i contatti di Marcelo Queiroga. Ci sarebbe anche Boris Johnson
STATI UNITI
12 ore
Perché il caso di Gabby Petito ha lasciato tutta l'America con il fiato sospeso
Fra teorie e ipotesi su TikTok e Instagram, la storia della 22enne scomparsa ha catalizzato la curiosità di una nazione
Italia
14 ore
Le mafie stanno sfruttando l'emergenza Covid per arricchirsi
L'Antimafia lancia un appello ai governi: «Bisogna far fronte comune e trattare questa emergenza come quella sanitaria»
GERMANIA
16 ore
Se non sei vaccinato e finisci in quarantena, il datore non deve pagarti
In Germania sarà così dal 1 novembre, conferma il Governo. Il motivo è che «esiste un vaccino che funziona»
AFGHANISTAN
17 ore
I talebani: «Fateci parlare alle Nazioni Unite»
Suhail Shaheen avrà il ruolo di esporre il punto di vista talebano nello scenario internazionale
LE FOTO
AUSTRALIA
20 ore
A Melbourne trema la terra, e anche la società
Giornata calda a Melbourne: prima, una scossa di terremoto di magnitudo 5.8, poi, le proteste in piazza
STATI UNITI
23 ore
La triste conferma: il corpo ritrovato è quello di Gabby Petito
L'FBI ha confermato che si tratta della 22enne, e anche che si presume si tratti «di omicidio»
MONDO
1 gior
Vaccini, «pesano più i profitti o le vite umane?»
L'accusa ai leader della farmaceutica da parte di Amnesty International, che ha pubblicato un rapporto a riguardo
GERMANIA
1 gior
Presunta presa d'ostaggi su un autobus: un arresto
Durante l'operazione è stato chiuso un tratto dell'autostrada A9
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile