Keystone
FRANCIA
26.09.20 - 13:380
Aggiornamento : 14:59

Attacco a Parigi, l'aggressore: «Non sopportavo le caricature di Maometto»

Il 18enne pachistano ha «riconosciuto» e «rivendicato» il suo atto. Pensava di attaccare Charlie Hebdo

PARIGI - Il pachistano di 18 anni che ieri con una mannaia ha ferito due persone davanti la vecchia sede di Charlie Hebdo ha confessato di averlo fatto perché «non sopportava le caricature del profeta Maometto» pubblicate di nuovo di recente dal giornale satirico.

Il pachistano Alì H. secondo le fonti dell'inchiesta, ha «riconosciuto» e «rivendicato» il suo atto. Stando a informazioni ottenute dalla tv BFM, l'uomo - del quale è stato prolungato lo stato di fermo - riconosce «una dimensione politica della sua azione».

Pensava di attaccare Charlie Hebdo - L'attentatore ha dichiarato agli inquirenti che pensava di agire contro la redazione di Charlie Hebdo, che invece si è trasferita in un luogo segreto e ultraprotetto da ormai 4 anni.

Lo rivelano fonti dell'inchiesta a Le Parisien. Il pachistano avrebbe dichiarato anche di aver perlustrato a più ripresa la zona prima di passare all'azione e la presenza di una bottiglia di alcool ieri nella sua borsa sarebbe dovuta al suo iniziale progetto di incendiare l'edificio.

Algerino ha tentato di fermarlo - L'algerino fermato ieri dopo l'attentato davanti agli ex locali di Charlie Hebdo, a Parigi, non era un complice dell'assalitore ma un uomo che lo aveva osservato e che ha tentato di fermarlo. Per questo, già ieri sera dopo poche ore di fermo è stato rilasciato.

L'uomo, 33 anni - secondo quanto trapela da fonti dell'inchiesta - è stato osservato discutere animatamente con Alì H. dopo il ferimento delle due vittime a colpi di mannaia. Poi si vede Alì fuggire e l'algerino avviarsi verso la metropolitana.

È lì, alla fermata di Richard Lenoir, che pochi minuti dopo è stato arrestato nonostante avesse spiegato agli agenti di aver provato a fermare l'attentatore. Una tesi poi illustrata con forza, durante le poche ore di fermo, dalla sua legale, Lucie Simon, agli inquirenti.

Secondo l'avvocata, l'algerino «non aveva alcun legame» con l'attentatore. Anzi, avrebbe aggiunto rivolta agli inquirenti, si è comportato «da eroe».

Macron e le famiglie - L'Eliseo ha fatto sapere oggi di aver «preso contatto con le famiglie delle vittime» dell'attentato con la mannaia, per «esprimere sostegno e solidarietà». L'Eliseo ha precisato anche che il presidente Emmanuel Macron, che non ha fatto dichiarazioni ieri, «non si esprimerà sull'episodio».

Visita a sorpresa di Castex - «I nemici della Repubblica non vinceranno»: lo ha detto oggi il primo ministro francese, Jean Castex, dopo l'attentato di ieri.

«Numerosi attentati - ha detto il premier nel corso di una visita alla sede centrale della polizia, in Prefettura - sono sventati regolarmente. Non scopriamo ora la minaccia. Ma quando, nonostante tutto, questi episodi si verificano, la risposta è immediata. È un messaggio molto forte. I nemici della Repubblica non vinceranno».

«Tenevo a venire da voi questa mattina - ha dichiarato rivolto ai poliziotti e al fianco del ministro dell'Interno Gérald Darmanin - per esprimervi il grazie mio e quello del governo».

La visita in Prefettura non era stata annunciata e si è svolta nella massima discrezione, senza presenza di giornalisti. Le parole del premier sono state riferite dal suo entourage.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
Italia
4 ore
Proteste contro il fascismo, «è un attacco alla dignità di tutto il Paese»
Centro-sinistra e sindacati chiedono che venga rivista la Costituzione italiana con nuove riforme
Regno Unito
5 ore
Accoltellamento David Amess, «è terrorismo»
L'uomo arrestato figurava tra le persone ritenute a rischio radicalizzazione
STATI UNITI
12 ore
No, l'ivermectina non cura il Covid. Ecco il perché
L'Infectious Diseases Society of America ha pubblicato un'infografica per far chiarezza. E il verdetto non lascia dubbi
GERMANIA
22 ore
Non sei vaccinato? Non fai la spesa
In Assia ogni rivenditore potrà scegliere se far rispettare la regola del 2G o del 3G
REGNO UNITO
1 gior
«Sono scioccato, era un amico e un uomo gentile»
Il premier ha commentato l'aggressione che ha portato alla morte del suo collega di partito Amess
REGNO UNITO
1 gior
Essex, deputato accoltellato a morte da uno sconosciuto
David Amess, 69 anni, è stato colpito più volte dal suo aggressore. La polizia ha già arrestato un 25enne
LE FOTO
ITALIA
1 gior
«No Green Pass!», «Libertà!», in seimila a protestare al porto di Trieste
Nonostante i disagi, per il momento le operazioni portuali proseguono, ha confermato il Presidente della regione
AFGHANISTAN
1 gior
Tre esplosioni in moschea, un'altra strage di sciiti
Un altro massacro tra i fedeli sciiti: la preghiera del venerdì è ormai nel mirino dei terroristi
STATI UNITI
1 gior
Uccise un'amica nel 2000, condanna a vita per il milionario Robert Durst
Vent'anni dopo il delitto, l'ormai 78enne è stato condannato al carcere a vita
KENYA
1 gior
Uccisione dell'atleta Agnes Tirop, arrestato il marito
L'uomo, unico sospettato dell'omicidio, stava tentando di lasciare il Paese. È stato arrestato a Mombasa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile