Keystone
GERMANIA
18.09.20 - 12:570

Forse un attacco hacker in un ospedale all'origine della morte di una donna

La paziente non ha potuto essere ricoverata, ed è stata inviata in una struttura più lontana.

DüSSELDORF - In Germania un attacco hacker in un ospedale potrebbe aver provocato la morte di una donna, che non ha potuto essere ricoverata ed è stata inviata in un'altra struttura all'arrivo al pronto soccorso. L'attacco, riporta il sito della rete Rtl, è stato di tipo "ransomware", in cui i dati vengono cifrati da un virus e gli autori chiedono un riscatto per consegnare la chiave per decrittarli.

Il fatto, hanno spiegato le autorità sanitarie, è avvenuto alla clinica dell'università di Dusseldorf, e gli hacker hanno sfruttato un "punto debole" di un software commerciale non specificato. Trenta server dell'ospedale la scorsa settimana sono stati cifrati, e come conseguenza diversi sistemi dell'ospedale sono saltati, con la struttura che ha deciso di chiudere gli accessi al pronto soccorso e posporre gli interventi chirurgici. Una nota lasciata su uno dei server chiedeva il riscatto, di circa 900 mila euro pagabili in bitcoin, all'università Heinrich Heine, affiliata all'ospedale, e non all'ospedale stesso.

La polizia di Düsseldorf ha quindi contattato gli hacker spiegando loro che avevano colpito l'ospedale e non l'università, e questi hanno ritirato la richiesta fornendo la chiave per decrittare i dati prima di far perdere le loro tracce. L'incidente è probabilmente costato la vita a una donna, che arrivata all'ospedale per in condizioni gravi è stata dirottata a Wuppertal, a circa 30 chilometri, con un ritardo di un'ora nelle cure. «Le indagini - hanno spiegato le autorità - sono ancora in corso per stabilire se c'è un nesso tra la morte e l'attacco, che se provato potrebbe far cambiare il capo di imputazione per gli autori del gesto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
2 ore
Niente più fame nel mondo? Basterebbe il 2% del patrimonio di Elon Musk
Il direttore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite invita i più ricchi del pianeta a «farsi avanti»
STATI UNITI
5 ore
Di cosa è morto Brian Laundrie? L'autopsia non dà una risposta
La vicenda dei due giovani continua a far parlare di sé, e sono ancora molte le domande senza risposta
FOTO
ITALIA
8 ore
Perché un ciclone ha investito la Sicilia: «Il Mediterraneo è sempre più tropicale»
Cosa si pensa che ci sia dietro al nubifragio che ha devastato Catania e che potrebbe protrarsi fino al fine settimana
TURKMENISTAN
12 ore
Doppio zero. Perché il Covid in Turkmenistan non esiste?
Ufficialmente non sono mai stati registrati casi o decessi. Ma per alcune fonti i morti sarebbero almeno 25'000.
STATI UNITI
20 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
23 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
1 gior
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
1 gior
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
1 gior
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
1 gior
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile