Depositphotos
ITALIA
14.09.20 - 15:350
Aggiornamento : 15:51

Uccide la sorella perché fidanzata con un trans? L'uomo si difende: «è stato un incidente»

Si è difeso il trentenne accusato della morte della 20enne deceduta sabato a Caivano

CAIVANO - «Maria Paola e io abbiamo dieci anni di differenza. È mia sorella, ma per me era quasi come una figlia. Non le avrei mai fatto del male. È stato un incidente, non ho speronato lo scooter».

Sono queste le dichiarazioni che ha rilasciato durante l'udienza il trentenne arrestato dopo l'incidente di sabato scorso, che ha portato alla morte della sorella, di soli 20 anni. Lo riporta laRepubblica.

La vicenda, lo ricordiamo, ruota intorno all'incidente stradale che ha avuto luogo sabato a Caivano, quando l'uomo avrebbe inseguito con la propria moto la sorella e il suo compagno, un transgender nato donna, per poi speronarli fino a provocare la caduta del loro motorino, e la morte della giovane.

Il movente? A quanto hanno comunicato i media italiani, sulla base delle indagini dei carabinieri, l'uomo non sopportava il fatto che la sorella frequentasse un trans, e non accettava il fatto che stessero per andare a convivere. Una teoria confermata dal giovane trans, rimasto ferito nell'incidente: «Stavamo insieme da tre anni ma la sua famiglia non voleva. Dicevano che eravamo due donne. Io però non sono una donna. Per loro invece sì. Addirittura, li ho sentiti dire che avrebbero preferito che la figlia morisse, piuttosto che stare con uno come me» ha dichiarato, ammettendo di aver ricevuto diverse minacce di morte.

Una versione che però non coincide con quella fornita dalla famiglia della giovane, che sostiene che il fratello era uscito per convincere la sorella a rientrare a casa, e che non l'ha speronata, ma che lo scontro fra moto e motorino è stato solo un tragico incidente. Sulla relazione di loro figlia, i genitori hanno da un lato ammesso che non ne erano contenti, ma anche che si stessero pian piano abituando.

Il 30enne è stato poi accusato di omicidio preterintenzionale, e l'udienza è stata fissata per oggi. «Non vedevo mia sorella da Ferragosto, non avevo più sue notizie. L'ho cercata perché volevo parlarle. È vero, ho inseguito il motorino, ma non l'ho speronato. Non avrei mai potuto farlo. È stato un incidente. Andavano a forte velocità, li ho visti sbandare e sono caduti» ha raccontato oggi l'uomo, visibilmente scosso.

Il Giudice per le indagini preliminari potrebbe far sapere la propria decisione già nel corso del pomeriggio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
11 ore
«Il vaccino? Non è una passeggiata»
La testimonianza di un partecipante ai trial di Moderna: «Ho avuto sintomi. Ma lo rifarò»
FOTO
AUSTRIA
12 ore
Tutti in coda, al via i test a tappeto
In caso di tampone rapido positivo viene subito effettuato anche un test molecolare
ITALIA
14 ore
«La sanità italiana è arrivata piuttosto fragile all'appuntamento con la pandemia»
A sostenerlo è l'istituto di ricerca Censis. Sulle restrizioni per Natale: «Quasi l'80% degli italiani è favorevole».
STATI UNITI
15 ore
Tutti i film di Warner Bros. nel 2021 andranno anche direttamente in streaming
Titoli come “Matrix 4”, “Dune” e “The Suicide Squad” non usciranno solo in sala. Una mossa senza precedenti
STATI UNITI
15 ore
Biden chiederà agli americani di portare la mascherina per 100 giorni
«Credo vedremo una riduzione significativa dei casi», ha promesso. La sua autorità, però, sarà limitata.
REGNO UNITO
18 ore
Vaccino anti Covid: primo carico arrivato nel Regno Unito
È stato depositato in un magazzino segreto. La distribuzione scatterà dal fine settimana.
ITALIA
18 ore
Obbligo di quarantena per chi rientra in Italia
Esentati coloro che viaggiano per motivi di lavoro o di studio
FOCUS
20 ore
Ammalarsi d'amore, sesso e Covid
Il virus ha sconvolto anche le modalità affettive e sociali d'interazione tra gli umani
MONDO
20 ore
Le motivazioni di chi fa circolare bufale e teorie del complotto
Ci sono quattro categorie di propagatori, secondo la classificazione di un saggio del 2009 di Cass Sunstein.
ITALIA
1 gior
Domani scatta il nuovo Dpcm, ecco le regole per le feste
Le ultime modifiche riguardano la scuola. Vietati gli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile