Depositphotos (archivio)
ITALIA
08.09.20 - 13:380

Colleferro, l'ombra dell'aggravante razziale sull'uccisione di Willy

Il 21enne è stato picchiato a sangue nella notte tra sabato e domenica per aver tentato di difendere un amico

COLLEFERRO - Ammazzato di botte a 21 anni per aver tentato di difendere un compagno di scuola. Così è morto Willy Monteiro Duarte, il giovane picchiato a sangue nella notte tra sabato e domenica a Colleferro, nella città metropolitana di Roma.

Contro di lui si sono scagliati in quattro, colpendolo ripetutamente a suon di calci e pugni. Il litigio era iniziato all'interno di un locale, proseguendo poi all'esterno. Ed è qui che il 21enne ha provato a intervenire, pagando il suo gesto con la vita. Una vicenda «tristissima e preoccupante», ha detto il prefetto Matteo Piantedosi, sulla quale ora aleggia anche l'aggravante razziale.

Se la ricostruzione sembra evidenziare un coinvolgimento dovuto al fatto di essersi trovato al proverbiale posto sbagliato nel momento sbagliato, gli inquirenti hanno il forte dubbio che gli aggressori abbiano poi infierito per via del colore della sua pelle. Un'ipotesi - si legge su Repubblica - che sembra avvalorata da alcuni commenti comparsi sui social e che viene sposata anche dagli amici della vittima.

«Le MMA non insegnano questo» - A essere emerso con una certa prepotenza è invece il profilo dei quattro arrestati, che come riportato dai media italiani non erano nuovi a gesti di violenza verso altri ragazzi.

Alcuni di loro erano appassionati e praticanti di arti marziali, attorno alle quali si è levato il consueto polverone. «Le MMA (Arti marziali miste, ndr.) non insegnano la violenza», ha spiegato Luca di Tullio, istruttore di due degli aggressori del 21enne ucciso, raccontando di aver già ripreso in passato i ragazzi dopo aver saputo che erano stati coinvolti in alcune colluttazioni. «Non sono il maestro dei killer».

Più duro ancora è stato il giudizio di Alessio Sakara, volto storico della disciplina in Italia, che alla Gazzetta ha parlato di «mele marce». «Usare lo sport come capro espiatorio è sbagliato, sbagliatissimo», ha detto alla "Rosa". «Non puoi mettere un’etichetta su qualcosa per colpa di due mele marce. La loro mentalità con le arti marziali non c’entra nulla. Anzi, nella vicenda il vero combattente, per mentalità, è stato Willy, che ha difeso un amico».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI / EUROPA
2 ore
Moderna: «Efficace al 100% contro i casi gravi»
«Potremmo cambiare il corso della pandemia» ha affermato il CEO di Moderna, Stéphane Bancel
EUROPA
3 ore
La clorochina può indurre «depressione, ansia, allucinazioni»
Attenzione agli effetti collaterali dei due farmaci, mette in guardia l'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA)
AUSTRIA
5 ore
Piste da sci: in Austria scricchiola il fronte pro apertura
Dal Tirolo si fa sentire la voce critica del sindaco di Sölden: «I numeri non consentono una riapertura».
ITALIA
5 ore
iPhone danneggiati dall'acqua: l'Italia infligge 10 milioni di euro di multa a Apple
Le pubblicità che vantano la capacità degli apparecchi di resistere all'acqua sono state giudicate ingannevoli.
AUSTRALIA / CINA
7 ore
Scontro fra Australia e Cina per un tweet «ripugnante»
Condanna, con un'immagine di dubbio gusto, le uccisioni di civili e prigionieri afghani da parte di soldati australiani.
VIDEO
STATI UNITI
9 ore
La pandemia chiude i club? Il jazz si trasferisce in strada
I Bad Motha’s del trombettista Wayne Tucker hanno trovato questa interessante alternativa artistica
REGNO UNITO
18 ore
Un anziano su cinque è vittima di abusi
Molte persone non considerano "abusi" determinati comportamenti dannosi, ed è parte del problema
STATI UNITI
20 ore
Trump si sfoga su Fox News: «La via della Corte Suprema sarà dura»
Nella prima intervista dopo le elezioni, ha ribadito la sua indisponibilità a concedere la vittoria a Biden.
REGNO UNITO
21 ore
«Il suo tampone è positivo»... anzi no
Le autorità britanniche hanno erroneamente comunicato a 1'300 persone di essere positive al Covid-19
NIGERIA
23 ore
Almeno 43 contadini sgozzati da miliziani islamisti
Il bilancio del massacro potrebbe arrivare a 70 vittime. Il presidente nigeriano: «Omicidi insensati».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile