Keystone
GERMANIA
28.08.20 - 12:500

Spinse un bimbo sotto il treno, internamento permanente

L'eritreo viveva a Wädenswil (ZH) con la moglie e tre figli piccoli ed era in cura per problemi psichici

Era ricercato anche dalle autorità svizzere per aggressioni avvenute commesse quattro giorni prima

FRANCOFORTE - Internamento permanente in un reparto psichiatrico: è la pena inflitta oggi dal Tribunale di Francoforte all'eritreo con problemi psichici, residente a Zurigo, accusato di aver ucciso l'anno scorso un bambino spingendolo sotto un treno in movimento. La vicenda aveva suscitato un acceso dibattito sulla sicurezza in Germania.

Il tribunale, che doveva stabilire se l'uomo, che vive in Svizzera da 14 anni, fosse penalmente responsabile delle sue azioni, ha quindi seguito le richieste dell'accusa. L'uomo era accusato di un omicidio, due tentati omicidi e lesioni gravi.

La mattina del 29 luglio 2019 l'uomo aveva spinto un bambino di otto anni e sua madre 40enne sotto un convoglio ICE che entrava nella stazione di Francoforte. Il piccolo era morto sul posto, mentre la mamma si era salvata all'ultimo secondo. Ferita e sotto shock, era stata trasportata all'ospedale. L'uomo, oggi 41enne, aveva tentato di spingere sotto il convoglio anche una 78enne, che però lo aveva fermato ed era riuscita a mettersi al sicuro.

Il sospetto viveva a Wädenswil (ZH) con la moglie e tre figli piccoli ed era in cura per problemi psichici. In seguito ai fatti, dopo un primo periodo in custodia cautelare, era stato trasferito in una clinica psichiatrica. Secondo la procura, al momento del folle gesto l'uomo soffriva di una psicosi schizofrenica. A causa di questa malattia non era in grado di intendere e di volere.

L'uomo, che non conosceva le sue vittime, era stato catturato dai passanti mentre cercava di fuggire. Era ricercato anche dalle autorità svizzere per aggressioni avvenute commesse quattro giorni prima. Egli non era stato controllato al momento del suo ingresso in Germania, nonostante la notifica della polizia elvetica contro di lui, che riguardava solo il territorio svizzero.

Poco prima dell'apertura del processo, la famiglia del bambino aveva per altro accusato gli inquirenti svizzeri e tedeschi della loro mancata collaborazione, in una lettera diffusa dal suo avvocato.

Il caso aveva provocato forte commozione sia in Germania che in Svizzera, portando anche a interventi politici: il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer aveva ad esempio manifestato l'intenzione di reintrodurre controlli alla frontiera elvetico-tedesca.

Nel giro di pochi giorni, erano stati raccolti più di 100'000 euro in donazioni per la famiglia del bimbo. Anche l'estrema destra aveva ripreso il caso per denunciare la politica migratoria del governo della cancelliera Angela Merkel, considerata troppo lassista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
57 min
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
10 ore
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
10 ore
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
13 ore
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
16 ore
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
ITALIA
19 ore
Incastrati da un festino gli stupratori del Varesotto
I due avevano violentato una 21enne su un convoglio delle Nord e assalito un'altra giovane alla stazione di Venegono
MONDO
LIVE
La Polonia annuncia la stretta: «Ci sono troppi morti»
Il premier polacco: «Discuteremo restrizioni per i non vaccinati». Air France vola di nuovo in Sudafrica, con quarantena
ITALIA
1 gior
È il giorno del "super Green Pass" italiano
A partire da oggi sarà necessario - per alcune attività - il nuovo Certificato Covid italiano, basato sul modello 2G
ITALIA
1 gior
Violenza sessuale sul treno e in stazione: due arresti
Si tratta di due giovani, un italiano e un nordafricano
FOTO
FRANCIA
1 gior
«La riconquista è ormai cominciata»
Tensione al primo comizio di Eric Zemmour da candidato all'Eliseo: manifestanti antirazzisti hanno fatto irruzione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile