Keystone
GERMANIA
28.08.20 - 12:500

Spinse un bimbo sotto il treno, internamento permanente

L'eritreo viveva a Wädenswil (ZH) con la moglie e tre figli piccoli ed era in cura per problemi psichici

Era ricercato anche dalle autorità svizzere per aggressioni avvenute commesse quattro giorni prima

FRANCOFORTE - Internamento permanente in un reparto psichiatrico: è la pena inflitta oggi dal Tribunale di Francoforte all'eritreo con problemi psichici, residente a Zurigo, accusato di aver ucciso l'anno scorso un bambino spingendolo sotto un treno in movimento. La vicenda aveva suscitato un acceso dibattito sulla sicurezza in Germania.

Il tribunale, che doveva stabilire se l'uomo, che vive in Svizzera da 14 anni, fosse penalmente responsabile delle sue azioni, ha quindi seguito le richieste dell'accusa. L'uomo era accusato di un omicidio, due tentati omicidi e lesioni gravi.

La mattina del 29 luglio 2019 l'uomo aveva spinto un bambino di otto anni e sua madre 40enne sotto un convoglio ICE che entrava nella stazione di Francoforte. Il piccolo era morto sul posto, mentre la mamma si era salvata all'ultimo secondo. Ferita e sotto shock, era stata trasportata all'ospedale. L'uomo, oggi 41enne, aveva tentato di spingere sotto il convoglio anche una 78enne, che però lo aveva fermato ed era riuscita a mettersi al sicuro.

Il sospetto viveva a Wädenswil (ZH) con la moglie e tre figli piccoli ed era in cura per problemi psichici. In seguito ai fatti, dopo un primo periodo in custodia cautelare, era stato trasferito in una clinica psichiatrica. Secondo la procura, al momento del folle gesto l'uomo soffriva di una psicosi schizofrenica. A causa di questa malattia non era in grado di intendere e di volere.

L'uomo, che non conosceva le sue vittime, era stato catturato dai passanti mentre cercava di fuggire. Era ricercato anche dalle autorità svizzere per aggressioni avvenute commesse quattro giorni prima. Egli non era stato controllato al momento del suo ingresso in Germania, nonostante la notifica della polizia elvetica contro di lui, che riguardava solo il territorio svizzero.

Poco prima dell'apertura del processo, la famiglia del bambino aveva per altro accusato gli inquirenti svizzeri e tedeschi della loro mancata collaborazione, in una lettera diffusa dal suo avvocato.

Il caso aveva provocato forte commozione sia in Germania che in Svizzera, portando anche a interventi politici: il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer aveva ad esempio manifestato l'intenzione di reintrodurre controlli alla frontiera elvetico-tedesca.

Nel giro di pochi giorni, erano stati raccolti più di 100'000 euro in donazioni per la famiglia del bimbo. Anche l'estrema destra aveva ripreso il caso per denunciare la politica migratoria del governo della cancelliera Angela Merkel, considerata troppo lassista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Compra un involtino e ci trova dentro un dito umano
È successo in provincia di Ravenna, subito scattati gli accertamenti. Il prodotto era stato confezionato in Spagna
MONDO
3 ore
Tre giorni di camera ardente per rendere omaggio a una leggenda
La salma di Diego Armando Maradona verrà esposta nel palazzo presidenziale della Casa Rosada di Buenos Aires.
STATI UNITI
3 ore
Alla fine Trump ha graziato Michael Flynn, il prossimo sarà Bannon?
L'amnistia al suo ex-consigliere, condannato durante il Russiagate, potrebbe essere la prima di una lunga serie
FOTO
THAILANDIA
5 ore
Sembrava ketamina, ma non lo era
Colossale «incomprensione» delle autorità thailandesi, che avevano annunciato un sequestro da un miliardo di dollari
STATI UNITI
13 ore
Ecco perché il vaccino non fermerà subito la pandemia
Previene la malattia, ma non l'infezione. Ma per l'esperta, «quando si vedrà l'effetto, lo faranno anche i più scettici»
FOTO
GERMANIA
15 ore
Pirata della strada semina il caos nel Baden-Württemberg
Ha rubato veicoli e provocato svariati incidenti, 150 poliziotti sono entrati in azione
ARGENTINA
16 ore
Una vita tra grandi colpi e cadute: il ricordo di Maradona
Il "Pibe de Oro" è scomparso oggi a 60 anni a causa di una crisi cardiaca
ARGENTINA
17 ore
È morto Maradona
L'ex calciatore si è spento a causa di un arresto cardiorespiratorio.
ITALIA
18 ore
L'Italia e lo sci: «L'UE non può vietare proprio nulla»
In merito alle pressioni di Roma, la Commissione precisa: «Ogni Stato membro decide autonomamente».
GERMANIA
18 ore
Soldati condannati perché gay: la Germania cancella le loro "colpe"
«Sono stati ufficialmente sfavoriti fino al 2000». Dovrebbero essere riabilitati e ricevere un indennizzo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile