keystone-sda.ch (archivio)
RUSSIA
26.08.20 - 13:180

«Come possiamo parlare di avvelenamento se non c'è un veleno?»

Il Cremlino mantiene la propria linea sul caso Navalny ed esclude uno strascico nei rapporti con l'Occidente

MOSCA - Mosca è interessata a stabilire le ragioni di ciò che è successo all'oppositore russo Alexei Navalny ma non è d'accordo sulle accuse di avvelenamento. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, sottolineando di non ritenere che il caso Navalny possa dar vita a un peggioramento dei rapporti con l'Occidente. Lo riporta la Tass.

«Vi sono diverse affrettate formulazioni, usate così abbondantemente, sul fatto che con alta probabilità ha avuto luogo un avvelenamento e così via, e noi le prendiamo con pazienza, ma non siamo assolutamente d'accordo con esse in questa fase», ha detto Peskov ai giornalisti secondo l'agenzia Interfax.

«Come possiamo parlare di avvelenamento se non c'è una sostanza velenosa?», ha affermato il portavoce di Putin riferendosi evidentemente al fatto che i medici russi hanno dichiarato di non aver trovato sostanze tossiche nel sangue di Navalny.

«Siamo categoricamente contrari - ha proseguito - al fatto che qualcuno appiccichi etichette nella situazione attuale, cioè che definisca come avvelenamento qualcosa che non è stato ancora confermato definitivamente come avvelenamento». I medici tedeschi, in base a diverse analisi indipendenti, ritengono invece che Navalny possa essere stato avvelenato con «una sostanza del gruppo degli inibitori della colinesterasi». «Siamo di sicuro interessati, non meno di altri, a comprendere cosa abbia fatto andare in coma il paziente curato in un ospedale di Berlino», ha aggiunto Peskov evitando di fare il nome di Navalny.

Il portavoce del Cremlino ha poi rifiutato di rispondere perché i funzionari del Cremlino non fanno mai riferimento all'attivista dell'opposizione Alexei Navalny per nome.

Alla domanda di un giornalista, se non fosse giunto il momento di cambiare la tradizione secondo cui i funzionari non si riferiscono a Navalny per nome, Peskov ha risposto: «È un paziente, ed è malato. È esattamente così che lo chiamiamo. Gli auguriamo comunque una pronta guarigione». Alla domanda se Navalny non sarà chiamato per nome neppure adesso, Peskov ha risposto: «Questo non cambia l'essenza della questione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
geiger 1 anno fa su tio
io si...tu?
Nazgul 1 anno fa su tio
Ok, quindi se per delirio di ipotesi accoltellassi qualcuno e distruggessi il coltello, al processo potrei dire "come si può parlare di accoltellamento se non esiste nessun coltello?" e farla franca? Mica male. Assolutamente ridicoli.
sedelin 1 anno fa su tio
@Nazgul infatti
Tato50 1 anno fa su tio
@Nazgul Non preoccuparti, ci sono altri metodi che possono fregarti ;-((
patrick28 1 anno fa su tio
Putin come Lukashenko. CRIMINALI al potere ! Popolo, cacciateli !!!
sedelin 1 anno fa su tio
@patrick28
Spirito1 1 anno fa su tio
Governo Russo...fatto di banditi e bugiardi...!
geiger 1 anno fa su tio
@Spirito1 io saro`anche un utili id..ta, tu solo id..ta!!
RV50 1 anno fa su tio
I bugiardi sono sempre i russi!!!! chissà perché quando a mentire sono gli altri allora tutto é regolare.... vedi inizio guerra in Irak secondo gli americani e inglesi in Irak dovevano trovare armi nucleari ecc...ecc invece niente di tutto ciò é stato trovato ma la guerra é stata iniziata con poi tutte le conseguenze seguite... Isis e via dicendo allora quello era giusto ? Siamo un po realisti e non sempre solo di parte ognuno ha le proprie colpe ...
sedelin 1 anno fa su tio
@RV50 tutto ciò che hai scritto non c'entra. qui si parla di navalny e del suo avvelenamento.
sedelin 1 anno fa su tio
@RV50 il mondo intero sa che i russi al potere avvelenano sistematicamente gli oppositori. é già successo più volte, in russia e fuori dalla russia.
RV50 1 anno fa su tio
@sedelin Io rispondevo a spirito 1" governo russo fatto di banditi e bugiardi" lascio a te decidere se pensare che solo i russi sono banditi e bugiardi
sedelin 1 anno fa su tio
@RV50 il maestro riprende un allievo perché ha insultato un compagno. l'allievo risponde " mica solo io l'ho fatto!" lascio a te pensare se il maestro ha fatto bene o no a riprendere l'allievo.
sedelin 1 anno fa su tio
la cricca di putin: mefitici bugiardi assassini!
geiger 1 anno fa su tio
mah.. vorrei vedere bene le analisi... mi fido più dei russi che di certi furboni europei....
sedelin 1 anno fa su tio
@geiger sei un chimico? maledetta ingenuità...
Mr.Dave 1 anno fa su tio
@sedelin e quindi il governo russo per far sparire un oppositore sarebbe tanto sciocco da avvelenarlo malamente? Credo che abbia mezzi e strumenti più efficaci per fare un lavoro più "pulito" e con meno risonanza politica e globale. Ma forse anche io sono un altro ingenuo...
sedelin 1 anno fa su tio
@Mr.Dave tanto sciocco da averlo già fatto più volte con altri dissidenti. quali altri mezzi?
seo56 1 anno fa su tio
Criminali e bugiardi!
Heinz 1 anno fa su tio
@seo56 Una volta la penso come te...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Stati Uniti
2 min
Sparatoria in un liceo: tre morti e sei feriti
La polizia ha fermato il killer, si tratterebbe di un ragazzo di 15 anni
FOTO
STATI UNITI
3 ore
«Sul quell'aereo ho trasportato diverse volte anche Bill Clinton»
Secondo giorno di processo per la vice di Epstein, alla sbarra il pilota della coppia: «Lei era chiaramente il numero 2»
AUSTRALIA
5 ore
In Parlamento, un dipendente su tre vittima di abusi sessuali
Il premier Scott Morrison ha commentato il rapporto: «Statistiche spaventose»
NORVEGIA
8 ore
A 10 anni dalla strage, Breivik continua a perseguitare i sopravvissuti
Anche le famiglie delle vittime continuano a ricevere lettere di minacce e di propaganda
ITALIA
11 ore
Long Covid, uno su due si sente sempre stanco
Uno studio evidenzia i sintomi più comuni per chi ha contratto il Covid: dolori, depressione e fatica a respirare
FOCUS
Cina
11 ore
Denuncia e poi scompare, il misterioso caso di Peng Shuai
La tennista, svanita dopo un'accusa di stupro alle alte sfere, è poi riapparsa. Ma i dubbi su quanto successo restano
STATI UNITI
13 ore
Omicron e vaccini: «calo sostanziale» dell'efficacia oppure no?
Il Ceo di Moderna Bancel prevede che la risposta sarà inferiore rispetto alla Delta. Più ottimismo, invece, da BioNTech
ISRAELE / ITALIA
1 gior
Respinto il ricorso del nonno: il piccolo Eitan rientra in Italia
La conferma della Corte Suprema israeliana: il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone sarà presto in Italia
SUDAFRICA
1 gior
«Omicron? Sintomi più lievi, ma anziani e casi a rischio stiano attenti»
Le parole della dottoressa sudafricana che ha scoperto la nuova variante: «Preoccupati? No. Sul chi vive? Sì»
REGNO UNITO
1 gior
Bufera di neve: 60 persone bloccate per due giorni in un pub
Una bufera legata alla tempesta Arwen ha isolato completamente il Tan Hill Inn, impedendo ai presenti di tornare a casa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile