keystone-sda.ch / STF (Mark Baker)
NUOVA ZELANDA
26.08.20 - 00:400

Covid, un caso senza collegamenti preoccupa Auckland

Un 30enne si è presentato in ospedale con sintomi. Ora è in terapia intensiva. Ma l'origine dell'infezione è sconosciuta

Nella città neozelandese si contano attualmente 110 casi attivi. La maggioranza sono ricollegati allo stesso nucleo familiari o al posto di lavoro.

AUCKLAND - La Nuova Zelanda sta fronteggiando da un paio di settimane una ripresa dei contagi da coronavirus, dopo mesi trascorsi praticamente senza nuovi casi. E fra questi - come riferiscono oggi "The Spinoff" e il "New Zealand Herald" - ce n'è uno che preoccupa particolarmente le autorità nazionali.

Venerdì scorso, un uomo sulla trentina si è presentato al "North Shore Hospital" di Auckland, mostrando sintomi della malattia. Ora si trova ricoverato in gravi condizioni in terapia intensiva. Nessuno però sa dove abbia contratto l'infezione.

Il virus è stato sequenziato e risulta collegato al focolaio di Auckland. Nel frattempo, tutti i familiari e i colleghi dell'uomo sono stati rintracciati dalle autorità sanitarie, ma nessuno è risultato positivo al test. Resta quindi avvolto nell'ombra il legame tra l'uomo e il focolaio.

Una "bandiera gialla" - «Il problema è il seguente: venire a sapere di un nuovo caso quando la persona si presenta in ospedale - un'eventualità rara in Nuova Zelanda - equivale a una "bandiera gialla". Significa che quella persona è infetta da diversi giorni», ha evidenziato il numero uno della sanità neozelandese, Ashley Bloomfield.

Al momento la città di Auckland conta 110 casi attivi di coronavirus, molti dei quali registrati all'interno di nuclei familiari e posti di lavoro. Ci sono però alcuni casi dei quali non è stato possibile ricostruire l'intera catena dell'infezione. Motivo per cui le autorità valutano la possibilità di estendere il lockdown della città. «L'origine» così come il «perimetro» del focolaio di Auckland non sono infatti ancora stati tracciati con certezza, ha spiegato il ministro Chris Hipkins. Motivo per cui il governo intende mantenere alto il numero di test effettuati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
33 min
I colloqui telefonici sulla Brexit continueranno domani
Si è conclusa con ancora molti punti da chiarire la chiamata fra Ursula von der Leyen e Boris Johnson
FOTO
GERMANIA
3 ore
San Nicolao all'acquario di Tönning
Il tradizionale appuntamento è stato trasmesso online a causa della pandemia
FOTO
CINA
6 ore
Fuga di gas in miniera: 18 operai morti
Il dramma si è compiuto in una miniera di carbone a Chongqing nel sudovest della Cina.
FOTO
ITALIA
9 ore
Carico di farmaci intercettato in aeroporto
Un viaggiatore proveniente dall'Etiopia aveva nascosto 26'000 compresse in valigia
RUSSIA
9 ore
Al via le vaccinazioni anti-coronavirus in Russia
Lo Sputnik V (così si chiama il vaccino) era stato registrato lo scorso agosto
ITALIA
10 ore
Traffico di profughi: diciannove fermi
Si tratta di un cartello collegato con gruppi criminali in Turchia e Grecia
BRASILE
11 ore
Brasile: un autobus precipita da un viadotto, almeno sedici morti
L'incidente si ê verificato nelle vicinanze di Joao Monlevade. La causa è un probabile guasto ai freni
STATI UNITI
1 gior
«Il vaccino? Non è una passeggiata»
La testimonianza di un partecipante ai trial di Moderna: «Ho avuto sintomi. Ma lo rifarò»
FOTO
AUSTRIA
1 gior
Tutti in coda, al via i test a tappeto
In caso di tampone rapido positivo viene subito effettuato anche un test molecolare
ITALIA
1 gior
«La sanità italiana è arrivata piuttosto fragile all'appuntamento con la pandemia»
A sostenerlo è l'istituto di ricerca Censis. Sulle restrizioni per Natale: «Quasi l'80% degli italiani è favorevole».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile