keystone-sda.ch / STF (Hassan Ammar)
I volti segnati dall'esplosione di Beirut.
+4
LIBANO
20.08.20 - 08:480

Beirut, la paura e le cicatrici dell'esplosione

Il volto di alcuni dei feriti dopo il disastro dello scorso 4 agosto, nel porto della capitale libanese

L'esplosione ha provocato almeno 178 morti e oltre 6'000 feriti. Gli sfollati sono oltre 300mila.

BEIRUT - Poco più di due settimane fa, una violentissima esplosione ha devastato parte della città di Beirut, uccidendo almeno 178 persone (alle quali si sommano almeno una trentina di dispersi) e provocando oltre 6'000 feriti. Un disastro, letteralmente, che ha lasciato profonde cicatrici, non sempre visibili, su tutta la popolazione libanese.

Il fotografo Hassan Ammar ha immortalato l'intensità di quel dolore in alcuni scatti che ritraggono alcuni protagonisti, involontari, di quella tragedia. I volti sfregiati; i punti di sutura; l'ombra dei lividi; gli occhi spesso sbarrati, se non del tutto chiusi. Qualcuno, come la piccola Yara - 4 anni -, accenna un timido sorriso; ma lo sguardo tradisce ancora la paura.

Shady Rizk, ingegnere informatico di 32 anni, è uno dei volti catturati da Ammar. Le cicatrici segno il suo volto trasversalmente dalla guancia sinistra al lato destro della fronte. Shady è l'autore di uno dei filmati che abbiamo visto più volte in queste due settimane.

Quando tutto è avvenuto si trovava in ufficio, al quinto piano di un edificio in vetro, a circa 400 metri dal quell'hangar, zeppo di nitrato d'ammonio. «Non riuscivo a vedere nulla all'inizio; c'era il vuoto totale», ha raccontato all'Associated Press. In quel limbo ha trascorso una ventina di minuti, poi ecco i soccorsi. «Credo abbiano sentito le nostra urla e così qualcuno è arrivato e ci ha portato in ospedale».

Il 32enne è stato travolto dall'onda d'urto e da una pioggia di schegge di vetro e sa che porterà con sé quei segni per tutta la vita. In tutto 350 punti di sutura. Cicatrici che, ha detto, «resteranno sulla mia faccia e sul mio corpo e racconteranno la mia storia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
4 ore
Processo Bygmalion, chiesti sei mesi di carcere per Sarkozy
L'ex presidente francese è accusato di aver superato il plafond delle spese elettorali nella campagna del 2012.
STATI UNITI
6 ore
Texas, non servirà più alcuna licenza per detenere un'arma
Il Governatore Greg Abbott sostiene che il Texas debba diventare un «santuario del secondo emendamento»
ITALIA
9 ore
Terapie intensive svuotate: «I degenti sono quasi solo non vaccinati»
I posti letto occupati nella vicina Penisola scendono al 5%. L'identikit dei malati gravi attuali.
ARGENTINA
12 ore
I medici «hanno ucciso Diego»
Nessuno di essi «ha fatto nulla per impedirlo», ha dichiarato l'avvocato di Dahiana Gisela Madrid
FOTO E VIDEO
CINA
13 ore
Cinque arresti nel più importante giornale pro-democrazia di Hong Kong
L'operazione di polizia è stata possibile grazie alla controversa "legge sulla sicurezza nazionale"
FOTO
CINA
15 ore
Il ritorno della Cina nello spazio
Tre astronauti sono partiti per una missione con equipaggio di tre mesi nella stazione spaziale
COREA DEL SUD
1 gior
Molka, o la paura di essere riprese dalla webcam di uno sconosciuto
Un fenomeno diffuso nel quotidiano sudcoreano e un incubo per milioni di donne. La denuncia: «Pochissimi pagano»
ITALIA
1 gior
Il video che mostra la caduta della funivia del Mottarone trapelato sul web
Le immagini della fune che si spezza, a pochi metri dall'arrivo, finite sul web. Ci si interroga su come sia successo
ITALIA
1 gior
Emergenza fino a fine anno? L'Italia ci pensa seriamente
La proroga, secondo fonti vicine al "premier" Mario Draghi, sarebbe già «certissima».
ITALIA
1 gior
Oggi i funerali di Camilla Canepa
L'autopsia ha confermato il decesso per emorragia cerebrale, i pubblici ministeri hanno parlato con i suoi genitori
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile