Keystone
STATI UNITI
10.08.20 - 18:400

Di nuovo a processo Ron Jeremy: «È il Weinstein del mondo del porno»

L'attore, regista e produttore di film a luci rosse di nuovo in tribunale. Molteplici le accuse di molestie e stupro

NEW YORK - L'industria del porno ha trovato il suo Harvey Weinstein: dopo anni di vani tentativi, la procura di Los Angeles ha portato in giudizio Ron "Porcospino" Jeremy, per decenni una delle più note star di film a luci rosse, per aver aggredito sessualmente almeno tre donne.

Jeremy, secondo le accusatrici, avrebbe usato la sua posizione in una industria in cui, come ha detto una di loro, "siamo tutte puttane", per aggredire o violentare donne con impunità.

Come Weinstein, condannato a 23 anni a New York e sotto incriminazione a Los Angeles, l'imputato ha negato di avere mai avuto rapporti non consensuali con le sue prede: «Mai nella sua vita ha fatto sesso con una donna costringendola con la forza», ha detto il suo avvocato, Stuart Goldfarb.

L'annuncio delle incriminazioni ha dato il via a una valanga di nuove accuse da parte di altre donne, adesso al vaglio della procura: «Ognuna di noi - ha detto una delle presunte vittime - può raccontare una storia su Ron».

Vero nome Ron Jeremy Hyatt, "Porcospino" ha recitato in oltre duemila film a luci rosse, un record raggiunto solo dal leggendario John Holmes, il "re del porno" morto di Aids a 44 anni nel 1988.

Rare, ma di spicco, le incursioni fuori dal cinema per adulti: nel 1986 era stato consulente speciale per "Nove Settimane e Mezzo", dieci anni dopo per "Boogie Nights" di P.T. Anderson. Se condannato, Jeremy rischia ora di morire in carcere: le accuse per cui è finito sotto processo comportano una pena cumulativa fino a 90 anni di prigione.

I capi di imputazione risalgono agli ultimi sei anni: locali di West Hollywood come l'Abbey e il Roxy erano teatro delle scorribande del 67enne pornodivo. "Jeremy si approfittava delle vittime.

Usava il suo stato di persona influente nell'industria del porno per avvicinare donne e abusare di loro dopo averle fatte ubriacare", ha detto al Los Angeles Times Carlos Marquez, un veterano delle inchieste su crimini sessuali della contea di Los Angeles.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
3 ore
Auto sulla folla a Treviri, nessuna prova di terrorismo
«Non abbiamo alcun indizio per pensare ad un motivo politico, terroristico o religioso» ha dichiarato la procura
FRANCIA
3 ore
La Francia vuole impedire ai francesi di sciare all'estero
Lo ha annunciato oggi il presidente Macron, spiegando che l'intenzione è di adottare misure restrittive e dissuasive
SVEZIA
3 ore
«Usciva sempre da sola, non parlava mai di lui»
I residenti del quartiere coinvolto non si capacitano di come nessuno abbia mai notato nulla
BELGIO
6 ore
Festino illegale (con orgia) durante il lockdown
Scandalo per un party che ha coinvolto diversi diplomatici e anche un eurodeputato ungherese
GERMANIA
7 ore
Auto sui passanti a Treviri: tra le vittime anche una bambina
Almeno due i morti. La polizia: «Non possiamo ancora dire se si tratti di terrorismo».
ITALIA
8 ore
Novembre, mortalità quasi raddoppiata al Nord
L'aumento medio è stato del 75%. Ma in città come Torino e Milano il balzo è maggiore
SVEZIA
9 ore
Una casa «da film dell'orrore»
La 70enne, che è stata arrestata, avrebbe vietato al figlio di uscire per decenni per proteggerlo
GERMANIA / STATI UNITI
10 ore
Anche Pfizer e BioNTech richiedono l'approvazione in Europa
Dopo quello di Moderna, anche il loro vaccino sarà esaminato dall'Agenzia Europea per i Medicinali
ITALIA
13 ore
Duro colpo alla Camorra, in manette anche il boss Senese
L'operazione è scattata all'alba in 3 regioni portando all'arresto di 28 persone. Fermato anche un noto ultrà laziale
MONDO
15 ore
«Insieme sarebbero il quinto paese al mondo»
235 milioni di persone avranno bisogno di aiuti umanitari nel 2021. L'ONU annuncia un piano da 35 miliardi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile