keystone-sda.ch (Eric Villars)
+3
MAURITIUS
09.08.20 - 13:310

Marea nera alle Mauritius, Tokyo manda gli esperti

La petroliera, lunga 300 metri, si è incagliata il 25 luglio. Il 6 agosto ha iniziato a perdere carburante

PORT LOUIS - Il governo di Tokyo invierà una squadra di esperti alle Mauritius per fornire assistenza dopo la fuoriuscita del combustibile dalla nave di proprietà di un armatore giapponese e il rischio di un disastro ambientale senza precedenti.

Un team di sei persone partirà lunedì mattina alla volta di Port Louis, la capitale dell'isola situata 550 chilometri a est del Madagascar, dove si è arenata la petroliera.

L'esecutivo nipponico ha spiegato in un comunicato che il team ha una conoscenza specifica delle attività di soccorso nella gestione dei disastri ambientali e nella rimozione di sostanze inquinanti a salvaguardia degli ecosistemi.

Nella squadra ci sono 4 membri della Guardia costiera nazionale, un funzionario del ministero degli Esteri e uno della Agenzia della Cooperazione internazionale.

Separatamente, in una conferenza stampa il vice presidente della Mitsui O.S.K., Akihiko Ono, si è scusato per l'incidente e ha promesso di contribuire al meglio per risolvere il caso in maniera spedita in cooperazione con la società armatrice proprietaria della nave, Nagashiki Shipping Co.

Quasi 4'000 tonnellate nel serbatoio - La petroliera lunga 300 metri, varata nel 2007, era salpata dalla Cina, via Singapore, con destinazione finale in Brasile. Trasportava circa 3'800 tonnellate di petrolio quando si è incagliata il 25 luglio a Pointe d'Esny, una zona protetta dalla Convenzione di Ramsar sulle zone umide, situata vicino al parco marino di Blue Bay, un altro ecosistema a rischio.

Da giovedì mattina oltre 1000 tonnellate di petrolio si sono riversate in mare, costringendo il premier mauriziano Pravind Jugnauth a dichiarare uno "stato di emergenza ambientale".

keystone-sda.ch (Eric Villars)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 1 mese fa su tio
..e l'hanno lasciata sbattere sulle rocce bella piena per 11 giorni.
lollo68 1 mese fa su tio
@francox C'era il mare grosso che impediva qualsiasi operazione come quella di aspirare il petrolio!
francox 1 mese fa su tio
@lollo68 Mah, non hanno nemmeno messo le barriere di contenimento. Atterriamo sulle comete. Cavolo, qualcosa avrebbero potuto tentare.
sedelin 1 mese fa su tio
basta con il petrolio!
curzio 1 mese fa su tio
@sedelin Raccontami come ti trovi con la tua macchina elettrica.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile