keystone-sda.ch
+3
LIBANO
07.08.20 - 09:210
Aggiornamento : 09:46

Beirut, ospedali già pieni per il Covid. Poi l'esplosione

Il Libano sta vivendo una grave crisi sanitaria. E il sistema era già sotto pressione a causa della pandemia

BEIRUT - Almeno 135 morti, oltre 5’000 feriti e 300’000 persone sfollate. Sono impietose - e con ogni probabilità destinate a crescere ancora - le cifre del disastro avvenuto martedì scorso a Beirut. Una devastante esplosione che è stata un po' come la proverbiale pioggia che si abbatte su di un terreno già bagnato.

Martedì mattina, poche ore prima del disastro, i vertici del principale ospedale pubblico della capitale libanese, in prima linea nella gestione dell'emergenza del nuovo coronavirus, avevano annunciato di essere vicini a un punto di non ritorno.

Il numero di nuovi casi giornalieri ha fatto segnare un repentino aumento a partire dalla seconda metà di luglio. Una situazione che, considerata la crisi economica e sanitaria che il Libano sta vivendo, sembrava già indicare un orizzonte buio.

Inutile dire che la tragedia del porto ha proiettato il sistema sanitario in un nuovo scenario da incubo. Il ministero della Sanità ha annunciato l'apertura di diversi ospedali da campo per curare le migliaia di feriti, con sezioni ad hoc per i pazienti positivi al Covid-19.

La situazione però, considerato anche lo stato d'agitazione della popolazione, è tutt'altro che sotto controllo. E la paura è che questo possa essere la scintilla di un peggioramento anche nella lotta alla pandemia. «Con questo panico, temo che il ricovero in ospedale dei feriti e l'utilizzo delle scorte di materiale protettivo possano avere un impatto sul numero di contagi da coronavirus nei prossimi 10 giorni», ha detto il ministro libanese Hamad Hassan, citato dall'agenzia statale NNA.

keystone-sda.ch / STF (WAEL HAMZEH)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 10 mesi fa su tio
ancora con la pandemia?! é una tragedia e basta!
momo73 10 mesi fa su tio
@sedelin cheddici? erano sacchi pieni di covid e nitrato di ammonio ed è stato il covid a innescare il botto attivato da una goccia di saliva.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
«I palazzi non vengono giù da soli»
Sotto le macerie del condominio crollato a Miami Beach sono sepolti diversi misteri. E non si sa quante persone
GERMANIA
6 ore
L'ultimo discorso di Angela
La cancelliera tedesca ha parlato al Bundestag per l'ultima volta (forse). Un addio dopo 16 anni
REGNO UNITO
7 ore
Malato di Covid per 10 mesi consecutivi
Dave Smith ha avuto 42 test PCR positivi ed è stato ricoverato sette volte, ma è ancora vivo
UNIONE EUROPEA
8 ore
Orban marcato stretto a Bruxelles per la legge “omofoba”
I leader uniti: «Posizioni incompatibili con l'Ue», lui però si difende: «È pensata per difendere bambini e famiglie»
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
8 ore
«Ci stiamo preparando a ricevere cattive notizie»
Le operazioni di soccorso dopo il crollo della palazzina in Florida potrebbero proseguire per una settimana.
ETIOPIA
10 ore
Bombardato un mercato, muoiono in 64, colpiti anche diversi bambini
Un nuovo massacro di innocenti nel Tigray, ma l'Esercito nega: «Erano ribelli travestiti da civili»
FOTO
STATI UNITI
13 ore
Dalle macerie di Miami estratta la prima vittima
I soccorsi ancora al lavoro dopo il crollo nella notte di un palazzo di 12 piani a Miami Beach
STATI UNITI
14 ore
Quelle tracce del Covid prima del dicembre 2019 pubblicate sul Cloud
Erano state postate e poi cancellate da un team cinese, uno studioso americano però le ha ritrovate
FOTO
STATI UNITI
17 ore
Crolla un palazzo a Miami Beach: «È stato prima come una bomba e poi come un terremoto»
Soccorsi sul posto in forze, si temono diverse vittime ma non è ancora chiaro come sia capitato
STATI UNITI
19 ore
«Chiedo scusa... Me ne vergogno»
Una 49enne dell'Indiana si è mostrata pentita davanti al giudice
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile